Vasco, Intel e Infocert per l'autenticazione sicura

Pubblicato il: 14/12/2012
Autore: Daniele Preda

Vasco, Intel e Infocert hanno scelto di collaborare, apportando ciascuna le proprie conoscenze nel campo della sicurezza e dei sistemi di autenticazione, per incrementare la sicurezza nelle operazioni di accesso e autenticazione.

Vasco Data Security International, Intel Corporation Italia e InfoCert collaboreranno per ottimizzare le soluzioni di autenticazione per l’accesso al servizio cloud di posta InfoCert LegalMail.
MYDIGIPASS.COM è uno strumento capace di fornire un accesso sicuro e protetto agli utenti e sfrutta una singola piattaforma sicura. L'accesso a Legalmail verrà ottimizzato per supportare la nuova piattaforma, assicurando molteplici scelte per la modalità di autenticazione per il login.
L’integrazione tra i due sistemi permetterà di fruire di numerosi vantaggi, per esempio, gli utenti finali non avranno più bisogno di assistenza per quanto riguarda l’attivazione di nuove credenziali o per la modifica della password. Questo si traduce in una maggiore ergonomia d’uso e una effettiva semplificazione delle procedure di accesso.
La soluzione prevede inoltre un ulteriore livello di sicurezza, grazie alla capacità di MYDIGIPASS.COM di generare password monouso, che non possono essere intercettate e memorizzate per un uso successivo. In aggiunta, questa piattaforma supporta in modo nativo la tecnologia Intel Identity Protection, disponibile su tutti gli Ultrabook basati su processori Intel Core di seconda e terza generazione. Si tratta di una piattaforma flessibile e potente, che permette di proteggere i dati da frodi o minacce e può costituire un elemento chiave per applicazioni di soluzioni di doppia autenticazione, come Legalmail. Lo sforzo congiunto delle tre società permetterà perciò di migliorare l’esperienza d’uso lato utente e di innalzare il livello di sicurezza dei sistemi in uso, in un periodo nel quale le frodi e gli attacchi, soprattutto a dispositivi portatili è in aumento.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota