Dynabook, come sarà l'ed-tech del futuro

Una ricerca del vendor evidenzia che quasi due terzi dei responsabili IT nell'istruzione aumenteranno i propri budget IT per offrire la giusta tecnologia per continuare a sostenere gli studenti nel loro percorso di apprendimento. Le soluzioni basate su cloud (53%), supporto e assistenza IT da remoto così come le infrastrutture di cybersecurity (49%) sono le principali priorità per gli amministratori IT in ambito education

Vendor
Oggi il mondo dell'educazione è molto cambiato rispetto al passato. La pandemia ha inevitabilmente ogni aspetto della scuola, dalla quella primaria fino all’università. Nonostante molti Paesi abbiano visto gli studenti tornare in classe dopo periodi di chiusura, l'ultimo anno di lezioni online ha messo in luce la necessità di sviluppare un'adeguata ed-tech che possa essere utilizzata efficacemente sia a scuola sia a casa. 
Secondo la
 ricerca realizzata da Dynabook - realtà moderna in precedenza parte di Toshiba Client Solutions e ora interamente di proprietà di Sharp - quest'anno quasi due terzi dei responsabili IT nell'istruzione aumenteranno i propri budget IT.
Nonostante molti istituti scolastici, a causa delle chiusure nazionali, siano passati alla didattica a distanza, studenti e insegnanti sono stati in grado di continuare a studiare e insegnare con l'aiuto di soluzioni digitali. Questo ha naturalmente avuto un impatto sull'IT e sulle relative priorità.
La ricerca Dynabook ha rivelato infatti che le soluzioni basate su cloud (53%), supporto e assistenza IT da remoto così come le infrastrutture di cybersecurity (49%) sono le principali priorità per gli amministratori IT in ambito education. Inoltre, la sicurezza ha registrato il maggior incremento, con l'84% dei decisori IT che la considerano più importante rispetto a prima della pandemia da COVID-19, mentre il 75% delle organizzazioni ha indicato le piattaforme cloud come priorità principale.dynabook massimoarioliMassimo Arioli, Business Unit Director Italy di Dynabook Europe
Con l’avvicinarsi della fine della pandemia, le lezioni online probabilmente rimarranno una componente importante di molti corsi di studio, in particolare nell'istruzione superiore. Questo significa che i team IT dovranno continuare a garantire la produttività e la collaborazione degli insegnanti da remoto.
Naturalmente, questo include fornire ai docenti la giusta tecnologia per continuare a sostenere gli studenti nel loro percorso di apprendimento e, secondo la ricerca Dynabook, oltre la metà (58%) degli istituti scolastici sta già dando priorità alle tecnologie di supporto remoto per il personale.
Nell'ultimo anno, abbiamo visto la tecnologia diventare un elemento fondamentale sia in classe sia a casa, ed è chiaro che continuerà a rimanere una parte fondamentale dell'istruzione nei prossimi anni”, ha dichiarato Massimo Arioli, Business Unit Director Italy di Dynabook Europe
“I dispositivi portatili sono stati considerati gli eroi non celebrati durante i lockdown ed è comprensibile che team e amministratori IT delle scuole stiano cercando di aggiornare i propri dispositivi per supportare potenziali nuovi metodi di apprendimento e lavoro. Oggi, infatti quasi tre quarti (73%) dei dipartimenti IT nel settore dell'istruzione considerano le scelte d’acquisto di questi device più importanti rispetto a prima della pandemia”.
Se un quinto delle aziende considera la sicurezza come il requisito irrinunciabile per l’acquisto di nuovi computer portatili, gli istituti scolastici sono invece alla ricerca di dispositivi che possano rispondere pienamente a un'esperienza di apprendimento o insegnamento ottimizzata, che si tratti di potenza, archiviazione e memoria elevate o di un design robusto per resistere agli urti e ai danni che potrebbero accadere durante la routine scolastica.
“È evidente che la pandemia ha avuto un impatto senza precedenti nel settore dell'istruzione. L'accelerazione della didattica a distanza ha trasformato tecnologicamente il settore scolastico per rispondere alle esigenze di studenti e insegnanti. Anche post pandemia, i dipartimenti IT dovranno continuare a riconsiderare priorità e infrastrutture, per garantire agli studenti il più alto standard di apprendimento”, ha concluso Arioli.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche