WeChat, la nuova app per chattare sponsorizzata da Leo Messi

Pubblicato il: 21/07/2013
Autore: Redazione Channelcity

Arriva anche in Italia WeChat, la nuova app di messaggistica istantanea di Tencent Holding, il cui testimonial è il campione di calcio Leo Messi.

È arrivato anche in Italia WeChat, la nuova app di messaggistica istantanea di Tencent Holding, il cui testimonial è nientemeno che il campione di calcio Leo Messi.
Il database di clienti registrati, nel mese di luglio, ha superato il traguardo dei 70milioni di utenti registrati al di fuori della Cina, Paese in cui è stata inventata l’app, dove gli utenti attivi sono circa 195milioni su una base di registrati pari a 400 milioni.
La maggior parte degli iscritti all’app vive tra India, Malesia, Messico e Filippine.
Il lancio del servizio nel Bel Paese va inteso come un tentativo di portare WeChat oltre in  confini nazionali per diventare la vera alternativa a WhatsApp.
Gli spot televisivi con protagonista Messi stanno girando anche sui nostri canali televisivi. I fan avranno la possibilità di seguire l’account WeChat ufficiale di Messi (WeChat ID: MessiOfficial) che includerà video, messaggi vocali e foto del campione con al centro lo slogan “We love. We Share. WeChat e il modo in cui Messi si connette alle persone che ama grazie all’applicazione. 
Con WeChat è possibile inviare messaggi testuali, voce e video (proprio come Skype) e condividere foto, testi e URL all’interno della categoria “Moments”.
È inoltre possibile scrivere un testo e pubblicarlo globalmente aspettando che ci sia qualcuno a raccogliere e a rispondere.
Con la Web WeChat, è inoltre possibile chattare con qualcuno utilizzando un computer. Gli utenti possono creare i propri codici QR e lasciarli in giro così da essere catturati dall'app e aggiungere amici all'istante.
La logica della geolocalizzazione permette invece di cercare utenti nelle vicinanze e aggiungerli alla lista. L’app è gratuita e disponibile per Android, BlackBerry, iOS, Symbian e i sistemi operativi Windows Phone.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social