Giappone, per la centrale di Fukushima è una corsa contro il tempo che però sembra vana

Pubblicato il: 16/03/2011
Redazione ChannelCity

Gli esperti sono sempre più pessimisti. La crisi nucleare a Fukushima si sviluppa secondo lo scenario peggiore, sostengono gli scienziati Russi mentre la Francia teme la catastrofe nucleare. Gli Usa ammoniscono; dal reattore 4 rischio radiazioni estremamente alte.

L'incubo della catastrofe nucleare in Giappone ora dopo ora diventa sempre più concreto. Il presidente dell'autorità americana che regola l'attività nucleare in Usa, Gregory Jaczko, ha dichiarato che il serbatoio di stoccaggio del reattore 4 della centrale nucleare di Fukushima non contiene più acqua, il che potrebbe causare livelli "estremamente elevati" di radiazioni.
Nel frattempo il team francese di soccorritori ha lasciato Sendai per ritirarsi 350 km a Nord per il forte rischio radiazioni e sempre la Francia ha messo a disposizione due aerei di Stato per il rimpatrio dei suoi connazionali. Anche la Farnesina invita gli italiani presenti sul suolo giapponese al rientro in Italia.

La situazione dal Giappone, devastato prima dal terremoto e successivo tsunami venerdì scorso, non volge al bello visto che continuano ad arrivare notizie preoccupanti per quanto riguarda lo stato della centrale atomica di Fukushima, impianto pesantemente danneggiato dall'evento sismico.
Nella centrale nucleare di Fukushima, in Giappone, tra il 15 e il 16 marzo, si sono verificate tre esplosioni e due incendi nei reattori 2 e 4 e si è vista una nube di fumo salire dalla centrale, proveniente dal reattore numero 3.
Tutti i lavoratori nell'impianto nucleare di Fukushima, esclusi 50 tecnici volontari, sono stati evacuati perchè ormai è troppo elevato il rischio di contagio radioattivo.
Infatti i livelli di radioattività sono estremamente fluttuanti, con alti picchi accompagnati dalla ricaduta verso il basso. Una radioattività che preoccupa tutti: dai soldati Usa che sono rimasti investiti dalla radioattività mentre portavano soccorso alla popolazione, alle compagnie aeree che stanno trovando situazioni alternative per i propri piloti e in alcuni casi stanno valutando l'oportunità di non fare più scali in giappone o almeno a Tokyo.
Nel frattempo sulla costa est del Giappone c'e' stata un'altra forte scossa di terremoto a magnitudo 6.


Intanto è stata completamente evacuata un'area di 30 km attorno alla centrale di Fukushima e dopo la rinuncia all'uso di elicotteri, per le radiazioni troppo elevate, sono pronti i cannoni ad acqua per raffreddare i reattori e droni per controllarle dal cielo le varie situazioni..
Gli esperti sono sempre più pessimisti: la crisi si sviluppa secondo lo scenario peggiore,sostiene il capo dell'agenzia atomica russa, Kirienko, mentre la Francia teme la catastrofe nucleare. Gli Usa: dal reattore 4 rischio radiazioni estremamente alte.
E l'imperatore, per la prima volta, parla in Tv cercando di confortare la popolazione giapponese ma non nascondendo che la faccenda è tremendamente seria.

Categorie: Notizie

Tag:

Area Social