La scommessa Apc, 38% in meno sui costi energetici

Pubblicato il: 23/02/2010
Redazione ChannelCity

Grazie all'adozione della suite InfraStruxure Management Software, Apc aiuta a individuare gli sprechi energetici nel sistema IT e ottimizzare i consumi.

Senza stravolgere la propria organizzazione, ma semplicemente sfruttando al meglio le risorse disponibili o con investimenti mirati, è possibile risparmiare fino al 38% della spesa energetica dell'infrastruttura IT. Di questo si dice convinta Apc, e per dimostrarlo ha messo a punto l'evoluzione della propria suite InfraStruxure Management Software, estendendo la serie di funzioni studiate per individuare le diverse opportunità di risparmio, per esempio attraverso il corretto dimensionamento dei dispositivi dell'infrastruttura fisica del data center. 
Il software opera a supporto delle attività di  pianificazione, previsione e  definizione del budget sul breve e sul lungo termine.

Le novità introdotte permettono ai responsabili del data center e ai manager IT di ottenere una visione completa della qualità di servizio nell''infrastruttura fisica del data center, dell'utilizzo complessivo dell'energia al suo interno e dei vari costi a essa associati
Oltre alle tradizionali funzioni di monitoraggio e controllo dell'alimentazione, del raffreddamento, della sicurezza e delle condizioni ambientali nell'infrastruttura, la suite contiene funzioni per la simulazione predittiva, il calcolo della capacità inutilizzata, il controllo dell'età e dello stato di salute delle apparecchiature, per conoscere il livello attuale e lo storico dell'efficacia nell'uso dell'energia, ma anche l'utilizzo dell'energia e i relativi costi.  
In dettaglio, il pacchetto InfraStruxure include Energy Efficiency, Operations, Central 6.0 e Mobile 6.0. Adottando uno o più dei moduli disponibili, diventa possibile identificare  le perdite di efficienza basandosi sui fatti concreti e sapere quanta energia viene utilizzata per il funzionamento dei sistemi IT installati, rispetto al consumo complessivo della struttura. Inoltre, attraverso un cruscotto Web, i responsabili del data center possono analizzare quanta energia viene effettivamente utilizzata a livello di sottosistema, e quindi capire come migliorarne l'efficienza energetica. È infine possibile controllare e gestire tutti i dispositivi dell'infrastruttura fisica di rete, integrandoli con altri sistemi di gestione per una visione completa del data center. La nuova versione del software permette inoltre una comunicazione bidirezionale con infrastrutture di alimentazione e sistemi di edificio quali i generatori o  le unità di trattamento dell'aria.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social