Kodak, le controllate fuori degli Stati Uniti continuano le normali attività

Pubblicato il: 20/01/2012
Autore: Redazione ChannelCity

Eastman Kodak ha diramato una nota stampa nella quale chiarisce che le società controllate al di fuori del territorio americano non sono soggette al "Chapter 11" e continueranno a operare nei rispettivi paesi in completa autonomia e tranquillità.

Dopo l'annuncio da parte di Eastman Kodak Company dell'avvio del processo di riorganizzazione aziendale in base al "Chapter 11" per evitare la bancarotta (che ha portato anche Citigroup ha rifinanziare l'azineda per 950 milioni di dollari), la società ha voluto precisare che le sue consociate che operano fuori dal territorio statunitense non rientrano in questo processo e che continueranno ad operare nella completa normalità.
Di conseguenza, anche tutte le consociate al di fuori del territorio statunitense manterranno tutti gli obblighi contratti verso clienti e fornitori in totale continuità.
"La decisione presa dalla casa madre negli USA di ricorrere al "Chapter 11" per la riorganizzazione volontaria delle società americane, non riguarda il nostro business europeo" ha dichiarato Philip Cullimore, Managing Director Europe.
"In Europa, abbiamo assistito ad uno spostamento  sempre maggiore verso le applicazioni imaging rivolte al mercato Business to Business - ha precisato il managing director europeo - e queste applicazioni, in Europa, sono caratterizzate da una significativa presenza nel comparto della stampa e stanno mostrando significative e rapide crescite".

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota