Milano, da oggi blocco dei diesel euro 3

Pubblicato il: 30/11/2011
Autore: Redazione Channelcity

Oltre alle auto Euro 0, Euro 1, Euro 2 anche i veicoli privati diesel Euro 3, privi di filtro antiparticolato, non potranno circolare nella città di Milano e nei 74 comuni dell'hinterland milanese. Il blocco del traffico privato diesel Euro 3 resterà in vigore fino a martedì 6 dicembre, con esclusione delle giornate di sabato e domenica, e dura dalle 8,30 alle 18.

Lo smog, e le polveri sottili, il famigerato PM10, assedia il capoluogo Lombardo e da oggi, mercoledì 300 novembre, scatta l'ordinanza comunale e provinciale per le limitazioni alla circolazione dei veicoli più inquinanti.
milano-da-oggi-blocco-dei-diesel-euro-3-1.jpgOltre alle auto Euro 0, Euro 1, Euro 2 anche i veicoli privati diesel Euro 3, privi di filtro antiparticolato, non potranno circolare nella città di Milano e in 74 comuni dell'hinterland milanese. Il provvedimento è stato preso come misura d'emergenza contro l'inquinamento dell'aria nel capoluogo lombardo, durante il tavolo organizzato dal comune e dalla provincia di Milano.
Il blocco del traffico privato diesel Euro 3 resterà in vigore fino a martedì 6 dicembre, con esclusione delle giornate di sabato e domenica, e dura dalle 8,30 alle 18.
Meno restrittivo è invece il trattamento riservato ai veicoli commerciali diesel Euro 3 senza filtro antiparticolato, che potranno circolare liberamente dalle 10 alle 18. Chi contravverrà al fermo deciso dai singoli comuni rischierà una multa di 155 euro.
Il blocco temporaneo alle diesel Euro 3 pone un freno alla circolazione di veicoli relativamente recenti, immatricolati fra il 2001 e il 2007 e accusati di aggravare il problema delle polveri sottili. Dubbi rimangono sull'applicazione del blocco ai residenti in possesso di veicoli diesel Euro 3, che nella sola Cerchia milanese sono quasi 20.000.
Ma non soltanto le città del nord del paese ma, complice anche un autunno anomalo, inizia a soffocare anche la città eterna, Roma.
E per diminuire lo smog a Roma la giunta capitolina ha ogg deciso il blocco del traffico. Si parte dal prossimo Giovedì 1 dicembre dove si fermano le auto con targhe dispari: dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 21. Lo stop include tutti i mezzi, moto comprese.
In realtà dal provvedimento sono esentati gli autoveicoli di categoria euro 5 e i motocicli euro 3
Ma intanto già da domani, 29 novembre, nella Capitale è previsto il blocco dei mezzi più inquinanti. Le targhe alterne potrebbero essere adottate anche venerdì 2 dicembre, ma solo se non saranno scesi i livelli degli inquinanti.
Questa è la prima volta che la Giunta Alemanno adotta le targhe alterne. Questa decisione sarà sicuramente motivo di scontro visto che si avvicina il periodo "caldo" delle vendite natalizie e i commercianti romani hanno già fatto sapere che questa decisione non piace.
Per Marco Visconti, assessore all'Ambiente di Roma Capitale "si tratta di un provvedimento indispensabile per tutelare la salute dei cittadini che serve a limitare l'immissione in atmosfera delle particelle inquinanti. Siamo in presenza di una forte stabilità che non consente la dispersione degli inquinanti nei bassi strati dell'atmosfera. Il Campidoglio predisporrà un aumento della vigilanza urbana al fine di garantire i controlli e la fluidificazione del traffico, in particolare negli orari di avvio e di conclusione del provvedimento".
Questi i livelli di pm10 relativi a ieri, domenica 27 novembre: Preneste e Francia (66/50 microgrammi per metrocubo); Magnagrecia (62); Cinecittà (78); Fermi (55); Bufalotta e Ciprio (58); Tiburtina (68); Malagrotta (59). Nella stazione di Fermi, inoltre, sono stati superati i livelli delle concentrazioni massime per il biossido di azoto che ha raggiunto 213/200 microgrammi per metrocubo.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social