Cooler Master Hyper TX3 e Hyper 212 Plus

Pubblicato il: 29/07/2009
Redazione ChannelCity

Due radiatori ad alte performance per chi desidera una maggiore capacità di dissipazione del calore e per gli utenti evoluti che praticano l’overclock della CPU. Il sistema a heatpipe e l'ampia superficie radiante garantiscono temperature inferiori rispetto ai sistemi di raffreddamento standard Intel e Amd.

Cooler Master propone due radiatori ad alte performance per chi desidera una maggiore capacità di dissipazione del calore e per gli utenti evoluti che praticano l’overclock della CPU. In particolare, Hyper 212 Plus è un dissipatore lamellare realizzato con alette di alluminio e ben quattro heatpipe in rame, direttamente a contatto con la superficie del processore, grazie al particolare design del blocco inferiore.

               cooler-master-hyper-tx3-e-hyper-212-plus-1.jpg

Le dimensioni sono decisamente “importanti”, 116x51x159 per il solo blocco radiante, al quale va agganciata la ventola tachimetrica da 120 mm, con l’ausilio di apposite clip metalliche (in opzione è possibile collegarne una seconda sul lato opposto). La ventola offre un regime di rotazione variabile e compreso tra i 600 e i 2.000 rpm ed è realizzata con meccanismo sleeve bearing a lunga durata. Grazie al connettore a quattro pin, può essere controllata al meglio dalle motherboard più recenti, che supportano il sistema PWM. Hyper 212 Plus è accompagnato da un sistema di ritenzione molto flessibile, composto da un backplate da installare sul lato posteriore della motherboard e da un fermo di ritenzione metallico molto robusto e regolabile.

cooler-master-hyper-tx3-e-hyper-212-plus-2.jpg
Nel particolare, il sistema di fissaggio, il blocco CPU con heatpipe a diretto contatto con la superficie del processore e il sistema di ritenzione mobile.
Si tratta di una struttura composta da due elementi incernierati nel mezzo e capace di offrire diverse angolazioni, per adattarsi a differenti Socket. Nello specifico è possibile installarlo su CPU Intel nel formato LGA775, LGA1156/1366, oppure su piattaforme AMD 939, AM2 e AM3. Grazie a questa possibilità di installazione, Hyper 212 Plus è sicuramente indicato come dissipatore per utenti entusiasti e per chi vuole realizzare un PC da gioco ad alte performance. Peso e dimensioni limitano l’utilizzo nei soli case di tipo Tower e MidiTower, mentre risulta quasi impossibile l’installazione in cabinet micro-ATX, desktop e nella maggior parte dei sistemi HTPC. L'installazione è comunque piuttosto semplice per chi ha già un pò di esperienza, mentre può risultare leggermente ostica per i neofiti. A questo riguardo c'è da segnalare che il piccolo pieghevole multilingua è appena sufficiente per l'installazione e potrebbe essere migliorato per semplificare il montaggio.

[tit:Hyper TX3]Il secondo modello in prova è Hyper TX3, che ricalca la struttura del più imponente 212 Plus e sfrutta un design a tre heatpipe in rame, in abbinamento a una struttura lamellare sensibilmente più piccola.

cooler-master-hyper-tx3-e-hyper-212-plus-3.jpg

L’elemento radiante misura infatti 90x51x139 mm per un peso di 470 grammi, valori che sottolineano la robustezza del dissipatore Cooler Master, che risulta adatto per case di dimensioni medio/grandi e che potrebbe essere adottato anche con cabinet di dimensioni leggermente inferiori, ma non su sistemi compatti. In abbinamento è stata scelta una ventola da 92 mm, con una velocità massima di rotazione di 2.800 rpm e una rumorosità compresa tra i 17 e i 35 dB. TX3 è predisposto per l’utilizzo con i Socket Intel LGA775/1156 e AMD 754/939/940/AM2 e AM3. Per poter essere adattato sono disponibili due diversi sistemi di ritenzione, una clip per le soluzioni AMD, piuttosto pratica da fissare, mentre per CPU Intel è necessario avvitare alla base del radiatore i quattro nottolini di plastica tipici delle recenti piattaforme Core 2 e Pentium.

      cooler-master-hyper-tx3-e-hyper-212-plus-4.jpg

Sicuramente il metodo di fissaggio è meno ergonomico rispetto al “fratello maggiore” Hyper 212 Plus, ma è comunque alla portata di chi ha un po’ di dimestichezza. Anche in questo caso, la documentazione appare scarsa per guidare i meno esperti.

I risultati in termini di capacità di raffreddamento sono misurabili in circa 8°C in meno rispetto alle soluzioni standard, utilizzando un processore Core 2 Quad Q8200 a 2,33 GHz messo sotto stress continuo. Il gap di temperatura a vantaggio di queste soluzioni Cooler Master scende a 5°C in stato di idle della CPU, con un impatto sonoro minimo, considerando una temperatura ambientale di 29°C.

Categorie: Notizie

Tag:

Area Social