Dell Networking, switching data center S6000

Pubblicato il: 19/10/2013
Autore: Daniele Preda

Il nuovo Dell S6000 costituisce una soluzione capace di raddoppiare la densità 10/40GbE all’interno dei data center e in grado di unificare l’infrastruttura fisica e virtuale.

Dell Networking irrobustisce la propria offerta per quanto riguarda i dispositivi di switching,ampliando la serie S di unità con il recente S6000, una piattaforma 1RU 10/40GbE ad elevata densità. 
Sfruttando un fattore di forma fisso, questo modello è in grado di dimezzare i consumi e raddoppiare la densità, rispetto alla passata generazione. Per sostenere i clienti negli ambienti più complessi, questo apparato offre specifiche funzionalità di virtualizzazione e automazione avanzata. Questo consente di accelerare il processo di mutazione già in corso per gli ambienti data center, assicurando la crescita delle implementazioni cloud e la virtualizzazione dei server.
dell-networking-switching-data-center-s6000-1.jpgIn quest’ottica, il Dell S6000 vanta: 
•        Elevata densità: implementata nella versione da 32 porte 40GbE o 96 porte 10GbE più 8 porte 40GbE in 1RU, la piattaforma S6000 può supportare nuove e flessibili architetture di rete per rack di calcolo a elevata densità in posizione top-of-rack, o fornire la connettività di rete per molteplici rack in efficienti configurazioni end-of-row o middle-of-row. 
•         Elevato throughput: garantisce prestazioni fino a 2,56 Tbps, il doppio rispetto a prodotti simili della concorrenza in un fattore forma 1RU standard, consentendo ai clienti di investire in 10GbE per la connettività in-rack server e storage. 
•         Basso consumo energetico: la piattaforma S6000 è stata validata per essere utilizzata all’interno di soluzioni di raffreddamento Dell Fresh Air per server, storage e networking. Sfruttando i vantaggi termici e di affidabilità offerti da questa gamma di apparati, i clienti possono utilizzare data center con temperature più elevate,  riducendo i costi addizionali di manutenzione e infrastruttura, a fronte di un minore consumo di energia.
•         Supporto per avanzate funzionalità di virtualizzazione di rete e SDN, incluso il gateway layer 2 hardware-accelerated per l’utilizzo con VMware NSX, che collega il traffico tra ambienti virtuali e non. •         Funzionalità con Active Fabric Manager (AFM) 2.0 specificamente per ambienti VMware. Active Fabric Manager fornisce configurazione, gestione e monitoraggio semplificati degli elementi fondamentali di Dell Active Fabric. Con AFM 2.0, Dell introdurrà un’interfaccia a linea di comando per VMware vSphere Distributed Switch che consente ai clienti di configurare sia gli switch fisici che quelli virtual fabric con modelli di progettazione comuni e sintassi di linee di comando secondo gli standard dell’industria.
•         Come il resto della gamma Dell Networking serie S, S6000 supporta OpenFlow per le applicazioni basate su controller, Bare Metal Provisioning (BMP) per implementazioni rapide e automatiche, VSN (Virtual Server Networking) per la mobilità VM automatizzata e la configurazione VLAN, e lo scripting Perl and Python per il massimo della programmabilità e interoperabilità con le DevOps (development operations). Tutto ciò rende S6000 altamente adattabile e flessibile, perfetto per semplificare le operazioni.

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota