Acconto Tasi: si paga entro il 16 giugno e senza proroghe

Pubblicato il: 16/05/2014
Autore: Redazione ChannelCity

Sebbene a oggi solo un comune su otto ha determinato l'aliquota da pagare e la parte che spetta all'inquilino-affittuario, il tempo è ormai quasi scaduto, perché la data ultima per presentare le delibere comunali è venerdì 23 maggio. La Tasi si dovrà pagare entro il 16 giugno, slitta qualsiasi proroga.

Tasi, l'acconto si dovrà pagare entro il 16 giugno e senza proroghe. E' questo il risultato del lungo tira-e-molla fra Governo e Comuni, che si trascina ormai da qualche tempo e che ha portato ad intense trattative fra il Ministero dell'Economia e l'ANCI, in qualità di rappresentante dei Comuni italiani, per scongiurare un rinvio che avrebbe da una parte svuotato le casse dei comuni, e dall'altra messo a rischio la fornitura di servizi essenziali per i cittadini.
Ma perché questo caos? A oggi solo 1 comune su 8 ha determinato l'aliquota da pagare e la parte che spetta all'eventuale inquilino-affittuario, ma il tempo è ormai quasi scaduto, perché la data ultima per presentare le delibere comunali è venerdì 23 maggio.
I sindaci dei comuni italiani, paventando uno slittamento, si sono detti pronti a varare le delibere nel più breve tempo possibile, ma sino ad oggi solo mille comuni su un totale di 8 mila hanno già deciso.
Dove nasce il problema? La TASI, ovvero la tassa sui servizi indivisibile, è solo una parte della IUC (Imposta Unica Comunale), che comprende anche la tassazione sulle seconde case (vecchia IMU) e la tassa sui rifiuti (TARI).
Ebbene, spetta ai Comuni determinare sia la maggiorazione per le seconde case (rispetto all'aliquota base dell'1% per mille) sia la percentuale che spetta agli inquilini di un immobile affittato (che potrebbe variare dal 10% al 30%). Dunque, il discorso vale soprattutto per le seconde case, perché i proprietari di prima casa hanno l'opzione di pagare tutto in unica soluzione il 16 dicembre, quando viene versato il saldo.
Gli obbligati al pagamento il 16 giugno sono dunque solo i proprietari di seconde case. Cosa accadrà in assenza di delibera? In proprietari di seconde case verseranno il 50% dell'aliquota base dell'1 per mille, rivalendosi sull'affittuario per una quota annua del 10% (quindi l'inquilino paga il 5% in acconto).

Categorie: Attualità

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota