CRESCO6, il nuovo supercomputer Lenovo presso l’ENEA di Portici

Pubblicato il: 24/07/2018
Ernesto Sagramoso

Il sistema è stato installato presso l’Ente di ricerca sulle energie alternative, oggi il più potente centro di calcolo del Sud Italia

Continua il successo dei supercomputer targati Lenovo con l’installazione presso l’ENEA di Portici di un nuovo sistema composto da ThinkServer SD530, della famiglia ThinkSystem. CRESCO6, questo il nome del nuovo elaboratore, nasce da una collaborazione fra ENEA e Cineca, il centro Italiano che fornisce servizi di supercalcolo alle Università e ai Centri di Ricerca Italiani e Europei. La nuova installazione contribuisce con la sua potenza di calcolo alla ricerca sul clima, allo studio di nuovi materiali, alla simulazione di sistemi complessi per la generazione di energia con basso impatto ambientale, a simulazioni per la gestione delle infrastrutture critiche, a studi biotecnologici e di chimica computazionale, e allo sviluppo di codici per la fusione nucleare.

CRESCO6 fornisce inoltre alcuni servizi di calcolo a Eurofusion, la comunità che studia la fisica della fusione nucleare nell’ambito del progetto ITER (International Thermonuclear Experimental Reactor), progetto che si propone di realizzare un reattore a fusione nucleare capace di produrre più energia di quanta ne consumi.

Alessandro de Bartolo, Country General Manager per l’Italia di Lenovo Data Center Group, ha affermato che “siamo molto soddisfatti di proseguire la nostra collaborazione con Cineca ed ENEA, che aveva visto Lenovo già protagonista nella realizzazione del progetto Marconi. La prima implementazione era partita a Bologna nel 2016 ed è proseguita nel suo piano di aggiornamenti successivi fino ad arrivare all’attuale implementazione, che ora va a potenziare significativamente l’infrastruttura CRESCO di Portici. Con CRESCO6, le tecnologie di Lenovo vanno a potenziare ulteriormente le capacità di ricerca scientifica, teorica e applicata, consentendo all’Italia di dare il proprio contributo nello sforzo per risolvere le sfide più importanti dell’umanità”.
alessandro de bartoloAlessandro de Bartolo, Country General Manager per l’Italia di Lenovo Data Center GroupL'annuncio del nuovo sistema CRESCO6 è stata l’occasione per fare il punto sul mercato dei supercomputer. Partendo dal fatturato, Il Datacenter group di Lenovo ha registrato nel corso del secondo trimestre 2018 un incremento rispetto al trimestre dall’anno precedente del 44% a livello mondiale, mentre le performance della regione EMEA sono state ancor più significative poiché si è raggiunto un +66% anno su anno. 

Bisogna poi sottolineare come l’International Supercomputing Conference (ISC) di Francoforte, ha certificato che ben 117 supercomputer della classifica globale “TOP500” sono di Lenovo. Come ha ricordato Kirk Skaugen, Presidente di Lenovo Data Center Group, "l'anno scorso, ci eravamo preposti di raggiungere l'obiettivo di diventare il più grande fornitore al mondo di sistemi di calcolo TOP500 entro il 2020. Abbiamo raggiunto questo obiettivo due anni prima del nostro piano originale. Questo risultato importante è una testimonianza del nostro impegno a dare sempre la priorità alla soddisfazione del cliente, offrire innovazione e prestazioni all'avanguardia ed essere il partner più affidabile al mondo per i data center. Siamo motivati ​​ogni giorno dal lavoro che gli scienziati fanno nella ricerca pionieristica per risolvere le più grandi sfide dell'umanità, e vogliamo dar loro le risorse per compierla".
top500Ben 117 supercomputer della TOP500 sono di Lenovo
Area Social