Assinform, rafforzare il peso dell'ICT nel sistema produttivo italiano

Pubblicato il: 20/07/2010
Autore: Redazione ChannelCity

L'assemblea Assinform conferma la giunta e vara nuovi programmi per dare più peso all'ICT nella politica economica italiana.

L'Assemblea Assinform ha confermato, rafforzandola, la Giunta già in carica, varato nuovi programmi e rinnovato il Collegio dei Revisori.
Il rafforzamento della Giunta, formata da delegati eletti dall'Assemblea e con il compito di proporre programmi e cariche associative, avviene con l'ingresso di Anna Di Silverio (Hewlett Packard) e Alessandro Pegoraro (BT). 
L'Assemblea ha anche approvato le linee di indirizzo  2011-2012, arricchite da:
- nuovi programmi per affermare la centralità degli investimenti ICT nelle politiche per lo sviluppo, l'innovazione nella PMI, la competitività del Made in Italy, l'ammodernamento della PA;
- iniziative per diffondere la consapevolezza del grande peso che il settore ICT ha nel sistema produttivo e occupazionale italiano, e della conseguente opportunità di favorirne la crescita; 
- una collaborazione sempre più spinta con le Associazioni Territoriali di Confindustria, per consolidare una presenza  estesa a tutte le aree del Paese ed estendere i servizi agli associati..

Al vertice del Collegio dei Revisori dei conti è ora Maurizio Lauri.
Paolo Angelucci, Presidente di Assinform, giunto a compimento  del suo primo anno di mandato, ha così commentato: "L'Assemblea ha rafforzato squadre e programmi ambiziosi e concreti, che convergono su un solo obiettivo: quello di dare sempre più voce all'ICT,  quarto  settore industriale italiano con 97 mila imprese e  390 mila addetti. Dopo la manovra restrittiva, ci attendiamo il varo di una politica economica di accelerazione della crescita, in cui l'industria informatica italiana dovrà essere chiamata a fornire un significativo contributo in termini occupazionali e di aumento della produttività delle imprese italiane, mettendo in campo misure di sostegno e incentivi all'innovazione".

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social