Roma, sciopero mezzi pubblici lunedì 30 maggio

Pubblicato il: 29/05/2011
Autore: Redazione ChannelCity

A Roma bus, metro e tram si fermeranno dalle 8,30 alle 17 e dalle 20 a fine del servizio. Saranno a rischio anche le ferrovie urbane Roma Lido, Termini Giardinetti e Roma Civita-Castellana Viterbo e le linee bus periferiche gestite da Roma Tpl.

Domani, lunedì 30 maggio, si fermeranno i lavoratori del settore "trasporti" della città di Roma bloccando la normale attività del servizio pubblico. Sono coinvolti nello sciopero sia i mezzi di superficie che la metropolitana capitolina.
roma-sciopero-mezzi-pubblici-lunedi-30-maggio-1.jpgLe modalità dello sciopero prevedeono il blocco del servizio pubblico dalle 8,30 alle 17 e dalle 20 a fine del servizio.
Ssaranno a rischio bus, tram, metro e ferrovie urbane Roma Lido, Termini Giardinetti e Roma Civita-Castellana Viterbo e le linee bus periferiche gestite da Roma Tpl.
Per le linee 077, 218, 702, 764, 767 e 768 di Roma Tpl. Inoltre, dalle 11,30 alle 15,30 i disagi potranno essere maggiori per una concomitante protesta di 4 ore indetta da Filt Cgil, Fit Cisl, Ulitrasporti e Ugl Trasporti in una società' del Consorzio.
Gli scioperi, spiega l'Agenzia per la Mobilità di Roma Capitale "Si svolgeranno nel rispetto delle fasce di garanzia previste dalla legge 146/90".
Nella protesta è coinvolto il personale viaggiante e interno, compresi addetti alla verifica dei titoli di viaggio, addetti ai parcheggi, ausiliari del traffico e lavoratori delle biglietterie. Esclusi invece  portieri, guardiani, addetti ai  centralini telefonici e ai servizi di sicurezza compresi quelli delle metropolitane.
La protesta, che coinvolge anche i dipendenti comunali e delle Aziende capitoline, indetta da Usb comparto trasporti, è nazionale e intercategoriale ed è stato proclamato dalla confederazione Unione Sindacale di Base e da Faisa Cisal.
Lo sciopero Usb trasporti coinvolgerà Roma i lavoratori dell' Atac e Roma Tpl mentre lo sciopero Faisa Cisal solo i lavoratori dell'Atac. Lo ricorda l'Agenzia per la Mobilità

Piloti, assistenti di volo e personale di terra degli aeroporti scioperano dalle 10 alle 14. Lo stop dei treni sarà dalle 14 alle 18 mentre Bus, metro, tram e ferrovie concesse si fermeranno secondo modalità stabilite localmente e nel rispetto delle fasce di garanzia.
Per venerdì 6 maggio, l'articolazione territoriale della organizzazione sindacale FILT CGIL ha aderito allo sciopero generale nazionale di 4 ore proclamato dalla Segreteria Confederale della CGIL.
A Milano l'agitazione è prevista dalle 18 alle 22: durante questa fascia oraria saranno quindi possibili disagi. Servizio regolare dal mattino fino alle 18 e dalle 22 al termine.
A Como, per la funicolare Como-Brunate gestita da Atm, possibili disagi, invece, dalle 10 alle 14. . Per ulteriori informazioni: sito internet http://www.atm-mi.it e numero verde 800.80.81.81
A Roma dalle 8,30 alle 12.30; a Napoli dalle 9,30 alle 13,30; a Torino dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18; a Firenze dalle 17.30 alle 21.30; a Venezia dalle 10 alle 13; a Genova dalle 9,30 alle 17; a Bologna dalle 19.30 a fine turno; a Bari dalle 20 a fine turno; a Cagliari 10 alle 14 e a Palermo dalle 9,30 alle 13,30.
Interessati allo stop dei trasporti anche navi e traghetti che ritarderanno di 4 ore le partenze, gli autisti di camion per tutto l'arco della giornata, i lavoratori portuali per 4 ore per ciascun turno di lavoro, gli addetti alle autostrade per 4 ore al termine di ciascun turno ed il personale dell'Anas per l'intera giornata.
Stop di 4 ore anche per l'autonoleggio, il soccorso autostradale, le autoscuole, i trasporti funebri e gli impianti a fune.
Nei trasporti, spiega la Filt, ''gli effetti della crisi sono tuttora pesanti e con le ultime decisioni del Governo hanno raggiunto i servizi di carattere sociale, con pesanti tagli ai trasferimenti di spesa pubblica nel trasporto locale (TPL e FS), il blocco della contrattazione (Anas) e il conseguente acuirsi delle difficolta' finanziarie, produttive e occupazionali delle aziende pubbliche''.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social