Microsoft Dynamics, un rapporto imprescindibile con i partner

Pubblicato il: 28/06/2012
Autore: Barbara Torresani

I partner rappresentano l'elemento di congiunzione tra l'anima globale di Microsoft e i territori. Ed esprimono il loro valore aggiunto soprattutto nelle verticalizzazioni. Come in Microsoft Nav Solution implementata nell'azienda vitivinicola Marchesi de' Frescobaldi.

E' una cornice originale quella scelta da Microsoft per fare il punto sull'offerta Microsoft Dynamics, relativa alle Business Solutions: il Castello di Nipozzano appartenente alla azienda vitivinicola Marchesi de' Frescobaldi che, con una storia di 700 anni nella produzione di vini, ha scelto di migrare al sistema gestionale Microsoft Nav per intraprendere un percorso di innovazione tecnologica che possa traghettarla verso il futuro. microsoft-dynamics-un-rapporto-imprescindibile-con-2.jpg
Giovanni Stifano e Daniel Brown, rispettivamente Direttore Partner e Dynamics di Microsoft Italia e General Manager, Research and Development, Microsoft Development Center Copenhagen ApS Microsoft, presentano la proposizione aziendale in termini di Business Solutions, partendo dalle tappe principali che ne hanno fatto la storia per arrivare alle evoluzioni future,  si soffermano sul ruolo strategico ei partner e introducono il caso di successo di applicazione di Microsoft Nav nell'azienda Marchesi de' Frescobaldi. "Microsoft è costantemente impegnata a raccordare la propria anima globale e internazionale con i territori, attraverso i partner, vero elemento di congiunzione", sottolinea Stifano che scatta un'istantanea della realtà Microsoft Dynamics. Microsoft Dynamics abbraccia le componenti di Erp e Crm ed è una divisione che diventa sempre più strategica all'interno della compagine Microsoftmicrosoft-dynamics-un-rapporto-imprescindibile-con-4.jpg Con 25 anni di esperienza, la divisione ha assunto un'importanza crescente circa un decennio fa con le acquisizioni di Navision e di Great Plains (GP).
Oggi conta circa 350 mila clienti nel mondo, di cui 33 mila nell'area Crm, 16 mila per la soluzione Ax (l'Erp di taglio più enterprise), 90 mila per quella Nav (la soluzione gestionale per la media impresa), 13.500 per il prodotto SL e 43 mila per quella GP (la commercializzazione di quest'ultime due offerte è valida solo nei paesi anglosassoni).
"L'ecosistema dei partner gioca un ruolo fondamentale in Microsoft. Non rappresenta un modo per andare sul mercato ma 'il modo' per andare sul mercato. Il rapporto con loro è forte e imprescindibile. E' una relazione di successo. Basti dire che oggi  580 miliardi di dollari di fatturato è generato da loro".
In Italia sono circa 25.000, di cui cui 13 mila rientrano nel Partner Network, all'interno del quale si collocano i Managed Partner di Dynamics. Quest'ultimi In Italia sono circa 30.  

[tit:Un business dinamico]
I due manager spiegano il concetto di Dynamic Business, che ben si associa alla proposta Dynamics e sottende un modo di interpretare un mondo in costante evoluzione. Lo introduce Stifano: "Oggi le aziende devono reagire in tempi molto rapidi ai cambiamenti imposti dal mercato circostante al fine di  raggiungere i propri obiettivi di business. Cambiamenti che Microsoft racchiude in quattro macrovettori principali: economici - occorre adeguarsi alle turbolenze che caratterizzano il mondo economico; geopolitici - essere pronti a fenomeni quali la delocalizzazione e processi di fusioni e acquisizioni,...; relativi alle persone - le nuove generazioni introducono nuovi modi di lavorare nelle aziende,...; tecnologici - il cloud è oggi il trend più importante e visibile. microsoft-dynamics-un-rapporto-imprescindibile-con-1.jpgDaniel Brown rimarca il concetto: "Viviamo in un mondo dinamico in cui si assiste all'emergere di numerosi fenomeni. Globalizzazione, consumerizzazione dell'IT, social marketing, cloud computing...solo per citarne alcuni. In un mercato così dinamico è fondamentale avere un business dinamico. E' un'opportunità straordinaria che bisogna saper cogliere".
La risposta Microsoft a un mondo in trasformazione è appunto Dynamics, che nelle sue diverse declinazioni  offre un Erp con un set di funzionalità di base che costituiscono la dorsale applicativa - gestione finanziaria, Business Intelligence, HR supply chain, su cui si innestano specializzazioni  per industry – retail, manufacturing (discreto e continuo), Public Sector, Wholesales/Distribution, Isv/custom functionality.  A completare l'ultimo miglio sono le soluzioni verticali sviluppate dai partner che creano il raccordo con le esigenze del cliente.
"Nel caso Marchesi de' Frescobaldi tutte le funzioni base sono implementate e poi si scende nel mondo specifico Winery attraverso la soluzione del partner Replica Sistemi", dice Stifano.
Una Business Solutions così come intesa da Microsoft, sottolinea Brown, "deve essere soprattutto agile, semplice, cloud e, inserita all'interno di una gamma estesa di  prodotti modulari e combinabili in grado di aggiornarsi velocemente e garantire continuità con il futuro". E ciò che promette di fare appunto Microsoft con Nav 7 (oggi in beta, si chiamerà poi Nav 2013), su cui l'azienda ha lavorato in termini di maggiore flessibilità e  fruibilità, introducendo funzionalità di  interactive management reporting, cash flow management, supporto di tutte le tipologie di dati, integrazione con altri data market a partire da Azure e, in generale, con le numerose novità della casa di Seattle previste per il prossimo futuro (per esempio l'interfaccia Metro e Windows 8).
La roadmap indica il mese di novembre del 2012 per il rilascio di Nav 2013, mentre per il 2013 è previsto quello del sistema Nav 8.  

[tit:L'innovazione di Microsoft Nav nell'azienda vitivinicola Marchesi de' Frescobaldi]
"Marchesi de' Frescobaldi è un esempio virtuoso di un'azienda che considera l'innovazione tecnologica non come un costo ma bensì come un vero elemento abilitatore di un business di successo. Un'azienda in cui l'innovazione si sposa perfettamente con la tradizione, così come l'eccellenza con il made in Italy", afferma Stifano. 
microsoft-dynamics-un-rapporto-imprescindibile-con-3.jpgTiziana Frescobaldi, esponente della famiglia e dal 2007 membro del CdA della Marchesi de' Frescobaldi con la delega alla comunicazione e ai rapporti con la stampa racconta l'azienda e spiega la trasformazione tecnologica in atto.
Da oltre 700 anni e 30 generazioni è di proprietà della famiglia Frescobaldi. E' costituita da un insieme di aziende presenti in sette tenute vitivinicole in Toscana e una nel territorio friuliano (Castello di Nipozzano, Castello di Pomino, Castel Giocondo, Tenuta di Castiglioni, Tenuta dell'Ammiraglia a marchio Marchesi de' Frescobaldi, Tenuta di Luce della Vite, Tenuta dell'Ornellaia, e Attems - queste ultime tre società fanno parte del Gruppo). Realtà produttive che operano in piena autonomia in cui però l'IT è visto come elemento trasversale alle singole entità, funzione strategica per il business.
Con un organico di circa 200 dipendenti, di cui cinque dedicati esclusivamente all'attività IT, il Gruppo fattura oggi circa circa 82,8 milioni di Euro, di cui circa il 70% all'estero in 85 Paesi.
A spiegare i motivi alla base della scelta Microsoft, accanto Tiziana de Frescobaldi c'è Giampiero Bertolini,  Marketing & Sales Director: "L'evoluzione del Gruppo nel corso degli anni ha richiesto un processo di trasformazione del sistema informativo diventato troppo complesso, costoso da gestire e manutenere, e non adeguato alle evoluzioni tecnologiche. Quello del vino è un processo con migliaia di item. Le acquisizioni fatte negli ultimi anni – oltre 10 - hanno portato a bordo differenti sistemi informativi, difficili da integrare e gestire in maniera omogenea".
Le origini informatiche del Gruppo risalgono al 1997 quando è stato installato il primo sistema Acg Ibm su macchine AS/400 grazie al partner Replica Sistemi. Da allora molte componenti software sono state aggiunte al sistema informativo (business e management reporting, external service, supply chain integration,...).
La mole di dati crescente e le richieste di personalizzazioni hanno stressato a tal punto il sistema gestionale basato su AS/400 da renderlo inadeguato a un processo di evoluzione. Da qui la decisione di valutare altri sistemi informativi, tra cui ha avuto la meglio Microsoft Dynamics Nav, dopo un intero anno di valutazione (gli altri software presenti nella software selection sono stati quelli di Sap e JdEdwards di Oracle). 
Alla base del cambiamento soprattutto la necessità di avere maggiore flessibilità, tempi di reazione più veloci, un unico software aziendale, riduzione di costi di gestione e manutenzione e garanzia di crescita nel tempo.
"Microsoft Nav si è dimostrato l'unica soluzione in grado di garantire la continuità; vanta inolre una presenza internazionale, ha costi più bassi  anche in termini di hardware ed è integrato con Office", sottolinea Bertolini.
Un anno fa è partita l'implementazione del sistema Microsoft.
Per minimizzare l'impatto dell'implementazione è stato fondamentale mantenere il supporto e il know-how di Replica Sistemi, che ha creato appositamente la startp up Replica Solutions partecipata al 20% da Eos Solutions, il partner con forte know-how sulle Business Applications di Microsoft.
Tra gli altri vantaggi riconosciuti alla piattaforma Microsoft Nav da Bertolini emerge la flessibilità: "E' il sistema con i migliori tempi di riposta, con un'interfaccia grafica familiare, ed è anche un'infrastruttura moderna orientata all'outsourcing e al cloud, compatibile con le moderne funzionalità del Web". Senza dimenticare l'estrema flessibilità anche di  accesso ai dati: "I dati e le informazioni sono elementi cruciali per il nostro business. Noi siamo a tutti gli effetti una database company", dice Bertolini.

[tit:Replica Sistemi ed Eos Solutions]
Da parte sua Replica Sistemi con il supporto del partner Microsoft Eos Solutions, ha implementato la verticalizzazione specifica per il settore vitivinicolo Nav Wine Solution.
Con una storia trenntennale di specializzazione nel software per la logistica, la società nel 1993 ha sviluppato una soluzione verticale per le aziende dell'industria vinicola, con funzionalità per gestire le specificità del settore: Purchasing,  Production and Bottling, Warehouse/Logistics, Sales e Agricoltural  Management.
"Le cantine vinicole sono aziende con problematiche complesse: commerciali, fiscali, di gestione del magazzino, acquisiti ma anche di tracciabilità – sia come gestione fisica che per garantire l'originalità del prodotto. Per questo è necessario conoscerne a fondo i processi e sviluppare funzionalità ad hoc", racconta Ferruccio Montresor, direttore generale di Replica Sistemi.
..."Sulla base della nostra esperienza in quest'ambito, quindi, Nav Win Solution è stato sviluppato per ottimizzare e controllare il processo tipico di un'azienda vinicola, presentare informazioni affidabili in tempo reale, consentire all'azienda di guidare la propria visione strategica. E' una soluzione flessibile che si adatta ai rapidi cambiamenti del business specifico, garantendone lo sviluppo futuro", sostiene Montresor.
Replica Sistemi, con sede a Curtatone (MN), trentanni di storia nell'Ict, 18 milioni di euro di fatturato e un organico di 143 dipendenti, è una società specializzata nella progettazione e nell'implementazione di applicazioni software integrate tra loro e interfacciate con le più evolute tecnologie Voice, Rfid, e geolocalizzazione satellitare.
Nel 1993 ha sviluppato la verticalizzazione per l'industria del vino, di cui conta numerose referenze.
Due anni fa ha creato una start up, Replica Solutions (partecipata al 20% da Eos Solutions) per portare l'esperienza maturata nell'industria vitivinicola sul mondo Microsoft, grazie al supporto di Eos Solutions, parner storico di Microsoft, che conosce a fondo tutta l'offerta Dynamics.
Eos Solutions, come racconta Ezio Alboni, ceo della società nata a Bolzano nel 2000, è tra i primi tre partner italiani in termini di volumi generati su Dynamics e il numero uno su Nav in Italia. Conta circa 240 clienti su questa piattaforma – di cui circa 40 new names l'anno -  e circa 20 clienti su piattaforma Dynamics Ax.
Oggi è una realtà con uno staff di oltre 120 professionisti distribuiti fra l'head quarter di Agrate (Milano) e le sedi di Bolzano, Padova, Udine, Verona e Perugia. Dal 2000 è Gold Partner Microsoft, grazie all'elevato numero di implementazioni e alle competenze professionali che compongono il suo team di lavoro.
"Ci distinguiamo per le forti competenze tecnologiche e di processo e l'alto livello di specializzazione, oltre al supporto di best practice preconfigurate e verticalizzazioni di prodotto volte a coprire le esigenze di diverse aree critiche in differenti indutry, con focalizzazione particolare su Discrete Manufacturing, Engineering, Industrial Equipment, Automotive, Aerospace & Defense, Food & Beverage e Professional Services".
Come per l'ultima versione di Dynamics Ax anche per Dynamics Nav 7 il partner rientra nella schiera degli early adopter: "Siamo particolarmente colpiti dai numerosi miglioramenti funzionali introdotti e dalla maggiore fruibilità di Nav 7", chiosa Alboni.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social