DataCore SANsymphony-V, più performance per gli ambienti virtualizzati

Pubblicato il: 06/05/2013
Autore: Daniele Preda

DataCore ha sviluppato la più recente variante SANsymphony-V, giunta alla revisione R9, e mostrerà le peculiarità della piattaforma al VMware forum 2013, in veste di Silver Sponsor.

DataCore Software, in occasione del VMware forum 2013, che si svolgerà a Milano il 14 e a Roma il 16 maggio prossimi, parteciperà come Silver Sponsor e mostrerà i vantaggi di SANsymphony-V. L’Hypervisor è destinato agli ambienti virtualizzati più complessi, al cloud, è certificato VMware Ready e offre un notevole incremento delle prestazioni per le applicazioni virtualizzate più critiche.
datacore-sansymphony-v-pi-performance-per-gli-ambi-1.jpgLa versione più recente, SANsymphony-V R9, assicura elevate velocità nel trasferimento dati e la disponibilità delle applicazioni virtualizzate di primo livello come SAP, Oracle, Microsoft SQL Server, Microsoft SharePoint e Microsoft Exchange. DataCore offre la libertà di scegliere e definire nodi economicamente convenienti e, grazie alla nuova versione, il numero massimo di nodi per la virtualizzazione dello storage presenti in un gruppo, gestito a livello centralizzato, è stato raddoppiato, passando da quattro a otto. Si tratta di una soluzione particolarmente valida per i data center di grandi dimensioni e i fornitori di servizi cloud, che potranno espandere il numero dei nodi, la capienza, la velocità di trasferimento dati e la connettività senza conseguenze sui servizi.
Per gestire dati dell’ordine dei Petabyte e ridurre i costi di ridondanza, i clienti potranno configurare il software in una griglia ridondante N+1. Per contenere ulteriormente i costi di acquisto e manutenzione dell’hardware è possibile sfruttare la funzionalità di auto-tiering di SANsymphony-V, che ottimizza l’utilizzo dei drive SSD, abilitando il funzionamento congiunto con i convenzionali dischi fissi a capacità più elevata.
SANsymphony-V tiene sotto costante controllo il comportamento dell’I/O e sceglie automaticamente in modo intelligente e in tempo reale se avvalersi della cache della memoria dei server, dello storage flash o dei tradizionali dischi fissi, assicurando così che i carichi di lavoro vengano assegnati, in base alle priorità e all’urgenza, alla classe o al livello di storage più adeguato.
Ne consegue un consistente incremento delle prestazioni e una maggiore efficienza nella gestione delle risorse.
Nel dettaglio, DataCore SANsymphony-V è certificato VMware Ready e si integra facilmente con VMware vSphere 5, VMware vSphere Storage APIs for Array Integration (VAAI),  VMware vCenter Server e VMware vCenter Site Recovery Manager (SRM). Oltre ai vantaggi in ambienti SRM e VAAI con batterie di storage eterogenee offerti da SANsymphony-V, DataCore propone il plug-in VMware vCenter Server. Si tratta di una piattaforma che permette agli amministratori di VMware vSphere di eliminare facilmente qualunque problema legato allo storage.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota