Amazon, dopo la denuncia TV cancella l'appalto

Pubblicato il: 20/02/2013
Autore: Redazione ChannelCity

In Germania Amazon è stata accusata da un'inchiesta TV di maltrattare i lavoratori immigrati. Per chiudere le polemiche scaturite dal servizio, ripreso anche in Italia, l'azienda ha fatto marcia indietro e ha cancellato l'appalto all'impresa di sorveglianza.

Un discreto danno di immagine per Amazon l'inchiesta condotta dall'emittente televisiva tedesca ARD, che ha messo sotto accusa il modo in cui il colosso librario tratta i suoi dipendenti in Germania.
Realizzata nel periodo natalizio, quando Amazon è sotto pressione per il grandissimo numero di ordinazioni e utilizza molti lavoratori temporanei, l'inchiesta ha rivelato la vita grama fatta dagli addetti del centro spedizioni Amazon di Seepark Ost.
Questi sono in gran parte lavoratori immigrati dai paesi d'Europa impoveriti dalla crisi, e in questo caso sopratuttto dalla Spagna.
Secondo l'inchiesta, i lavoratori si ritroverebbero a lavorare di notte e nei giorni festivi, percorrendo anche 17 chilometri ogni turno di lavoro all'intenro dei magazzini, alloggiati in alberghi in disuso, talvolta con paghe e orari peggiori rispetto a quelli per cui erano stati reclutati.
Ma il peggio sarebbe la costante sorveglianza da parte di un'azienda di vigilantes con molti indizi di vicinanza al neonazismo (dall'abbigliamento al nome, H.E.S.S., che sembra un riferimento al gerarca nazista Rudolph Hess).
vigilantes avrebbero vessato i lavoratori violando la loro privacy, organizzando perquisizioni e minacciando di licenziamento in tronco chiunque si lamentasse.
In seguito al grande scalpore provocato dall'inchiesta (ripresa anche dai media italiani), Amazon ha cancellato l'appalto con l'azienda di sorveglianza, precisando di non averla assunta direttamente, ma tramite l'azienda di lavoro interinale che recluta i lavoratori.
In un comunicato stampa, Amazon.de afferma: "Amazon prende molto sul serio le critiche riguardanti la situazione a Seepark Ost durante il periodo natalizio.
Amazon si assume la responsabilità che tutte le persone impiegate nei suoi centri logistici siano trattati con dignità e rispetto.
Evidentemente non siamo riusciti a garantire il rispetto dei nostri elevati standard anche da parte delle ditte esterne che erano responsabili dell'alloggiamento, del trasporto e del mantenimento della sicurezza dei nostri lavoratori temporanei.
Per questo motivo abbiamo terminato il nostro rapporto di lavoro con queste ditte.
Abbiamo immediatamente cessato di impiegare l'azienda di vigilanza oggetto delle critiche".

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota