googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Achab porta Cameyo in Italia

Per abilitare un lavoro da remoto smart e sicuro, Achab ha inserito nel proprio portfolio Cameyo, una soluzione che punta a semplificare il lavoro di MSP e utenti, rendendo accessibili le applicazioni Windows tramite browser secondo la logica dell’anytime, anywhere, any device

Distributori
Per rispondere in maniera concreta alla richiesta crescente di soluzioni sicure in grado di abilitare il lavoro da remoto, il distributore Achab ha esteso il proprio portafoglio portando in Italia, una soluzione in grado di rendere accessibili le applicazioni Windows in maniera semplice e sicura secondo la logica dell’anytime, anywhere, any device. In particolare, Cameyo è una soluzione che punta a semplificare il lavoro di MSP e utenti consentendo un accesso veloce, semplice e sicuro alle applicazioni Windows tramite browser, senza richiedere complesse configurazioni o l’utilizzo di VPN e desktop remoti.

Cameyo consente, infatti, di trasformare qualsiasi applicazione Windows in un’applicazione HTML5: è sufficiente collegarsi a un qualsiasi browser tramite l’URL corrispondente all’applicazione desiderata per eseguirla in tutta semplicità in qualsiasi momento, ovunque ci si trovi e indipendentemente dal device utilizzato. La soluzione può essere utilizzata direttamente sui server cloud pubblici (Google Cloud e Azure), on premise o nel proprio datacenter. Cloud nativo, connessione tramite protocollo HTTPS e autenticazione unica (SSO) con credenziali Microsoft e Google garantiscono una totale protezione dei dati aziendali senza i rischi connessi all’utilizzo di una classica VPN.

Numerosi i vantaggi offerti agli MSP, tra cui:
-
Gestione semplificata: Cameyo non richiede VDI, VPN, desktop remoti o client complessi da configurare e monitorare. La messa in opera richiede solo pochi minuti: dopo aver creato l’area cliente all’interno del portale, l’MSP può installare il server di Cameyo all’interno dell’azienda del cliente oppure può installare un server nel cloud di Cameyo garantendogli accessibilità immediata a tutte le sue applicazioni. Grazie al portale multitenant in qualsiasi momento l’MSP è in grado di passare da un cliente all’altro con un semplice click del mouse e un notevole risparmio di tempo.
-
Aggiornamenti automatici: il software di Cameyo si aggiorna in automatico e non richiede alcuna azione aggiuntiva da parte dell’MSP. Le sue potenzialità consentono, inoltre, di dire addio a lunghe ore di lavoro trascorse ad aggiornare tutte le applicazioni dei clienti: l’MSP dovrà infatti occuparsi soltanto di aggiornare il gestionale sul server dove è installato anche quello di Cameyo e automaticamente una volta completato il processo, tutti i pc che accedono a quella determinata applicazione potranno usufruire della versione più aggiornata disponibile.
-
Dati aziendali al sicuro nel rispetto del GDPR: i clienti potranno accedere alle applicazioni in totale sicurezza grazie al protocollo HTTPS e tramite Single Sign On (SSO) mediante un processo che separa il sistema operativo dai dati evitando qualsiasi possibile data breach. Anche in caso di smarrimento del device aziendale i dati restano al sicuro senza la necessità di dover registrare l’incidente e notificare alle autorità competenti la possibile vulnerabilità dei dati gestiti.
-
Flessibilità: Cameyo non richiede alcun cambio significativo dell’architettura pregressa e può essere utilizzato in cloud (Google Cloud e Azure), nel datacenter o su un server on-premise.
-
Licensing: sottoscrizione mensile con prezzo variabile in base al numero di utenti che accede alle app e all’installazione del server Cameyo, a scelta tra fully hosted (Google Cloud) o self-hosted (on premise).

Ora più che mai le aziende devono essere in grado di adeguarsi a nuove modalità di lavoro. L’emergenza sanitaria ci ha portati in pochi mesi a una vera e propria accelerazione di 20 anni in termini di digitalizzazione del Paese, ed è possibile che la tradizionale presenza in ufficio venga sempre meno richiesta in futuro. Questo significa dover disporre degli strumenti giusti per poter lavorare senza incorrere in problemi di accessibilità, sicurezza e GDPR compliance” commenta Claudio Panerai, Chief Portfolio Officer di Achab “.Siamo consapevoli che le sfide dei prossimi mesi richiederanno ancor di più soluzioni efficienti e all’avanguardia, ed è con questo intento che abbiamo portato Cameyo sul mercato italiano. L’obiettivo in Achab resta sempre quello di migliorare l’operatività degli MSP riducendo costi e tempistiche di lavoro e siamo certi che Cameyo rappresenti un’importante chiave di volta per uno smart working realmente ottimizzato”.
claudio panerai achabClaudio Panerai, Chief Portfolio Officer di Achab
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche