Cassetto fiscale, aggiornati i dati degli studi di settore

Il contribuente potrà consultare, per i quinquenni 2009-2013, 2010-2014 e 2011-2015, i principali dati dichiarativi relativi agli studi di settore. Sarà possibile verificare l’eventuale presenza di anomalie nei dati dichiarati, come ad esempio tra le “rimanenze finali” di un anno e le “esistenze iniziali” di quello successivo e, nel caso in cui si riscontrino errori o omissioni, regolarizzare la propria posizione.

Mercato
Il prospetto riepilogativo del cassetto fiscale, contenente le informazioni più significative dichiarate per l’applicazione degli studi di settore, si arricchisce con l’ulteriore quinquennio 2011-2015.
L’aggiornamento è in linea con la generale strategia dell’Agenzia delle Entrate diretta ad introdurre nuove e sempre più avanzate forme di comunicazione tra contribuente e Amministrazione finanziaria, anche in termini preventivi rispetto alle scadenze fiscali, in modo da semplificare gli adempimenti, stimolare l’assolvimento degli obblighi tributari, favorire l’emersione spontanea delle basi imponibili ed eventualmente regolarizzare le violazioni.
Grazie ai dati presenti nel proprio prospetto riepilogativo, il contribuente potrà quindi consultare, per i quinquenni 2009-2013, 2010-2014 e 2011-2015, i principali dati dichiarativi relativi agli studi di settore.
Sarà possibile verificare l’eventuale presenza di anomalie nei dati dichiarati, come ad esempio tra le “rimanenze finali” di un anno e le “esistenze iniziali” di quello successivo e, nel caso in cui si riscontrino errori o omissioni, regolarizzare la propria posizione.
Sul sito dell’Agenzia c'è l’elenco delle informazioni disponibili.
Nella sezione
Home - Cosa devi fare - Dichiarazioni - Studi di settore e parametri - Studi di settore - Informazioni generali del sito internet dell’Agenzia delle Entrate è riportata la tempistica con la quale sono messi a disposizione dei contribuenti e degli intermediari i dati, gli elementi informativi e i software di supporto relativi agli studi di settore, previsti dal provvedimento del 18 giugno 2015, di attuazione dell'articolo 1, commi da 634 a 636, della legge 23 dicembre 2014, n. 1.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Allarme sovrapposizione e accumulo di soluzioni di sicurezza, Come aiutare le imprese a rivolvere il rompicapo della complessità.

Speciale

Il perimetro digitale senza confini: serve visibilità completa e pervasiva

Speciale

Uffici “ibridi” e modalità di lavoro “fluida”: come costruire una sicurezza “spaziale” ed evitare blocchi?

Speciale

Flessibili e lontani da possibili guai causati da attacchi informatici? Guai con i ransomware?

Speciale

Programmi di canale

Calendario Tutto

Ott 20
Think Summit Italy - 20 ottobre
Ott 20
Microsoft CSP: Incentivi per i Partner: istruzioni per l’uso
Ott 20
Red Hat OpenShift + Veeam Kasten K10 = La soluzione per le applicazioni Kubernetes con la protezione dei dati assicurata!
Ott 20
Verso un nuovo scenario lavorativo: sfide e soluzioni nell'era hybrid workforce
Ott 21
Omnicanalità e Customer Experience – Come stanno cambiando i modelli di vendita e come la tecnologia Newland può aiutare a gestirli
Ott 21
Think Summit Italy - 21 ottobre
Ott 21
Azure Cognitive Services
Ott 21
Cloud ad alta velocità: la base della vera Trasformazione Digitale
Ott 22
Lenovo, Semplifica l'uso dell'AI

Magazine Tutti i numeri

ChannelCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche