Nuove nomine per il Public Sector di Microsoft Italia

Pubblicato il: 11/09/2008
Autore: Redazione IT Channel

Fabio Fregi diventa Direttore della divisione Public Sector mentre Alessandro Paolucci è il nuovo Responsabile del Settore Education di Microsoft Italia.

La filiale italiana di Microsoft è particolarmente focalizza su Pubblica Amministrazione, scuola e università e in questi ambiti sta portando avanti numerose inziative e attività.
Alla guida della divisione del Public Sector è stato nominato Fabio Fregi, che dovrà coordinare il team di persone che in Microsoft supporta la Pubblica Amministrazione Centrale e Locale italiana, entrando a far parte del team dell'Amministratore Delegato di Microsoft Italia Pietro Scott Jovane. 
"La sfida di un'azienda come Microsoft, ha dichiarato Fregi, è fare in modo che la tecnologia possa essere sempre più uno strumento per risolvere problemi reali, contribuendo a creare le premesse per la creazione di una Pubblica Amministrazione davvero efficiente".
Dal 2002 in Microsoft nel Communication Sector con l'obiettivo di  sviluppare il mercato del Software as a Service, Fregi ha assunto via via responsabilità crescenti all'interno della divisione fino a dirigerlo dal 2006, a supporto dell'innovazione delle aziende di telecomunicazioni e media più importanti in Italia. In precedenza Fregi ha lavorato in Oracle e CNI.
Bolognese, classe 1967, Fregi è laureato in Scienze dell'Informazione presso la facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali.
A Fabio Fregi riporta direttamente Alessandro Paolucci, nuovo direttore del settore Education con la responsabilità della gestione delle attività e dello sviluppo dei rapporti con il mondo dell'istruzione.In Microsoft dal 2001, inzialmente come Product Manager HED alla guida del marketing di Xbox, ha poi lavorato all'interno della divisione Enterprise & Partner Group gestendo la relazione con i grandi partner. Successivamente si è occupato del Communication Sector con il ruolo di Account Manager in ambito Telco e Media.  

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social