PlayStation Network, a rischio le carte di credito degli utenti

Pubblicato il: 27/04/2011
Autore: Redazione ChannelCity

Sony pensa che una "persona non autorizzata" ha avuto accesso a tutte le informazioni di account e password relative a PlayStation Network. Inoltre potrebbe essersi impossessata del numero di carta di credito di 70 milioni di utenti.

Sony ha rivelato che gli hacker che hanno "bucato" PlayStation Network abbiano avuto accesso a informazioni sensibili degli utenti, compresi i nomi, date di nascita, domicili, indirizzi e-mailpassword per PlayStation Network / Qriocity, account di accesso e ID online.
Secondo un update sul blog ufficiale di PlayStation 3, la casa giapponese ha affermato che anche gli storici di acquisto relativi alle carte di credito e altri dati di profilo degli utenti memorizzati sui server di PlayStation Network potrebbe essere stati compromessi.
"Mentre non vi sono prove in questo momento che i dati della carta di credito siano stati violati, al momento non possiamo escludere questa possibilità", si legge nel post. "Per tutti gli utenti che hanno fornito i dati della carta di credito tramite PlayStation Network o Qriocity, esiste la possibilità che il vostro numero di carta di credito (escluso il codice di sicurezza) e la data di scadenza potrebbero essere stati violati".
Il PlayStation Network, piattaforma che fornisce gioco online e vendita di contenuti digitali per i possessori di PlayStation 3, PSP, è down da Mercoledì, a seguito di ciò che Sony ha definito una "intrusione illegale" sui propri server. L'azienda giapponese ha confermato che i problemi verranno risolti entro una settimana.
playstation-network-a-rischio-le-carte-di-credito-1.jpgSony ha annunciato inoltre di aver temporaneamente chiuso il PlayStation Network e il servizio Qriocity e ingaggiato una società di sicurezza esterna in modo da "condurre una indagine completa su quanto successo".
Quando i servizi torneranno online, Sony consiglia agli utenti di cambiare le loro password e di prestare particolare attenzione a probabili tentativi di phishing: "per la vostra sicurezza, vi invitiamo ad essere particolarmente attenti alla posta elettronica,  al telefono, alla posta o altre truffe che chiedono informazioni personali o sensibili".
La società giapponese ha inoltre aggiunto che "Sony non si metterà in contatto in qualsiasi modo, anche mediante e-mail, per chiedere il numero di carta di credito, il codice fiscale o altre informazioni personali. Se vengono richieste queste informazioni, è spam".
In una lettera alla Sony, il senatore statunitense Richard Blumenthal ha richiesto alla società giapponese di fornire agli utenti colpiti un servizio gratis di sicurezza dei dati: "quando si verifica una violazione di dati, è essenziale che i clienti siano avvisati immediatamente se e in quale misura i loro dati personali e finanziari siano stati compromessi", etichettando come "preoccupante la mancanza di notifica da parte di Sony a proposito della natura della violazione dei dati".
"Anche se la violazione è avvenuta circa una settimana fa, Sony non ha comunicato ai clienti le intrusioni, né ha fornito informazioni vitali per permettere ai singoli di proteggersi dal furto di identità".

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social