La strategia Intel declinata all'IDF 2010 di Pechino

Pubblicato il: 14/04/2010
Autore: Redazione ChannelCity

All'Intel Developer Forum in corso a Pechino, Intel ha definito la propria visione per il futuro: l'architettura Intel intende offrire le giuste prestazioni e caratteristiche a tutti i dispositivi.

In occasione dell'IDF primaverile, consueto appuntamento con gli sviluppatori in corso a Pechino, Intel ha dato una dimostrazione di come la società stia creando una base su cui sarà possibile costruire soluzioni comuni di tipo hardware, software e di ecosistema per consentire ai diversi tipi di computer e dispositivi di lavorare insieme senza problemi, migliorandone la loro facilità di utilizzo.

intel-dispositivi-diversi-ma-esperienza-comune-1.jpg
L'
Intel Developer Forum è iniziato con l'intervento di apertura di David Perlmutter, Executive Vice President e Co- General Manager dell'Intel Architecture Group (IAG), che ha condiviso la visione di Intel finalizzata a consentire agli utenti di realizzare le potenzialità di una comune esperienza informatica sempre connessa.
"Con un altro miliardo di utenti di computer connessi entro il 2015 e con ulteriori tipologie di dispositivi, è utile offrire un'esperienza comune tra i dispositivi stessi", ha dichiarato Perlmutter. "L'architettura Intel garantisce la giusta combinazione di prestazioni e potenza checostituisce la base di tutti i dispositivi informatici, creando un continuum del computing virtuale capace di agevolare questa comune esperienza informatica."
Nella fascia alta dello spettro informatico, Perlmutter ha fatto presente come Intel abbia terminato la transizione verso il design di chip basato su microarchitettura Intel, nome in codice "Nehalem"con il recente lancio del processore Intel Xeon 7500 series.
In meno di 90 giorni, Intel ha introdotto i nuovi processori per PC, notebook e server del 2010 che aumentano l'efficienza energetica e la velocità di elaborazione e che comprendono una moltitudine di
nuove funzionalità che rendono i computer più intelligenti, flessibili e affidabili.
Perlmutter ha anche discusso degli aggiornamenti sulla prossima generazione di processori Intel Core che utilizzano la microarchitettura Intel, nome in codice "Sandy Bridge," la cui entrata in produzione è prevista per la fine del 2010. "Sandy Bridge" è basata sulla tecnologia di processo di seconda generazione Hi-K a 32 nanometri.

Questi processori saranno i primi a supportare le istruzioni
Intel Advanced Vector Extension (Intel AVX). Intel AVX accelera la tendenza verso i calcoli intensivi in virgola mobile nelle applicazioni di uso comune come l'elaborazione di immagini, video e audio, nonché nelle applicazioni ingegneristiche, tra cui la modellazione 3D e l'analisi, la simulazione scientifica e l'analisi finanziaria.
"Sandy Bridge" continuerà inoltre a supportare le
Intel AES New Instructions (Intel AES-NI), sette istruzioni software che accelerano la crittografia e la decrittografia dei dati. "Sandy Bridge" includerà anche il core grafico Intel di sesta generazione e comprenderà l'accelerazione per il software in virgola mobile, video e ad elaborazione intensiva che si trova comunemente nelle applicazioni multimediali.
Perlmutter ha inoltre descritto le modalità con cui Intel sta creando un nuova tipologia di esperienza televisiva chiamata "Smart TV", in cui Internet è strettamente integrato con le trasmissioni TV, i contenuti personalizzati e le funzionalità di ricerca. Al centro di questa innovazione si trova il system-on chip (SoC) per l'elettronica di consumo (CE) di Intel, il processore Intel Atom CE4100, che offre discrete prestazioni della CPU, alti livelli di decodifica audio e video HD, nonché effetti grafici avanzati. L'obiettivo è quello di offrire in modo nuovo in TV contenuti personalizzati, i siti Web preferiti e i social network.

Il CE4100 è progettato per i dispositivi elettronici di largo consumo come i
lettori di Blu-ray, i decoder e le TV digitali, in grado di fornire l'esperienza di "Smart TV". Il processore Intel Atom utilizza un design versatile a basso consumo che offre un'ampia potenzialità per una vasta gamma di opportunità in nuovi segmenti di mercato, dai palmari e netbook ai dispositivi elettronici di consumo e alle applicazioni integrate. Il core dei processori Intel Atom possiede caratteristiche simili per quanto riguarda i bassi consumi, il prezzo contenuto e le dimensioni ridotte, che possono pertanto essere trasformate in un prodotto SoC per una varietà di segmenti in base agli specifici utilizzi e ai requisiti di I/O.
Osservando la crescita vertiginosa dell'Internet mobile e la sua presenza in un numero sempre maggiore di dispositivi, Perlmutter ha citato le opportunità apertasi per il settore grazie a una nuova generazione di palmari, tra cui Tablet PC e smartphone. Ha inoltre spiegato in dettaglio in che modo la Legge di Moore e un gruppo di tecniche di processo relative ad architettura, design e produzione, aiuteranno a spostare l'architettura Intel verso power envelope drasticamente inferiori. Allo stesso tempo, l'architettura Intel mantiene le prestazioni elevate di un Internet in continua evoluzione, applicazioni ricche di contenuti multimediali e funzionalità multitasking in mobilità.
Perlmutter ha messo l'accento anche sulla prossima piattaforma Intel "Moorestown", che è pronta per essere introdotta sul mercato entro la prima metà dell'anno in corso. Intel infatti ha riorganizzato la propria architettura di piattaforma e ha attuato una serie di tecniche innovative, come la gestione dei consumi via sistema operativo di prossima generazione e il power gating distribuito, per ottenere migliori prestazioni e forti riduzioni nei power envelope in condizioni di inattività e attività. Per sottolineare questo punto, Perlmutter ha mostrato come, rispetto alla piattaforma di prima generazione Intel "Menlow", i consumi della piattaforma Intel "Moorestown" si siano ridotti fino a 50 volte in condizioni di inattività e fino a 10 volte nella riproduzione audio.
Perlmutter ha inoltre rivelato come Intel stia collaborando con i produttori di PC
Tongfang e Hanvon per introdurre il nuovo design del Classmate PC convertibile, che unisce l'estetica alla robustezza, la completa funzionalità di un PC alle migliori funzionalità di e-reading e le migliori prestazioni all'efficienza energetica. Il design flessibile del nuovo Classmate PC e il fattore di forma del suo schermo tattile permettono una facilità di utilizzo che si sposa alla perfezione con le esigenze degli alunni. Lo sviluppo di queste nuove caratteristiche è frutto di numerose e ampie ricerche etnografiche in collaborazione con alunni e insegnanti.

[tit: L'esperienza cross-device secondo Intel] Nel secondo intervento della giornata, Renee James, Senior Vice President e General Manager del Software and Services Group di Intel, ha proseguito mettendo in evidenza la visione di Intel sull'esperienza cross-device per telefonini, auto e per la casa, fornendo ai consumatori maggiore coerenza e accessibilità alle loro informazioni.
James ha sottolineato come un
ambiente operativo unificato che gira su un'architettura di elaborazione comune possa permettere agli sviluppatori una portata maggiore e un accesso facilitato agli utenti finali, in qualsiasi segmento di mercato. James ha anche accennato al fatto che il cloud computing è il tessuto connettivo tra le piattaforme informatiche, invitando Jiren Liu, Chairman e CEO di Neusoft Corporation sul palco.
Liu ha mostrato in che modo i sistemi costruiti attorno all'architettura di riferimento
Intel Cloud Builder possono offrire nuove soluzioni, collegando i dispositivi client front-end ai sistemi diagnostici remoti back-end in ambito sanitario per offrire servizi prima impossibili.
"La tecnologia ha cambiato il nostro modo di interagire con il mondo e Intel sta mettendo insieme gli elementi di base, dal cloud computing ai più piccoli dispositivi, per offrire ai consumatori un'esperienza informatica veramente full immersion, ovunque essi siano", ha dichiarato James. "Assieme agli sviluppatori e ai nostri partner, oltre che con una combinazione integrata di hardware e software, Intel ritiene di poter contribuire a introdurre sul mercato i migliori prodotti possibili e con la più ampia distribuzione".
Riferendosi alle recenti notizie provenienti da Intel e Nokia di voler unire i progetti open source Moblin e Maemo nella piattaforma software basata su Linux MeeGo, James ha evidenziato l'ampio sostegno incontrato da MeeGo in tutto il settore. MeeGo è ospitato dalla Linux Foundation come progetto completamente open source, è disponibile per OEM, produttori di sistemi operativi, operatori di rete e altri ed è destinato a una vasta gamma di dispositivi, tra cui gli smartphone, i netbook, i tablet PC, i mediaphone, le TV connesse e i sistemi di infotainment a bordo dei veicoli di prossima generazione.
Inoltre, James ha annunciato ai fornitori di software indipendenti e agli sviluppatori cinesi che possono sfruttare il programma Intel Atom Developer Program e inviare le proprie applicazioni affinché siano distribuite sull'Intel AppUpSM Center beta.
James ha anche
evidenziato la recente espansione dell'Intel AppUp Center beta per MeeGo e Microsoft Windows negli Stati Uniti, in Canada e in 27 Paesi europei. Questa crescita offre agli sviluppatori cinesi di applicazioni, nel quadro del programma Intel Atom Developer Program, la possibilità di raggiungere i consumatori di uno dei principali mercati per dispositivi basati su processore Intel Atom del mondo, oltre a transazioni di vendita complete in dollari, euro o sterline (GBP).

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social