Per il browser Safari 11 milioni di download in soli tre giorni, inclusi 6 milioni per Windows

Pubblicato il: 13/06/2009
Autore: Redazione ChannelCity

Apple ha annunciato che sono state scaricate 11 milioni di copie di Safari 4 a tre giorni dal suo lancio, compresi sei milioni di download di Safari per Windows.


Safari, il browser di casa Apple,
 ha raggiunto 11 milioni di download in tre giorni, compresi sei milioni di download di Safari per Windows. Safari 4 include il supporto a HTML 5 per le tecnologie offline e il supporto per l’avanzato CSS Effects, abilitando una serie di nuove applicazioni web che presentano ricche grafiche, font e vari media. Safari 4 è il primo browser a superare il test Acid3 di Web Standard Project, che esamina quanto il browser si attiene agli standard CSS, JavaScript, XML e SVG che sono specificatamente progettati per le applicazioni web dinamiche. 
Safari 4 include Top Sites, per una visualizzazione di anteprima delle pagine preferite e più lette, Full History Search per cercare attraverso i titoli, gli indirizzi e il testo completo delle pagine visitate di recente; Cover Flow per saltare con facilità nella cronologia e nei preferiti.
Altre caratteristiche innovative includono Smart Address Fields per il completamento automatico degli indirizzi web da una lista di suggerimenti di facile lettura; Search Fields per affinare la ricerca con i suggerimenti di Google Suggest o dalla lista delle ricerche recenti e Full Page Zoom per uno sguardo ravvicinato di ogni sito senza degradare la qualità del layout e del testo del sito.
In Mac OS X Snow Leopard, disponibile nella seconda metà dell’anno, Safari gira come un’applicazione a 64-bit, accelerando le performance del motore Nitro JavaScript. Snow Leopard rende Safari più resistente ai crash dovuti ai plugin in, facendoli girare come processi separati, così se anche un plug in si blocca, Safari continua a funzionare semplicemente ricaricando la pagina incriminata.
Safari 4 è disponibile sia per Mac OS X e Windows come download gratuito a questo indirizzo.

Categorie: Notizie

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social