vPro e Unite, l'accoppiata vincente di Intel

Pubblicato il: 15/07/2019
Ernesto Sagramoso

L’azienda di Santa Clara ha presentato le Cpu vPro di nona generazione e la versione 4 di Unite, per la collaboration business.

Per aiutare a risolvere i problemi legati agli ambienti IT complessi, con centinaia di client sparsi in più sedi, Intel propone la piattaforma vPro, che comprende oggi anche i processori di nona generazione. Si tratta di una combinazione di tecnologie che includono Cpu, chipset specifici, controller di rete, componenti di memoria e interfacce di I/O progettate per ottimizzare la produttività aziendale. “vPro è una tecnologia che da oltre dieci anni viene inserita all’interno di alcune piattaforme. Garantisce una gestione di classe superiore, oltre a un’elevata sicurezza e stabilità. Tra le novità ricordo il supporto alle memorie Optane H10, WiFi 6 opzionale e un’immagine stabile per almeno 15 mesi” evidenzia Paolo Canepa, Partner Sales Account Manager Emea.
canepa

vPro, i vantaggi

I vantaggi offerti da vPro sono molteplici, a partire da una semplificazione del management dei personal computer. Grazie infatti ad Active Management si è in grado di gestire i PC di una Lan da remoto e in maniera centralizzata. Sfruttando poi la funzionalità Kvm (Keyboard-Video-Mouse) è poi possibile connettersi a un elaboratore per lavorare come se si fosse seduti davanti allo stesso. Poiché il problema della sicurezza è sempre più attuale, la piattaforma vPro include Intel Hardware Shield, una nuova tecnologia che offre misure di sicurezza volte a impedire modifiche non autorizzate del Bios della scheda madre. I nuovi vPro di nona generazione, disponibili in versione S per desktop e H per i portatili di fascia alta, includono fino a 8 core, grafica Uhd di nona generazione, un controller di memoria DDR4 dual channel e il nuovo Platform Controller Hub Q370. Le Cpu della serie S, disponibili con Tdp da 35, 65 e 95 watt, consentendo la progettazione sia di desktop tradizionali sia di sistemi all-in-one con schermo touch. I processori della serie H sono disponibili in 3 versioni tutte con TDP di 45 watt.

La collaborazione business secondo Intel

Sempre nell’ambito business, Intel ha annunciato la versione 4 di Unite, la soluzione per la collaborazione aziendale dell’azienda di Santa Clara. Sviluppata sulla base della piattaforma vPro, offre importanti funzioni di sicurezza, stabilità e gestibilità. Si tratta di un mix di hardware e software che semplifica la gestione delle meeting room ed è compatibile con le principali soluzioni di comunicazione unificata come Skype for Business, Cisco WebEx e Zoom. Per consentire l’utilizzo di Unite a quelle aziende medio piccole senza Edp manager, Intel ha poi presentato Unite Cloud Service, che consente di fruttare questa soluzione tramite cloud.
Alessandro Dumini, Emea Unite Sales & Customer Enablement Manager di Intel, nell’introdurre la soluzione Unite ha ricordato che... “circa sei anni fa in Intel abbiamo fatto una survey e ci siamo accorti che ogni meeting incominciava mediamente con dieci minuti di ritardo poiché i partecipanti arrivavano in sala riunioni e perdevano tempo nel cercare l’adattatore, il dongle, ecc. Banalità che moltiplicate per il numero di persone coinvolte e il numero delle riunioni si traducevano in centinaia di ore sprecate. Per questa ragione, visto che in commercio non esistevano soluzioni che risolvessero questo problema, abbiamo deciso di svilupparla internamente ed è nato Unite. Questa soluzione permette di entrare in una sala riunioni e, sfruttando il network esistente, di collegarsi a un display senza la necessità di un cavo”.
duminiInfine uno studio commissionata da Intel a Forrester Consulting ha rilevato che Unite, grazie alla facilità di collegarsi allo schermo e di passare da un relatore all'altro, riduce i tempi di inattività fino al 15% rispetto alle altre soluzioni esistenti. Lo stesso studio ha anche determinato che funzionalità come la condivisione multischermo, l'accesso remoto da qualsiasi luogo e l'integrazione senza problemi dei plug-in possono contribuire a rendere le riunioni ancora più efficienti del 5%.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Area Social