▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

Il Giappone ha ospitato una conferenza volta a promuovere la ripresa e la crescita economica dell’Ucraina

Il 19 febbraio, rappresentanti dei governi giapponese e ucraino e di varie aziende si sono riuniti a Tokyo per la Conferenza Giappone-Ucraina per la promozione della ricostruzione e della crescita eco...

Business Wire

Trecento funzionari governativi e rappresentanti del mondo aziendale si sono riuniti per mostrare il sostegno del Giappone alla ricostruzione dell’Ucraina

TOKYO: Il 19 febbraio, rappresentanti dei governi giapponese e ucraino e di varie aziende si sono riuniti a Tokyo per la Conferenza Giappone-Ucraina per la promozione della ricostruzione e della crescita economica.

La delegazione del governo giapponese, guidata dal Primo ministro Kishida Fumio, si è impegnata a sostenere a lungo termine la ripresa dell’Ucraina tramite una partnership pubblica-privata. La delegazione ucraina, guidata dal Primo ministro Denys Shmyhal, ha ringraziato il Giappone per la sua assistenza e ha invitato le aziende giapponesi a investire nella ricostruzione dell’Ucraina. Ciascuna delegazione consisteva di oltre 100 funzionari governativi e rappresentanti del mondo aziendale. Complessivamente hanno partecipato alla conferenza 300 persone e 130 aziende. I due governi hanno concordato di cooperare in sette aree chiave: rimozione dei detriti e bonifica dalle mine terrestri, soccorso umanitario e ricostruzione dei mezzi di sostentamento, sviluppo agricolo, biotecnologia, informatica e tecnologia digitale, infrastruttura dei trasporti e dell’energia, e misure anticorruzione e di rafforzamento della governance.

Nel suo intervento di apertura il Primo ministro Kishida ha descritto il sostegno alla ripresa dell’Ucraina dalla guerra in corso come “investire nel futuro” e ha sollecitato la comunità internazionale a contribuire. “I settori pubblico e privato del Giappone opereranno all’unisono adottando un approccio interamente giapponese, utilizzando le conoscenze risultanti dalle attività di ricostruzione intraprese in Giappone dopo la guerra mondiale e vari disastri”, ha affermato. “La promozione della ricostruzione economica, tuttavia, non è solo un investimento per il futuro dell’Ucraina ma anche un investimento nel Giappone e nel mondo intero”. Kishida ha delineato nuove iniziative per i settori pubblico e privato del Giappone finalizzate a sostenere l’Ucraina e inoltre ha annunciato che il Giappone attenuerà i requisiti per i visti d’ingresso dei cittadini ucraini che parteciperanno ai progetti di cooperazione tra il Giappone e l’Ucraina.

Il Primo ministro Shmyhal ha ringraziato il Giappone per la sua assistenza continua e il Primo ministro Kishida per la sua visita in Ucraina nel 2023, aggiungendo che “l’attuale conferenza costituirà la fase successiva verso il proseguimento dello sviluppo di entrambi i paesi”. Shmyhal ha accennato ai positivi risultati finanziari finora conseguiti dalle aziende giapponesi in Ucraina e le ha invitato a investire ulteriormente nell’imminente “miracolo economico ucraino”. Ha sottolineato che vari settori chiave, come quelli dell’energia, agricolo e dell’infrastruttura, offrono opportunità importanti d’investimento con notevoli possibilità di crescita.

Entrambi i leader hanno sottolineato sia il loro impegno alla cooperazione sia l’importanza del settore privato nella ricostruzione dell’Ucraina.

Uno dei risultati della conferenza è stato l’annuncio di 56 documenti, tra cui vari accordi intergovernativi. I due governi hanno siglato una convenzione che elimina la doppia tassazione, a vantaggio delle aziende giapponesi che intendono investire in Ucraina. Inoltre hanno stipulato un accordo di credito bilaterale, scambiato note concernenti una sovvenzione per la ripresa dopo l’emergenza e si sono impegnati a collaborare nei campi della didattica e della tecnologia.

Altri documenti riguardano contratti tra agenzie governative e aziende e liberi professionisti. Varie imprese giapponesi hanno concluso accordi con imprese e agenzie governative ucraine volti allo sviluppo di impianti per l’energia, alla ricostruzione dell’infrastruttura, alla bonifica dalle mine terrestri e altro ancora.

Fin dall’invasione russa a febbraio 2022, il Giappone ha fornito ininterrottamente soccorso umanitario e altri tipi di assistenza all’Ucraina. Con la partnership pubblica-privata annunciata durante questa conferenza, il Giappone prevede di utilizzare la propria esperienza e competenza tecnologica nella ricostruzione e ripresa successive al disastro per rafforzare l’appoggio dato all’Ucraina.

Fonte: Business Wire

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter