googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

HP, il futuro tracciato da Meg Whitman

L'evento Hp Discover 2014 è stata anche l’occasione per evidenziare le basi sulle quali si dovranno costruire i futuri sviluppi dell'azienda americana.

Vendor
Al di là dei numerosi annunci, Hp Discover 2014 è stata l’occasione per fare il punto sull’evoluzione della società, a 75 anni dalla fondazione.
Il compito è toccato all’amministratore delegato Meg Whitman, che ha inizialmente ricordato come Bill Hewlett e Dave Packard avessero creato in un garage di Palo Alto dei sistemi di misurazione elettronica e oscillatori audio per analizzare e migliorare la qualità del suono analogico. I primi dispositivi furono acquistati dalla Disney per la produzione di “Fantasia”.
Memorie del passato a parte, la Whitman ha rimarcato i quattro grandi assi sui quali Hp sta costruendo quello che ha battezzato “Nuovo stile del’It”, ovvero il cloud, i big data, la mobilità e la cybersecurity. Il cambiamento sta iniziando a portare i primi frutti, se non altro perché il primo trimestre 2014 ha portato a una crescita degli utili netti del 18% (1,3 miliardi di dollari) su un giro d’affari di 27,3 miliardi di dollari, in calo però dell’1%. Anche il valore dell’azione recentemente ha oscillato fra i 33 e i 24 dollari, dopo aver toccato il minimo di poco più di 20 dollari nell’agosto scorso.
Il cloud rappresenta uno degli assi portanti del cambiamento e OpenStack ne è uno dei fondamenti tecnologici, tant’è che Hp sta avviando un piano di apertura di venti data center nel mondo entro i prossimi diciotto mesi, ma ce ne sono oltre ottanta in ventisette paesi pronti ad accogliere i servizi cloud della società.
La Whitman ha rivendicato i risultati fin qui ottenuti, sottolineando di essere “fiera di poter affermare di aver ritrovato una base solida per i futuri sviluppi dell’azienda”. Questo andamento non è stato o sarà senza prezzo, però, visto che quando la manager ha assunto l’incarico, nel 2011, i dipendenti erano 350mila, mentre ora, dopo l’ultima tornata di licenziamenti annunciati, il numero è sceso a 272mila.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche