Avaya, il canale cresce col cloud e con nuovi programmi

Pubblicato il: 05/12/2018
Edoardo Bellocchi

Al Partner Summit 2019 in corso a Dubai, le linee guida per il nuovo anno e molte novità negli ambiti del cloud e degli strumenti di integrazione.

Dubai – Direttamente dalla Capitale degli Emirati Arabi Uniti, dove è basato l’headquarter di Avaya International, la filiale che segue tutte le attività di Avaya nelle aree Emea e Asia-Pacifico, la società attiva nei contact center e nelle comunicazioni unificate rilancia le sue ambizioni facendo leva su un canale che è sempre più al centro delle strategie dell’azienda.
Durante la due giorni dell'Avaya Partner Summit 2019, al quale sono intervenuti circa 500 partecipanti, e la presenza di ChannelCity come unica testata italiana, sono stati infatti presentati alcuni aggiornamenti al programma Avaya Edge, volti a consolidare i risultati raggiunti nell’anno solare che si sta per terminare.
avaya partner summit 2019Fadi Moubarak, Vice President Channels di Avaya International

Numeri di rilievo

Con il programma Edge, nel corso del 2018 Avaya ha infatti conseguito ottimi traguardi nella crescita del business dei partner: tra il 2017 e il 2018, il numero di partner qualificati per gli sconti è aumentato del 281 per cento, mentre il numero di partner che hanno registrato una crescita superiore al 10 per cento è aumentato del 159 per cento.
Logico quindi che la strategia per il 2019 parta da questi risultati positivi: come ha evidenziato Fadi Moubarak, Vice President Channels di Avaya International, “le nostre strategie di sviluppo devono essere sempre allineate con quelle dei nostri partner se vogliamo raggiungere i nostri obiettivi, in modo da avere un percorso di crescita vantaggioso per tutti nel 2019”.
Per favorire questa crescita, nel corso del prossimo anno Avaya concentrerà l’attenzione su tre aree chiave: maggiore enfasi sul cloud, soluzioni complete basate sull’ecosistema delle API, e infine innovazioni tecnologiche.

L’anno del cloud

Più in dettaglio, nel 2019 sarà “l’anno del cloud”, con la possibilità per i partner di canale di implementare più facilmente prodotti basati su cloud, con offerte sia per il mid-market sia per l’ambito enterprise. E dato che la gamma di servizi Avaya basati su cloud continua a espandersi, le opportunità di crescita saranno interessanti per tutti i partner, sia grandi sia piccoli.
L’annuncio più rilevante è quello di Avaya Cloud Private (ACP), che consente ai partner di canale di proporre soluzioni UCaaS (Unified Communications-as-a-Service) e CCaaS (Contact center-as-a-Service) personalizzate ai clienti che desiderano funzionalità sofisticate. Grazie ad ACP, i partner Avaya sono ora in grado di offrire soluzioni cloud private, pubbliche o ibride, oltre che prodotti tradizionali on-premise per i clienti enterprise.
Come è stato evidenziato nel corso dell’evento di Dubai, ACP va a completare il portafoglio cloud di Avaya in modo che ora ci siano offerte a tutti i livelli. I partner di canale che stanno cercando di far crescere le loro attività con le offerte cloud di Avaya ora possono farlo, sia che stiano iniziando a offrire prodotti basati su cloud, sia che siano già attivi in questo ambito: “dal mid-market alle opzioni standardizzate e alle distribuzioni cloud private altamente personalizzabili, ora c'è un’offerta per tutti”, è stato sottolineato.

Nuovi strumenti di integrazione

Infine, le piattaforme di comunicazione basate su standard aperti di Avaya, disponibili tramite i programmi Avaya DevConnect e Avaya AI Connect, che prevedono per esempio l'integrazione di intelligenza artificiale e biometrica nei flussi di comunicazione per creare esperienze omni-channel, permetteranno ai partner di canale di fornire ancora più soluzioni verticali specifiche ai propri clienti. Non solo: l'ecosistema aperto di Avaya potrà essere sempre più sfruttato dai partner di canale per creare le proprie soluzioni, anche grazie al fatto che nel corso del 2019 le capacità delle API e SDK di Avaya continueranno ad arricchirsi.
“Le API forniranno sempre più rapidità e semplicità di integrazione, mentre i client SDK porteranno semplicità e rapidità nella personalizzazione”, ha sottolineato Moubarak, anticipando anche l’introduzione di una serie di API su Avaya CPaaS volte a fornire funzionalità di interfacciamento con le principali piattaforme social.
Area Social