AMD Brazos 2.0 e Trinity: tecnologia e nuovi notebook

Pubblicato il: 11/07/2012
Autore: Daniele Preda

AMD crede fortemente nel proprio progetto APU e ha mostrato in anteprima le peculiarità dei dispositivi consumer Brazos 2.0 e dei chip per Ultrathin e notebook di fascia medio/alta, Trinity. A seguire i notebook che fanno uso di questa tecnologia.

AMD rinnova le categorie di prodotti APU Serie A e Serie E, con un particolare occhio di riguardo al segmento consumer, quello con il più alto tasso di crescita, nel quale AMD ha ottenuto significativi incrementi in termini di visibilità e quota prodotto.
Come ci ha confermato Antonella Bartolini, Account Manager of Business Unit Digital World GfK Retail and Technology Italia, la componente mobility è in crescita, rispetto al mercato desktop, con un leggero rallentamento nelle vendite nel 2012.
Il 2011, a seguito dell'introduzione delle APU, è stato per AMD un periodo di forte crescita, in particolar modo nella fascia consumer.
amd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-17.jpg
Il mercato dei dispositivi mobile sta conoscendo un periodo di mutazione, dove sono privilegiati i notebook con display compresi tra 12" e 16" ed è possibile assistere alla diffusione in quantità, dei primi dispositivi Ultrathin.
In questa porzione di mercato, la maggior parte delle soluzioni (81,9%) sfrutta CPU dual-core, mentre cresce la richiesta di sistemi che prevedono la disponibilità di due GPU, una integrata e una discreta. I notebook con sola grafica integrata coprono il 49,6% dei dispositivi consumer a base Windows, secondo una stima effettuata tra i mesi di Gennaio e Maggio di quest'anno.
amd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-10.jpg
Le piattaforme ibride, con due GPU, sono passate dal 6,3% al 43,5% di quota di mercato, paragonando i primi cinque mesi del 2011, con lo stesso periodo del 2012.
Con 30 milioni di unità Brazos vendute e oltre 160 design di prodotto, AMD punta a rafforzare la propria presenza in un segmento dove contano il rapporto prezzo/caratteristiche.
amd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-9.jpg
Il chip maker intende soddisfare le richieste degli acquirenti che desiderano navigare, chattare, accedere ai social network, vedere e modificare video, il tutto con un prodotto economico e flessibile.
Le APU più recenti nascono e si sono sviluppate con questa prerogativa principale, sono state pensate come unità versatili, con un potente engine grafico, capace di interagire al meglio con i core X86 incorporati. Quello che AMD è stata in grado di ottenere con Brazos 2.0 è un dispositivo dal prezzo aggressivo, adeguato per un utilizzo consumer e capace di assicurare una buona autonomia della batteria, elemento chiave per l'utenza home.
amd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-8.jpgToshiba Satellite L850Con Brazos 2.0 e Trinity viene rafforzata l'offerta nel settore dei notebook mainstream e ultrathin di fascia medio/alta, rispettivamente. AMD rende disponibili piattaforme mobile, tramite i molti partner e produttori, abbordabili e adatte per l'uso quotidiano, rispondendo in modo diretto alle esigenze della maggior parte degli utenti.  

[tit:Brazos 2.0]Abbiamo già parlato di Trinity e Brazos 2.0, in occasione delle presentazioni prodotto. Con il recente annuncio, AMD ha posto l'accento sulle ottime doti di flessibilità delle due nuove piattaforme, nate per battagliare con i concorrenti Intel Atom, Celeron e Pentium (Brazos 2.0) e le CPU della famiglia Core (Trinity).
amd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-13.jpgBrazos 2.0Con i nuovi modelli Fusion della Serie E il chip maker ha svelato i dettagli della piattaforma Brazos 2.0, mostrando specifiche unità destinate al segmento di mercato entry-level e realizzate per l'integrazione in sistemi  notebook low price. AMD intende proporre l'Entry Level Essential PC, un sistema capace di assicurare il minimo delle prestazioni necessarie per un utilizzo basilare, per la navigazione, la chat, lo scambio di mail e l'accesso ai social network.
amd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-11.jpg
A questo si aggiunge la fruizione di contenuti audio e video locali e in streaming.  
A livello di piattaforma, Brazos 2.0 non subisce drastici cambiamenti, piuttosto un aggiornamento per migliorare le funzionalità e le prestazioni generali. Internamente, il comparto CPU sfrutta l'architettura Bobcat, che comprende 1 MByte di cache L2. AMD ha previsto l'introduzione di due specifici modelli, entrambi caratterizzati da una sezione dual-core e TDP di 18 W.
Al top di gamma viene proposta la variante E2-1800, con frequenza di 1,7 GHz e un comparto grafico HD 7340. La versione base è denominata E1-1200 e condivide buona parte delle specifiche con la precedente versione. In questo caso il clock è di 1,4 GHz, mentre la componente grafica è la HD 7310 con 80 Core.
Per gestire le nuove APU, AMD introduce la variante mobile FCH A68M e quella desktop A68, che comprendono interessanti upgrade rispetto alle precedenti A50M e A45. Il nuovo Fusion Controller Hub (FCH) A68 permette la gestione di porte USB 3.0 a 4,8 Gbps, fino a un massimo di due, e offre connettività Serial Ata 3, oltre a uno specifico SD controller per lettori flash.
Per assicurare un'esperienza d'uso più fluida, soprattutto durante la riproduzione in streaming di file video, sono state aggiunte le funzionalità Steady Video e Quick Stream (precedentemente disponibili solo per le APU Serie A). La prima si occupa di stabilizzare il video tramite una specifica interpolazione software che va ad integrarsi con i browser web, mentre la seconda è in grado di bilanciare la banda di connessione per garantire maggiore fluidità di riproduzione dei filmati. 
amd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-12.jpg
L'incremento di prestazioni e le migliorate capacità grafiche consentiranno la veloce esecuzione dei sistemi attuali e garantiranno una facile integrazione con l'imminente Windows 8. Per quanto riguarda il posizionamento di mercato, E1-1200 è in diretta concorrenza con i Celeron di Intel, mentre, nel segmento superiore, E2-1800 si scontra con le CPU Pentium.  

[tit:Trinity]Le APU Trinity che abbiamo visto all'opera costituiscono un notevole passo avanti per quanto riguardo prestazioni e flessibilità. I comparti CPU e GPU, direttamente integrati nel chip, sono stati completamente aggiornati rispetto a quanto abbiamo visto sulle precedenti APU Llano. I processori attuali, con nomenclatura A-4000, sono destinati ai notebook di fascia medio/alta.
amd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-14.jpgAMD Trinity, APU Serie ALe nuove APU sono realizzate a 32 nm presso GlobalFoundries, come già accaduto per i chip Llano.  In questo caso, però, Trinity porta con sé una maggiore complessità circuitale, derivata dall'utilizzo di core CPU e GPU differenti, rispettivamente Piledriver e Northern Island. Le attuali varianti mobile mostrano infatti un TDP di 17 W e 35 W, mentre le precedenti erano comprese tra 35 W e 45 W. Si tratta di un notevole incremento in termini di efficienza, particolare che consentirà una facile integrazione in sistemi ultraportatili e compatti. 
Il comparto CPU Piledriver implementa una struttura completamente nuova e non ancora resa disponibile in altri prodotti. Si tratta dell'evoluzione diretta di Bulldozer, attualmente presente nelle CPU desktop AMD FX. Sono previsti singoli moduli x86 muniti di due unità di calcolo integer e una in virgola mobile con due moduli a 128 bit.
amd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-15.jpg
Per quanto riguarda la cache, ogni modulo è dotato di una L2 dedicata (fino a 2 MByte per modulo). Diversamente da quanto abbiamo visto con i processori FX, muniti di una generosa cache L3, Trinity non comprende un buffer di terzo livello. Le varianti mobile presentate oggi sono disponibili in versioni a due o quattro core, realizzate integrando uno o due "CPU module". Anche in questo caso, AMD ha mantenuto la tecnologia Turbo Core, che permette di innalzare automaticamente la frequenza della CPU, in particolari condizioni operative e di carico. Sviluppando Piledriver, AMD ha ottimizzato una serie di specifiche, rispetto al predecessore Bulldozer, migliorando l'efficienza della cache e velocizzando le unità di branch prediction e prefetch.
amd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-16.jpg
La GPU integrata vanta un'architettura Radeon Northern Island di tipo VLIW-4, già vista nelle soluzioni desktop della serie HD 6900. Diversamente dalla piattaforma VLIW-5 adottata per Llano, questa componente sfrutta quattro unità general purpose del tutto identiche, mentre viene a mancare una componente cosiddetta "special functions". Abbinando singoli SIMD engine AMD è stata in grado di modulare i core interni, che variano tra 384 e 192, in base al modello di APU. La piattaforma Radeon Northern Island offre inoltre il nuovo UVD 3.0 (Universal Video Decoder), capace di supportare gli standard MPEG4 e Blu-Ray 3D e di velocizzare la riproduzione di contenuti HD. Per fluidificare la codifica, decodifica e transcodifica AMD ha investito inoltre sul comparto HD Media Accelerator, pensato per velocizzare tutti i processi video e per sgravare la CPU e i core GPU. Le versioni APU Serie A sono attualmente cinque, con due o quattro core e frequenze comprese tra 2,7 GHz e 2 GHz. Come già visto in passato, AMD propone l'abbinamento Dual Graphics, tra GPU integrata ed eventuali GPU discrete compatibili. Per poter combinare la potenza dei due comparti è necessario affiancare una delle APU standard (non low power), a GPU discrete appartenenti alle famiglie HD 7600M/7500M o alla variante Radeon HD 7450M.  

[tit:I notebook con APU AMD]Con la recente presentazione, AMD ha mostrato alla stampa italiana alcune demo live di giochi DirectX e videogiochi online, eseguiti tramite browser. Non solo, all'evento abbiamo potuto visionare i primi modelli che fanno uso delle APU Serie A ed E, realizzati dai principali produttori a livello mondiale:
amd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-1.jpgAcer V3-551G: Processore AMD A8-4500M, Scheda Video AMD Radeon HD 7640G, Display 15.6" (1366 x 768) HD Widescreen CineCrystal LCD, Peso 2,6 Kg, Dimensioni 381 x 254 x 33 mm, Batteria 6 celle, ioni di litioamd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-2.jpgAsus K55DR-SX055V: Processore AMD A8-4500M, Scheda Video AMD Radeon HD 7670M, Display LED 15.6" 16:9 WXGA (1366x768), Peso 2,52 Kg, Dimensioni 378 x 253 x 32.0~34.5 mm, Batteria 6 celle, ioni di litioamd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-3.jpgHP Pavilion G7-2100sl: Processore AMD A6-4400M, Scheda Video AMD Radeon HD 7520G + HD 7670M Dual Graphics, Display 17.3", Peso 2,98 Kg, Dimensioni 412 x 267 x 36.8 mm, Batteria 6 celle, ioni di litioamd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-4.jpgPackard Bell Easynote: Processore AMD A10-4600M, Scheda Video AMD Radeon HD 7660G + HD 7670M Dual Graphics (2 gb memoria grafica), Display 15.6", Peso 3,3 Kg, Dimensioni 381.6 x 253 x 25.4/33.2 mm, Batteria 6 celle, ioni di litioamd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-5.jpgSamsung Serie 5 (NP535U3C-A02IT) è un Ultrathin con Processore AMD A6-4455M (2.1GHz, 2MB L2 Cache) Ultra Low Voltage, Scheda Video AMD Radeon HD 7500G, Display 13.3" 16:9 WXGA (1366 x 768)  SuperBright HD, Peso 1,52 Kg, Dimensioni 315.1 x 218.9 x 14.9 ~ 17.6 mm e batteria da 4 Celle (45Wh)amd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-6.jpgSony SVE-1111M1E/W: Processore AMD E2-1800 (1.7 GHz, Cache L2 da 1 MB), Chipset AMD A68M, Scheda Video AMD Radeon HD 7340, Display 11.6" 16:9 WXGA (1366 x 768) VAIO Display, Peso 1.5 Kg, Dimensioni 290 x 23.5 x 203.5 mm, Batteria 6 celle, ioni di litio, HDMI output, HDD Shock Protection, Touch Pad Multi Touchamd-brazos-2-0-e-trinity-apu-alla-riscossa-7.jpgToshiba Satellite C855: Processore AMD E2-1800, Scheda Video AMD Radeon HD 7470M, Display 15.6", Peso 2,3 Kg, Dimensioni 380.0 x 242.0 x 33.52 mm, Batteria 6 celle, ioni di litio, USB 3.0 con Sleep ‘n Charge

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota