Home schooling, la connettività veloce passa da TP-Link

L’ampia gamma di soluzioni professionali del vendor permette di realizzare all’interno delle scuole infrastrutture di rete capaci di garantire una gestione del traffico veloce ed efficace anche in contesti ad alta densità. Facilmente configurabili e gestibili da remoto, tutti i prodotti sono coperti da garanzia a vita e vengono veicolati da un ecosistema di partner costantemente formato sulle specifiche esigenze del settore Education

Vendor
L’emergenza sanitaria innescata dalla pandemia in corso ha costretto il mondo della scuola a ripensare i propri modelli didattici, affidandosi alla tecnologia come fondamentale strumento abilitante. “Per poter essere efficace questo nuovo modello smart deve, però, prevedere un ecosistema sinergico composto da più fattori: un’ottima infrastruttura di rete, scuole dotate di tecnologia adeguata e un capitale umano in grado di valorizzarla. Tre fattori che in Italia presentano numerose criticità. La copertura di rete nel nostro Paese non è, infatti, ancora adeguata a servire tutte le realtà presenti sul territorio e le disparità risultano evidenti soprattutto quando parliamo di banda ultra-larga. Per quanto riguarda la tecnologia presente nelle scuole italiane, ci si confronta poi spesso con reti obsolete e impossibilitate a integrare nuovi strumenti digitali con i tradizionali metodi d’insegnamento” afferma Luca Siboni, Distribution Key Account Sales Manager di TP-Link, ricordando come il capitale umano, inclusivo di chi insegna, dirige la scuola e apprende, rappresenti un ulteriore punto critico. Poche scuole hanno attivato, infatti, corsi dedicati agli insegnanti e chi tra questi usa strumenti digitali spesso lo fa solo dopo aver reperito informazioni in rete in modo autonomo. Gli stessi studenti che oggi devono fruire delle lezioni online stanno pagando le scelte di un sistema scolastico che in passato non ha sufficientemente incentivato l’integrazione degli strumenti digitali nella didattica. Tutti elementi che oggi limitano le vere potenzialità dell'home schooling.

Eppure, gli strumenti tecnologici sono ampiamente disponibili. Da parte sua, TP-Link propone, per esempio, soluzioni wireless e networking professionali, ideali per realizzare l’infrastruttura di rete interna degli istituti scolastici, garantendo una copertura ottimale e una gestione del traffico veloce ed efficace anche in ambienti ad alta densità con molti utenti connessi contemporaneamente. In particolare, tutta la gamma di prodotti business di TP-Link (con i suoi access point, switch, router Vpn e controller di rete professionali) assicura la massima scalabilità e sicurezza di rete, mettendo a disposizione prodotti facilmente configurabili e gestibili da remoto, il che riduce tempi e costi d’intervento tecnico. Quest’ultimo rappresenta un aspetto particolarmente importante, che rende le soluzioni TP-Link accessibili a tutte le strutture scolastiche, considerato il loro limitato costo di acquisto e di gestione. “Un forte plus delle nostre soluzioni è, poi, costituito dalla loro garanzia a vita, fornita da TP-Link su l’intera gamma business, oltre al servizio di supporto pre-vendita e post-vendita assicurato a tutti i nostri partner” aggiunge Siboni, sottolineando come lo stop dovuto all’emergenza sanitaria in corso abbia reso estremamente evidente la necessità di innovare il settore didattico con investimenti infrastrutturali e formativi per ripartire a settembre con strumenti adeguati.

“Negli ultimi due mesi le attività di digitalizzazione hanno riguardato soprattutto le famiglie, che si sono dovute attrezzare con connessioni e strumenti adatti a fruire delle lezioni online. Questo processo ha reso evidente quanto il Digital Divide sia un problema reale e causi una disparità nell’accesso alla formazione” chiarisce il Sales Manager, convinto che i prossimi mesi saranno invece contrassegnati da un maggiore fermento all’interno delle scuole per le crescenti richieste di rinnovamento delle infrastrutture wireless degli edifici, sostenute anche dai nuovi fondi messi a disposizione dal Governo.
luca siboni distribution key account sales manager di tp linkLuca Siboni, Distribution Key Account Sales Manager di TP-Link

Parola d’ordine: formazione
TP-Link è sempre stata in prima linea nell’organizzazione di percorsi formativi dedicati ai partner per metterli in condizione di offrire un adeguato servizio nelle fasi di pre e post-vendita. “Tipicamente organizziamo corsi live, che si tengono presso i cash and carry dei distributori, webinar formativi e corsi online di certificazione. I dealer vengono, poi, tenuti costantemente informati grazie alla nostra area partner. In occasione dell’emergenza sanitaria, abbiamo però voluto sviluppare un programma formativo più ampio, gratuito e rivolto a tutti coloro che eraro interessato ad approfondire le tematiche legate alla connettività” spiega Siboni. Sono stati, quindi, realizzati sei webinar a tema smart working e home schooling corredati di un servizio di consulenza tecnica live per fornire risposte pratiche a chi si è dovuto confrontare con un nuovo metodo di lavoro e di studio, che ha reso necessario adeguare la connessione domestica. L’iniziativa è stata così apprezzata che il vendor ha subito organizzato nuovi corsi dedicati ai temi Mesh Wi-Fi e Wi-Fi 6, tutti con un altissimo numero di partecipanti registrati.

“Per il mondo della scuola abbiamo programmato anche un corso ad hoc che si terrà il 28 maggio e presenterà le soluzioni professionali TP-Link rivolte al settore Education attraverso l’analisi di un’interessante case history appena realizzata” precisa il Sales Manager, ricordando come l’offerta del vendor si arricchisca costantemente di nuove soluzioni progettate per questo specifico settore grazie all’integrazione di tutte le più recenti innovazioni tecnologiche. “La smart school, intesa come affiancamento dei tradizionali metodi di insegnamento con quelli digitali, presuppone una struttura di rete in grado di renderla fruibile a tutti: studenti e docenti. Per quanto ci riguarda, siamo pronti a supportare questo processo di innovazione con le nostre soluzioni e la nostra competenza in campo wireless e networking, dando un adeguato supporto a tutti i nostri partner” conclude Siboni, aggiungendo che oggi TP-Link sta aumentando il numero delle risorse dedicate al suo canale per essere ancora più attiva sul fronte formativo e nell’affiancamento alla realizzazione dei progetti.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Situazione del mercato Il nuovo panorama delle minacce

Speciale

Alla ricerca di un nuovo modello di business

Speciale

Cybersecurity 2022

Speciale

Complessità e compliance mettono in crisi la difesa dai cyberattacchi? Ecco la bussola per mettere al sicuro ripartenza e imprese

Speciale

2022, l'Anno che verrà

Calendario Tutto

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter