Esprinet, nuovo logo e sito Web rinnovato

Pubblicato il: 11/04/2016
Autore: Redazione ChannelCity

Il nuovo simbolo porta modernità all’identità del brand mantenendo continuità con i valori che ne hanno fatto la storia. Esprinet rinnova anche il sito web.

Esprinet cambia il logo e rinnova il sito Web, area pubblica (A breve verrà anche resa disponibile la parte privata, riservata ai rivenditori e partner). Un simbolo semplice e moderno che esprime l’evoluzione dell’identità del Gruppo che, in sedici anni di storia, è cresciuto fino a diventare il più grande distributore nel Sud-Europa, essendo il n.1 in Italia e tra i primi 3 in Spagna con un fatturato 2015 di circa 2,7 miliardi di euro.
esprinet-pos.jpg
Il nuovo logo di Esprinet prende ispirazione dal marchio precedente, mantenendo il colore blu e la lettera “e” quale elementi distintivi e riconoscibili, ma reinterpretati in una chiave più attuale. La nuova proposta vuole comunicare il concetto di percorso, per evidenziare il ruolo di punto di riferimento nella distribuzione di tecnologie ICT dal produttore al rivenditore che l’azienda è riuscita a consolidare sempre più negli anni.
“E’ un logo moderno, tecnologico e strettamente collegato al nostro DNA e ai valori che vogliamo comunicare: affidabilità, velocità e movimento, chiarezza, riconoscibilità e costante evoluzione”, ha commentato Alessandro Cattani, Amministratore Delegato del Gruppo Esprinet.
“La strada che stiamo percorrendo verso la ricerca costante dell’eccellenza – commenta Maurizio Rota, Vicepresidente e Amministratore Delegato del Gruppo - è parte integrante della nostra storia e da oggi anche del simbolo che rappresenta la società”.
Il nuovo logo si declinerà in ogni presenza del Gruppo, nella sede principale a Vimercate e nei magazzini di Cavenago e Cambiago così come nelle filiali operative in Spagna e Portogallo.
Il lancio del nuovo logo si accompagna alla nuova release del sito www.esprinet.com sia nella sua area pubblica che, a breve, nella area riservata ai rivenditori di tecnologia.

Categorie: Distributori

Tag: Analisi

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota