WD, novità sotto il segno di Linux

Pubblicato il: 09/03/2015
Autore: Ernesto Sagramoso

Il vendor ha completato la linea di NAS con modelli basati sul sistema operativo open source ovvero una versione personalizzata di Linux.

WD, azienda di Western Digital, una delle principali aziende nel settore dello storage, produttrice di hard disk e dischi allo stato solido a elevate prestazioni, ha deciso di aumentare il proprio impegno nel mercato dei NAS con l’annuncio di quattro modelli destinati al segmento prosumer e Small Business. Una delle ragioni che hanno spinto l’azienda in questa direzione è sicuramente il tasso di crescita previsto per questo settore che dovrebbe segnare un +25% (il 18,6% nel nostro paese), valore molto interessante specialmente se rapportato a quello degli hard disk.
luca-marazzi-wd.jpgCome ha commentato Luca Marazzi, Country Manager per Italia, Grecia, Israele, Cipro e Malta, “molti si chiedevano perché il leader di mercato dello storage non offrisse una serie di prodotti destinati al mondo professionale. Per questa ragione abbiamo sviluppato una serie di NAS che rispondessero alle necessità di questo segmento. Ricordo inoltre che una ventina di giorni fa è stata approvata la legge per la gestione degli archivi in formato digitale. Questo evento dovrebbe creare nuove opportunità per WD, poiché molte aziende per archiviare il materiale digitalizzato dovranno avvalersi di un NAS”.
Parlando ora dei prodotti, è stata presentata la famiglia My Cloud Expert per i professionisti della creatività e gli utenti prosumer che devono salvare o condividere elevate quantità di informazioni, e quella My Cloud Business per le PMI.
My Cloud Expert comprende i modelli EX2100 ed EX4100 basati sull’ultima versione del processore dual core Marvell ARMADA. Il primo NAS è dotato di due alloggiamenti, 1 GByte di RAM e una porta USB 3.0 che consente di ampliare lo spazio di storage o di eseguire velocemente il backup su un disco esterno. Il secondo si distingue per quattro slot e 2 GByte di memoria di lavoro.
Entrambe le unità offrono quattro sistemi di backup, compresi quelli NAS to NAS e NAS to Cloud, e un potente tool di management.
I prezzi partono da 379 euro per la soluzione EX2100 - senza dischi - per arrivare a 2.319 euro per la soluzione EX4100 da 24 TB.
wd-range-nas.jpgLa My Cloud Business, composta dal DL2100 (2 bay) e dal DL4100 (4 bay), presenta tutte le caratteristiche richieste dagli ambienti business. In primo luogo vengono utilizzati dei microprocessori più potenti (l’Atom C2350 e C2338 di Intel) che garantiscono elevate prestazioni in ambienti multi-user e permettono di gestire i livelli RAID 0, 1, 5 e 10.
Troviamo inoltre una doppia interfaccia di rete Gigabit Ethernet, più opzioni di backup e il supporto per le Microsoft Active Directory.
Un’altra caratteristica importante è la crittografia hardware AES a 256 bit che rende impossibile la lettura delle informazioni ai malintenzionati. Entrambi i modelli sono ottimizzati per l’utilizzo dei dischi fissi WD Red con tecnologia NASware.
wd-dl4100.jpgI prezzi, consigliati, in questo caso partono dai 519 euro per il DL2100 senza dischi per raggiungere i 2.329 euro per la versione da 24 TB.
Queste due nuove famiglie, basate su una versione personalizzata di Linux, sono compatibili con i sistemi operativi Windows (da XP a 8.1) e Mac OS X (Yosemite, Mavericks, Mountain Lion e Lion), e supportano gli standard DLNA/UPnP.
Infine, ricordiamo che WD adotta importanti politiche e programmi a sostegno dei partner, come MyWD Partner Program che prevede l’accumulo di punti a ogni acquisto, promozioni, sconti mirati e azioni di marketing.

Categorie: Small Business

Tag: Storage

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota