Highway to Azure! Verso il cloud con COMPAREX, Microsoft e OverNet (video)

Pubblicato il: 25/02/2019
Barbara Torresani

Le tre aziende propongono un percorso  a tappe per accompagnare gli sviluppatori software nell’autostrada verso il Cloud, aiutandoli a comprendere come scrivere applicazioni nella nuvola erogabili ai clienti in modalità pay per use con evidenti vantaggi per il business.

Lo sviluppo software in chiave moderna passa da Microsoft, il vendor del software per antonomasia oggi focalizzato sul cloud in tutte le sue declinazioni:  Paas, Iaas e Saas.
Ed è proprio la casa Microsoft a Milano (Microsoft House) ad aver accolto di recente la prima tappa dell’appuntamento ’Highway to Azure!’, organizzato da COMPAREX in collaborazione con Microsoft e OverNet Education, aperto alle aziende di sviluppo sofware, ISV e service provider.
Un percorso gratuito per sperimentare e toccare con mano i vantaggi, le funzionalità e i metodi di adozione del Cloud Microsoft Azure, che, nel primo appuntamento, ha approfondito le opportunità offerte dal cloud, dalla gestione dell'infrastruttura, alla scalabilità elastica e alla ridondanza geografica, analizzando come Azure DevOps consenta di standardizzare e automatizzare l'intero processo di compilazione, testing e release per i propri software.
Un secondo appuntamento, in agenda il prossimo 12 marzo, (o in alternativa il 26 marzo) prevede una giornata di formazione tecnica gratuita con l’obiettivo di aiutare i partecipanti a costruire un business plan vincente con l’adozione di Azure.

Il passaggio dall’on premise al cloud
Al centro della giornata un tema oggi molto sentito dalle aziende di sviluppo applicativo alle prese con la Trasformazione Digitale che porta con sé paradigmi tecnologici e di business moderni e modelli di sviluppo più agili e al passo coi tempi. Un passaggio dall’on premise al cloud che Microsoft e le aziende partner propongono attraverso la piattaforma Azure e gli strumenti che questa mette loro disposizione racchiusi in Azure DevOps.
La strategia Microsoft attuale è infatti focalizzata sul Cloud, come recita il mantra aziendale ‘Cloud First’ ed è in questa direzione che Microsoft sta convogliando i più grandi investimenti in termini di innovazione tecnologica. Oggi molto spesso lo sviluppo applicativo è ancora legato a modelli tradizionali con servizi offerti attorno all’ hardware dal cliente. Il fatto di andare in cloud permette di avvantaggiarsi di una serie di servizi, facilmente approvvigionabili, facendo leva su una piattaforma come Azure; una volta portate sul cloud, le applicazioni possono essere arricchite di servizi innovativi a valore come ad esempio l’innesto di funzionalità di Intelligenza Artificiale al servizio del business di molti settori.

Denis Bassani, Territory Channel Manager, Microsoft Italia
Entro quattro-cinque anni l’80% delle applicazioni utilizzate quotidianamente avranno all’interno funzionalità di Intelligenza Artificiale (cognitive, machine learning, predictive analisys,); la stessa Microsoft sta facendo questo percorso rendendo disponibile tutto il suo portafoglio di offerta in cloud e aggiungendo capacità innovative di AI per esempio in Office 365 e nell’offerta Dynamics di Business Application (con capacità di analizzare e predire dati, suggerire decisioni di business …).
Il passaggio delle applicazioni dall’on premise al cloud abilita nuovi modelli di business permettendo di sviluppare e mantenere aggiornate le applicazioni in modo moderno e agile per rispondere ai nuovi requisiti imposti dai clienti.
Questo passaggio offre un’enorme opportunità di business da cogliere per chi sviluppa software, COMPAREX si pone come uno dei partner italiani più importanti di Microsoft in grado di accompagnare realtà che sviluppano software a spostare le proprie applicazioni nel cloud.
Da parte sua OverNet è il partner Microsoft che si occupa dell’aspetto formativo: l’accesso alle nuove tecnologie cloud infatti deve essere supportato da un adeguato percorso di formazione: cambiano i paradigmi di sviluppo e delivery delle applicazioni per cui è necessaria una formazione strutturata come fattore abilitante.

Alessandro Borgonovo, CSP Business Development Manager, COMPAREX Italia
COMPAREX, legata a doppio filo a Microsoft. Il ruolo di CSP
COMPAREX è un fornitore IT che si distingue per una forte specializzazione sul mondo Microsoft, uno dei pochi partner a livello mondiale con la qualifica di Azure Expert Managed Service Provider. Oltre a proporsi come Microsoft LSP (License Solution Provider) e MSP (Managed Services Provider) COMPAREX è anche distributore Microsoft CSP (Cloud Solution Provider), un programma rivolto al canale Smb che consente di utilizzare risorse del cloud Microsoft in modalità ‘pay per use’ con il massimo della scalabilità e della flessibilità. Coloro che vi aderiscono vengono affiancati da un provider (nella fattispecie COMPAREX) nel cammino verso Azure, in grado di gestire il provisioning, offrire supporto pre e post vendita e molto altro.

Servizi offerti
COMPAREX fornisce
un maketplace dedicato al CSP, una dashboard per la gestione dei consumi (Cloud consumption monitoring), un supporto di licensing e un supporto di prevendita tecnica gratuito, formazione e consulenza progettuale nonché corsi certificati Microsoft per sviluppare le partnership Silver o Gold.
Tramite COMPAREX è possibile sottoscrivere tutti gli abbonamenti del portafoglio Cloud Microsoft – divisi in due categorie: da una parte i servizi di Infrastruttura e Piattaforma e dall’altra quella dei servizi Saas. 

Nel vivo dello sviluppo in cloud
Nel corso della giornata gli esperti di OverNet Education sono entrati nel vivo del tema attraverso una guida pratica per gli sviluppatori al fine di passare dall’on premise al cloud, mettendo in evidenza i vantaggi derivanti da questa migrazione che consente di non preoccuparsi del ‘ferro’ ma dei dati e delle applicazioni.
Focus specifico su DevOps come cambio culturale che permette di sviluppare le applicazioni in modo agile in un processo di 'continuous delivery' per dare valore all’end user. In particolare, Microsoft Azure DevOps attraverso i cinque componenti principali (Boards, Pipelines, Repos, Test Plans, Artifacts) copre l’intero ciclo di vita dell’applicazione. Ecco alcuni numeri rappresentativi di Microsoft Azure DevOps oggi: 78 mila deployement al giorno, 500 milioni di test al mese, 4,4 milioni di ‘builds’ al mese, 2 milioni di ‘git’ al mese, … 

Michele Aponte e Antonio Liccardi, Trainer, OverNet Education
Wolters Kluwer: una case study di successo
Un caso concreto di applicazione del cloud Azure è stato presentato da Wolters Kluwer, azienda che ha individuato nel cloud la piattaforma del futuro e per questo da alcuni anni ha avviato un viaggio in questa direzione optando per l’offerta Microsoft. All’evento Wolters Kluwer ha presentato Genya, la soluzione cloud per i commercialisti, una soluzione applicativa moderna con 300 mila clienti, dalle 80 alle 100 mila request al minuto, 500 mila fatture elettroniche gestite che punta su usabilità e sicurezza garantite dal cloud Microsoft Azure. 

Marco Cenzato, Technology and Architecture Manager Software Development, Wolters Kluwer


Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Area Social