Toshiba, come sarà lo storage nel 2023?

Lo slancio degli HDD non accenna a diminuire e Toshiba continua a investire per aumentare la capacità produttiva

Nel corso dell'ultimo decennnio la quantità di dati generati e poi archiviati è cresciuta in modo esponenziale, andando ben oltre quanto si potesse immaginare. Qualche anno fa numerosi analisti del settore avevano previsto che gli hard disk (HDD) sarebbero stati completamente sostituiti dalle unità allo stato solido (SSD) e la maggior parte credeva che sarebbe avvenuto entro il 2020. SUna previsione smentita: oggi nel 2023 non è suesso e non succederà nel prossimo futuro. Le elevate capacità complessive e il basso costo per unità di memoria fanno sì che gli HDD siano ancora un'opzione interessante per numerose attività.

Toshiba Electronics Europe player di riferimento del mercato indica le tendenze che stanno influenzando a livello mondiale il settore dello storage sono numerose:

  • Per quanto riguarda le unità client/PC, gli HDD sono stati sostituiti da SSD su larga scala. In particolare, il formato compatto M.2 con interfaccia NVM-e si è imposto nei dispositivi portatili e negli smartphone. Bisogna però riconoscere che le unità SSD adeguate sono ancora 4 volte più costose per unità di capacità rispetto agli HDD. È per questo che i PC meno costosi con requisiti di memoria più elevati sono ancora dotati di HDD.
  • L'importanza dello storage online è un fenomeno che si osserva ormai da diversi anni. Gli utenti accedono a una varietà sempre più ampia di piattaforme basate sul cloud e lo fanno sempre più spesso. Questo può avvenire per lo streaming di contenuti di intrattenimento (come musica o film), oltre che per le attività di e-commerce, gaming e social media. Un altro aspetto da considerare è la maggiore diffusione dello smart working: tutti i dati necessari sono raccolti in grandi data center, che utilizzano principalmente gli HDD come supporto di memorizzazione. L'ottimizzazione della velocità di elaborazione gioca un ruolo sempre più importante. Sebbene i singoli HDD siano più lenti rispetto alle unità SSD, l'interconnessione di un elevato numero di dischi rigidi consente di raggiungere velocità relativamente elevate. Se in passato le soluzioni di archiviazione consistevano in array con un massimo di 24 HDD integrati in un alloggiamento e gestiti da un computer host, oggi si iniziano a vedere configurazioni con 60 o più dischi in una singola unità, che consentono di gestire quantità di dati notevolmente superiori. La sfida, tuttavia, è quella di scalare la velocità di elaborazione complessiva.
  • Gli HDD giocano un ruolo importante nel rendere le operazioni dei data center più sostenibili e affidabili. A causa delle enormi quantità di energia che consumano, la preoccupazione sull'impatto ambientale di queste strutture è in aumento. Toshiba ha condotto test approfonditi sulle soluzioni JBOD ad alta densità dei partner OEM (basate su array di HDD di livello enterprise da 18TB), per convalidare le loro caratteristiche ecologiche. I test dimostrano che i data center possono implementare una tecnologia HDD che consente di soddisfare le esigenze di maggiori risorse di archiviazione dati pur mantenendo i livelli di efficienza energetica previsti dalle ambiziose roadmap del settore Inoltre, l’integrazione di sistemi per il rilevamento della temperatura negli HDD aziendali consente di controllarne meglio le condizioni e di aumentarne la durata.
  • In relazione all'archiviazione dei dati relativi alla videosorveglianza, le applicazioni sono caratterizzate da sempre più telecamere con una risoluzione superiore. Per gestire tutti questi flussi video ad alta risoluzione, sono necessarie soluzioni HDD di nuova generazione. Dato che è generalmente richiesto il funzionamento 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, queste soluzioni devono essere sufficientemente robuste da garantire un funzionamento affidabile. Oltre alla possibilità di acquistare soluzioni efficienti e affidabili, un'altra delle priorità principali per i clienti di questo settore è che il TCO (Total Cost of Ownership) associato possa essere mantenuto al minimo.

“Grazie all'aumento della domanda e ai progressi ingegneristici, lo slancio degli HDD non accenna a diminuire. Ecco perché Toshiba continua a investire per aumentare la capacità produttiva. Abbiamo continuato a lavorare a stretto contatto con i fornitori di apparecchiature per i data center, i system integrator per la sorveglianza e gli OEM del settore informatico per portare sul mercato nuove soluzioni altamente efficaci, in grado di offrire una reale differenziazione”, ha dichiarato Rainer W. Kaese, Senior Manager, HDD Business Development at Toshiba Electronics Europe.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter