Microsoft, dopo Facebook ora Twitter nelle mire di Steve Ballmer?

Pubblicato il: 13/12/2010
Autore: Andrea Sala

Microsoft ha ammesso di aver tentato di comprare Facebook, ma senza successo. Intanto Steve Ballmer e Dick Costolo, CEO di Twitter, sono stati visti insieme e la cosa ha scatenato una ridda di supposizioni. Eccole.

Microsoft ha tentato di acquisire Facebook, ma senza successo. La notizia arriva proprio da Redmond e rivela che il gigante americano tentò la scalata al sito blu già nel 2007 offrendo ben 15 miliardi di dollari.
La somma, però, non dev'essere sembrata abbastanza a Mark Zuckerberg che ha rifiutato l'offerta di acquisizione ma ha accettato il "contributo" da 240 milioni di Microsoft per l'integrazione di Bing nel social network.
microsoft-dopo-facebook-ora-twitter-e-nelle-mire-d-1.jpg

Le mosse sempre più social di Redmond, però, trovano riscontro anche in un'altra notizia che ha sollevato una ridda di rumors e indiscrezioni. Il CEO di Microsoft, Steve Ballmer, e quello di Twitter, Dick Costolo, sono stati visti insieme per una colazione, probabilmente di lavoro.
Il fatto ha suscitato voci che vanno da una possibile acquisizione a un accordo esclusivo: d'altronde Microsoft da sempre ha dimostrato una predilezione per il microblog, integrandolo nella dashboard di Xbox 360 e portandolo in fretta su Windows Phone 7.
Se Microsoft riuscisse davvero a mettere le mani sarebbe il primo vantaggio "reale" per Redmond contro i "nemici" Google e Facebook. BigG, infatti, non dispone di alcun social network credibile, dopo il sostanziale fallimento di Buzz e Wave, e il settore è uno dei pochi in cui il colosso della websearch non è leader sul web.
Microsoft potrebbe anche integrare meglio i Tweet in Bing, oppure nel device e nei servizi Zune, come già sta facendo Apple con il suo social network Ping in iTunes.
Insomma Redmond avrebbe solo da guadagnare. Restiamo in attesa di eventuali aggiornamenti, aggiornamenti che non è detto arrivino. Poteva anche trattarsi solo di una colazione.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social