La nuova era di Avaya

Pubblicato il: 03/01/2018
Ernesto Sagramoso

Dopo la riorganizzazione l’azienda americana ha deciso di quotarsi al New York Stock Exchange per ritornare ad essere una public company. Nuove attività per i partner.

Le vicissitudini di Avaya sono ben note, dopo aver ottenuto la protezione del Chapter 11 ha infatti iniziato una profonda ristrutturazione che è terminata alla fine del 2017 con il dimezzamento del debito, importanti fondi per il rilancio e la decisione di tornare ad essere quotata in borsa.
Nel commentare questa notizia Andrea Ragazzi, amministratore delegato di Avaya Italia e VP Southern Europe, ha sottolineato che “E' un nuovo giorno per la nostra azienda. Abbiamo ristrutturato il debito durante un percorso che è durato 11 mesi. Il risultato della riorganizzazione è stato migliore del previsto, ora abbiamo un debito del 50% inferiore rispetto all’inizio del percorso e 300 milioni di liquidità da investire in ricerca e sviluppo. Inizialmente non era previsto che andassimo in borsa. Avaya per 10 anni è stata un’azienda privata ma tra poco torneremo a essere una public company quotata al NY Stock Exchange”.
avaya andrea ragazzi
Avaya ha inoltre annunciato un nuovo CEO, un nuovo management e sta spostando il proprio focus sulle applicazioni e sul cloud. Ed è proprio in quest’ottica deve essere vista la vendita della divisione del networking, divisione non più strategica per l’azienda. Andrea Ragazzi ha poi sottolineato che “la nostra mission è quella di aiutare le aziende ad essere maggiormente competitive attraverso le relazioni con i clienti. La applicazioni cloud saranno il nostro focus negli anni a venire. Noi abbiamo tre asset forti che ci garantiscono il successo della nuova strategia. Il primo sono i clienti che ci hanno supportato anche in questo periodo difficile e hanno dimostrato una fedeltà encomiabile. Il secondo sono le nostre persone: abbiamo una squadra fortissima con una competenza tecnologica, una dedizione e un coraggio considerevoli. Su di loro si baserà l’Avaya del futuro. Il terzo ma non ultimo per importanza sono i nostri partner, poiché siamo un’azienda con il 70/75% del fatturato ottenuto tramite la vendita indiretta. Abbiamo dei partner certificati e punteremo sempre di più su quelli che decidono di investire su di noi e sulle soluzioni cloud”.
avaya massimo palermoParlando specificatamente di distribuzione, Massimo Palermo, country manager Avaya Italia, ha ricordato che “abbiamo reso il nostro partner program che si chiama Avaya Edge più consono alla nuova direzione strategica che stiamo seguendo. Siamo una società di software che vede nel cloud il modello vincente di delivery. Stiamo selezionando i partner, che fortunatamente non ci mancano, premiando chi ha competenze software e ci può quindi aiutare a portare sul mercato il cloud. In Italia abbiamo circa 200 partner attivi. Poiché la qualità vale più della quantità, ci concentreremo solo su quelli che vogliono investire su Avaya e su cui Avaya investirà. Questo richiede un grosso impegno non solo economico da entrambe le parti. Il consolidamento comporterà una maggiore qualità nei servizi e un maggiore guadagno per i partner selezionati”.
Per quanto riguarda l’Italia, Avaya si appoggia su un mix di distributori internazionali e locali. Tra i primi ricordiamo Westcon e Itancia, mentre tra i secondi Fiore e Asit.
avaya paolo bergaminiParlando invece di clienti, l’azienda annovera, oltre alla Pubblica Amministrazione, anche le più importanti aziende italiane tra cui Autostrade, Generali ed Enel. Per il futuro prevede una grossissima accelerazione del mercato Finance, poiché le banche stanno subendo una profonda trasformazione diventando sempre più digitali.
Paolo Bergamini, Avaya Solutions Engineering Director Europe South ha ricordato che "Avaya ha lanciato da un mese e mezzo un nuovo programma di Accademy con l’assunzione di 50 giovani neolaureati su cui si baserà il futuro dell’azienda. In un anno cercheremo di far loro conoscere Avaya e di capire quali siano le loro attitudini. Alla fine li indirizzeremo nelle aree a loro più consone come prevendita, vendita o consulenza. Appena arrivati sono stati 10 giorni in California presso la casa madre”.

Categorie: Vendor

Tag:

Area Social