▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

La Commissione Europea indaga in merito all'integrazione di Teams con Office

La Commissione Europea pensa che Microsoft abbia garantito a Teams un vantaggio distributivo, non offrendo ai clienti la scelta se acquisire o meno l'accesso a Teams quando si abbonano a Office 365 e Microsoft 365. Se confermate, queste pratiche violerebbero l'articolo 102 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea che vieta l'abuso di una posizione dominante sul mercato.

Mercato

La Commissione Europea accusa Microsoft di aver violato le norme sulla concorrenza in merito all'integrazione di Team con Office. Infatti, secondo l'antitrust europea, il collegamento del suo servizio per le videoconferenze e la condivisione di materiali via cloud (Teams) con le sue più popolari suite per aziende (Office 365 e Microsoft 365) violerebbe le regole europee sulla concorrenza.

Quando è stato lanciato Teams - fanno sapere gli seperti di Bruxelles - Microsoft lo ha incluso nelle sue suite basate su cloud ampiamente utilizzate per i clienti aziendali come Office 365 e Microsoft 365. Microsoft detiene una posizione dominante a livello mondiale nel mercato delle applicazioni di produttività SaaS per uso professionale e la Commissione teme che, almeno dall'aprile 2019, Microsoft abbia collegato Teams alle sue principali applicazioni di produttività SaaS, limitando così la concorrenza e difendendo la propria posizione di mercato software.

La Commissione europea pensa che, così facendo, Microsoft abbia garantito a Teams un vantaggio distributivo, non offrendo ai clienti la scelta se acquisire o meno l'accesso a Teams quando si abbonano alle altre due applicazioni di produttività software as a service. Questo vantaggio potrebbe venire esacerbato dalle limitazioni di interoperabilità tra i concorrenti di Teams e le offerte di Microsoft e quindi, questo comportamento, potrebbe aver impedito ai rivali di Teams di offrire prodotti competitivi e di innovare, a danno dei clienti europei.

Se confermate, queste pratiche violerebbero l'articolo 102 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea che vieta l'abuso di una posizione dominante sul mercato. Microsoft ha introdotto modifiche nelle modalità in cui distribuisce Teams nel luglio 2023, a seguito dell'avvio dell'indagine dell'Ue, iniziando ad offrire alcune suite senza Teams. La Commissione ritiene però che questi cambiamenti non siano sufficienti a rispondere alle sue preoccupazioni e che siano necessarie ulteriori modifiche alla condotta di Microsoft per ripristinare la concorrenza.


Partecipa agli ItalianSecurityAwards 2024 ed esprimi il tuo voto premiando le soluzioni di cybersecurity che reputi più innovative

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter