World Backup Day 2020, contro i ransomware, non pagate ma fate il backup

Gli attacchi ransomware esistono solo perché alcune imprese non possono sopravvivere a meno che gli hacker non restituiscano i loro dati. Il consiglio di Veritas per rimuovere questa dipendenza e riottenere l'accesso ai dati, senza doversi impegnare con i cyber criminali

Vendor
Anche Veritas dice la sua nella Giornata Mondiale del Backup (World Backup Day), esortando le aziende a seguire un'importante regola: "Non pagate, fate il backup!".
Se come si evince da alcuni studi, i ransomware generano un introito annuo di 1 miliardo di dollari, si capisce perché le aziende che non effettuano il backup dei loro dati in maniera sistematica consentono ai criminali di agire in modo efficace e riempirsi le tasche. veritas fabio pascali
Fabio Pascali, Country Manager di Veritas
"Gli attacchi ransomware esistono solo perché alcune imprese non possono sopravvivere a meno che gli hacker non restituiscano i loro dati. Quindi, la chiave della sopravvivenza è rimuovere questa dipendenza ed essere in grado di riottenere l'accesso ai dati, senza doversi impegnare con i cyber criminali. Il modo migliore per farlo è una solida strategia di backup – commenta Fabio Pascali, Country Manager di Veritas -  Le aziende devono creare copie di backup dei loro dati che siano isolate e offline per tenerli fuori dalla portata degli hacker. Devono poi monitorare e limitare le credenziali di backup in modo proattivo, ed eseguire spesso i backup per ridurre il rischio di potenziali perdite di dati. Le aziende dovrebbero anche testare e ritestare regolarmente le loro difese contro gli attacchi ransomware.
Come spiega in Country Manager di Veritas, il ransomware colpisce senza preavviso e non fa discriminazioni tra i suoi obiettivi - può accadere a qualsiasi organizzazione, grande o piccola. Nonostante i loro sforzi, la maggior parte delle aziende cadrà in almeno un attacco ma ciò che distingue una vittima da un'altra è la sua capacità di riprendersi, che dipende in ultima analisi dalla sua strategia di backup. 
“Quando il ransomware colpisce, leorganizzazioniche nonsisonoattrezzatespesso si sentono impreparate a fare qualcosa che non sia sottomettersi alle richieste del loro aggressore. Ecco perché esortiamo tutte le aziende a utilizzare la Giornata Mondiale del Backup comestimoloper anticipare la situazione e ottenere la protezione dei loro dati. Quindi, noi diciamo: "Non pagate, fate il backup!", esorta Pascali.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche