AMD FX, due nuove CPU multi-core

Pubblicato il: 30/04/2013
Autore: Daniele Preda

AMD amplia ulteriormente la propria famiglia di CPU desktop ad alte prestazioni e lo fa proponendo due varianti a quattro e sei core, con frequenze che raggiungono i 4 GHz.

Il processo di sviluppo delle CPU FX prosegue, AMD continua a lavorare per offrire maggiori performance alle proprie CPU multi-core di fascia desktop. Recentemente sono state rilasciate le specifiche di due nuove unità a quattro core FX-4xxx e a sei core FX-6xxx.
amd-fx-due-nuove-cpu-multi-core-3.jpgSi tratta di soluzioni dal costo contenuto, ideali per gli scenari domestici e professionali, per la creazione di sistemi da gioco e workstation entry-level, basate sul core Piledriver.
Nello specifico è ora disponibile la versione quad-core FX-4350, che si distingue per la compatibilità con il Socket AM3+ e per una frequenza di riferimento di 4,2 GHz. Questo modello può essere spinto automaticamente sino a 4,3 GHz, tramite tecnologia Turbo Core e si configura come versatile CPU per sistemi che devono effettuare numerosi calcoli e sono impiegati per la gestione di situazioni molto complesse.
amd-fx-due-nuove-cpu-multi-core-2.jpgA fronte di un aumento di clock e della disponibilità di 8 MByte di cache L3, questa versione si posiziona indicativamente a 122 USD. AMD FX-4350 si distingue, infine per un TDP di ben 125 W, sensibilmente più alto rispetto alla fascia di appartenenza, ma comunque giustificato dall’elevata frequenza operativa.
Per chi deve elaborare modelli e progetti multi-thread, per la grafica, il rendering, la generazione di video in alta definizione, AMD propone la versione FX-6350 a 6 core (132 USD).
amd-fx-due-nuove-cpu-multi-core-1.jpgIn questo caso la frequenza operativa è di 3,9 GHz, ma può raggiungere facilmente i 4,2 GHz tramite la piattaforma di overclock automatico Turbo Core. Con una cache L3 di 8 MByte e un TDP di 125 W, questo modello si avvantaggia dell’elevato numero di core per assicurare tempi di calcolo ristretti e un’elevata reattività al sistema.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social