googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Qboxmail, la gestione della mail in cloud che passa dal canale

Lo specialista della gestione delle email professionali a prova di canale descrive la suite proposta al mercato, interamente sviluppata dal team interno. Ce ne parla Alessio Cecchi, Ceo dell’azienda.

Vendor
La email continua a rappresentare lo strumento di comunicazione più noto e utilizzato dell’era digitale moderna. Un deposito di dati dal valore immenso, personali e aziendali: comunicazioni semplici e sofisticate, spesso contenenti dati sensibili, come fatture, report, codici, credenziali, immagini, informazioni riservate, …  Uno strumento fondamentale in uno scenario sempre più digitale, in grado di mettere in comunicazione il mondo ma anche ad alto rischio, visto il suo contenuto, la cui gestione, apparentemente semplice, in realtà richiede un’attenzione e una cura molto elevate: “Solo chi non ha mai gestito un Mail Server può pensare che sia un compito facile”, afferma Alessio Cecchi, Ceo di Qboxmail (qui potete leggere la storia aziendale, ndr). In realtà non lo è affatto, e Cecchi lo sa, visto che su questo tema – la gestione  delle email appunto – ha costruito la propria attività di business; un’unica focalizzazione per fornire un servizio di elevata qualità: “La gestione delle email è il mestiere di Qboxmail, nel quale mettiamo forti competenze e un’elevata qualità per distinguerci dai nomi più blasonati che forniscono email su larga scala, a volte a scapito della qualità”, afferma.Negli anni Qboxmail si è dedicata a questa attività, concentrandosi sullo sviluppo in chiave moderna di una suite, con l’idea di liberare le aziende clienti dal problema della gestione del proprio mail server dedicato: “Oggi non ha senso prendersi in carico la gestione di un Mail Server: richiede tempo, competenze ed è onorosa e, se non la si sa fare, si rischia di dare un disservizio; meglio affidarsi a chi questa attività lo fa di mestiere”.  alessiocecchi
Alessio Cecchi, Ceo di Qboxmail
Cloud e canale: un binomio vincente
Per fare ciò Qboxmail ha ragionato da subito in chiave moderna, scegliendo di abbracciare il cloud per essere pronto alle sfide attuali e future, offrendo una suite con i servizi sulla ‘nuvola’, fruibili a consumo, pay per use, proponendo il tutto solo ed esclusivamente attraverso il canale dei partner. “Mettiamo a disposizione dei clienti una suite completa per semplificare la gestione delle email con una grande quantità di GB di spazio in cloud, niente più spam, email sempre a destinazione e clienti sereni e soddisfatti, non costretti a perdere tempo in attività non legate al loro core business”, puntalizza Cecchi.
La gestione della mail in cloud in sicurezza Una tipica azienda di provincia made in Italy, nata dall’idea di un professionista del settore e che oggi gravita nella galassia di Welcome Italia, proponendo un servizio di gestione dell’email in cloud, passando solo ed esclusivamente dal canale.
La suite, che poggia su un’infrastruttura proprietaria ed è costituita da software sviluppati interamente dal vendor, propone servizi facilmente gestibili via web o API. La scelta del cloud risponde ai requisiti dell’IT moderna e delle continue trasformazioni in atto, per cui il tradizionale modello commerciale non è più sostenibile. Con la nostra proposta consentiamo al partner di gestire ovunque gli account email dei propri utenti attraverso un pannello di controllo, totalmente in cloud, accessibile da computer, smartphone o tablet, in totale sicurezza”, rimarca. 
panel 2
Più in profondità
Il pannello di controllo è l’elemento ’core’ della suite di gestione delle email: “Stiamo parlando di un componente – la mail – che ha la stessa età di Internet. Per modernizzarla Qboxmail ha lavorato in termini di interfacce, strutturandole in maniera tale da agevolare il lavoro dei rivenditori”, spiega Alessio Cecchi. Attraverso il pannello di controllo evoluto, totalmente in cloud, è possibile gestire gli account email dei clienti, impostare policy di sicurezza avanzate e monitorare il buon funzionamento dei sistemi in totale autonomia, ovunque ci si trovi.“
Spesso il rivenditore gestisce le caselle mail di diverse aziende: "Per gestire quelle di un cliente deve entrare nel pannello con le credenziali di questo, ed uscire e rientrare in esso per gestire quelle di un altro cliente; e questo per una molteplicità di clienti. Con Qboxmail la gestione di tutte le email è invece centralizzata e gestita da un unico punto, indipendentemente da dove il dominio del cliente è registrato, per cui a colpo d'occhio è possibile gestire tutte le mail”, dettaglia Cecchi.
Panel consente quindi di gestire gli account email in maniera semplice e centralizzata: creare e gestire gli account email, raggrupparli per domini, impostando le funzionalità che più soddisfano le esigenze dei propri utenti sia per dominio che per singoli account, nonché lo spazio disponibile per singolo account, creando un’anagrafica completa per azienda e per utente e abilitando o disabilitando gli accessi POP, IMAP, SMTP e Webmail.
Un pannello di controllo creato per rendere totalmente autonomo l’utilizzatore: Qboxmail infatti fa sì che la totalità delle operazioni vengano fatte in autonomia dal cliente/rivenditore. Ciò significa che lo si rende autonomo nelle attività di aggiunta, rimozione, gestione, importazione e migrazione delle caselle. “Gli forniamo tutti gli strumenti adatti per operare in totale autonomia. Un fatto molto apprezzato dal cliente che è libero di scegliere quando effettuare tali processi; per esempio, può decidere di fare una migrazione il venerdì sera o il sabato mattina, senza dover ricorrere a noi.”
panel 2
Nello specifico, Qboxmail ha implementato una procedura automatica di migrazione dal server in uso dal cliente verso quello Qboxmail. L’operazione risulta molto semplice: si predispone un file Excel con la lista delle Caselle di posta da migrare e tutti i parametri che servono per questo processo, lo si carica nella piattaforma che lo valida, e, una volta validato, si sceglie data e ora in cui far partire l'applicazione. Una volta terminato il processo, una mail di notifica segnala il completamento della migrazione.
Il Pannello di controllo, la cui interfaccia può essere personalizzabile con il brand dell’azienda, è anche disponibile come app, favorendo  tutte le attività da remoto attraverso un dispositivo mobile. 
Sempre nell'ottica di agevolare l’attività dei rivenditori, magari quelli più strutturati, Qboxmail mette inoltre a disposizione le API per consentire di automatizzare sia la parte di attivazione e gestione, ma anche per esempio quella di fatturazione: “I rivenditori possono quindi integrare rapidamente e in modo semplice tutti gli applicativi con i sistemi di Qboxmail, grazie alla piena compatibilità API RESTful”, spiega Cecchi. 
device panel
Una Webmail a prova di futuro
Oltre allo sviluppo del pannello di controllo e delle API, Qboxmail si è cimentata anche nello sviluppo della componente Webmail, impegnando a tempo pieno un team di quattro sviluppatori per oltre un anno e mezzo. Un passo importante fortemente voluto da Alessio Cecchi, “perché è quel componente software che ci permette di sviluppare tutte le funzionalità e le integrazioni per competere sul mercato andando oltre le mere logiche di prezzo. Avremmo potuto anche optare per una webmail Open Source, a cui rifare solo graficamente ‘il vestito’, ma saremmo così rimasti vincolati a un software su cui non avremmo potuto metterci le mani al fine di farlo crescere e integrarlo con prodotti di terze parti. Avere una nostra webmail ci permettere di ragionare in termini di sviluppo anche a medio e lungo termine e poter competere sul mercato, noi e i partner, per fare la differenza,” sottolinea.
Una webmail che al proprio interno contempla la parte di email classica (per leggere, inviare, organizzare e condividere messaggi selezionando le impostazioni che meglio rispondono alle proprie necessità), la gestione dei contatti (rubriche condivise e precompilate con account sempre sincronizzati) e i calendari, in cui, di recente, è stata inserita l’integrazione con Zoom per dare la possibilità di schedulare video meeting in maniera semplice e veloce. Una webmail disponibile anch’essa sugli smartphone per l'accesso alle email aziendali e al calendario condiviso. 
webmail 1
Archiviazione
Disponibile e integrato nel pannello di controllo anche il componente Archivio Email: un sistema di archiviazione delle mail in cui tutti i messaggi inviati e ricevuti sono conservati senza limiti di spazio. Il sistema esegue in automatico copia di tutti i messaggi ricevuti e inviati, li archivia e conserva fino a un massimo di 10 anni.
Il messaggio archiviato, di facile reperimento grazie a un’interfaccia semplice e intuitiva, è disponibile per la ricerca, la consultazione, l’esportazione, e la stampa. “Il fatto di essere integrato nel pannello di controllo è molto apprezzato dagli utenti; si attiva in modo semplice, automatico e totalmente trasparente mediante pochi click. Non è necessario installare alcun tipo di software o di plug in aggiuntivo né lato server né lato client. E quando si attiva l'archiviazione dal pannello di controllo si può anche predisporre l'importazione in archivio di tutte quelle che sono le mail pregresse, un processo che per altri sistemi di gestione email deve essere fatto manualmente, postazione per postazione, magari dovendo installare un plug in”. Un archivio delle mail altresì sviluppato seguendo le linee guida del garante della privacy italiano in materia di GDPR. 
webmail 2

Email Security
Integrato nella piattaforma senza necessità di gateway aggiuntivi o rischi di by-pass, c’e inoltre il sistema di Email Security che utilizza tre motori di protezione di terze parti: uno a protezione di ransomware, uno di link malevoli e uno di Bulk Email (spam). La sensibilità del filtro è regolabile su vari livelli e inoltre offre la possibilità del sistema di gestire White e Black List impostabili dall’utente direttamente da Webmail.
Da segnalare inoltre lo strumento ETLive, per analizzare in tempo reale gli accessi e i log del traffico email in ingresso e in uscita per rispondere velocemente alle richieste dei utenti: “E’ un sistema di analisi del traffico email in tempo realeche consente di vedere se vi sono accessi abusivi, piuttosto che invii sospetti, controllare le email ricevute e vedere se alcune sono state bloccate e respinte, quante sono state inviate e sono state effettivamente consegnate, con relative notifiche di accessi SMTP abusivi e invii sospetti”, racconta Cecchi.  
Una sicurezza senza compromessi, che implementa policy di security che consentono di scegliere il grado di sicurezza a seconda del profilo utente (2FA, limitazioni accessi per IP, blocco riuso password) grazie ad impostazioni avanzate. 

La macchina del tempo delle email
Mail Time Machine,
o più semplicemente MTM, è infine lo strumento di backup automatico che permette di viaggiare all’interno dell’ account email e tornare indietro nel tempo fino a 15 giorni. Effettua backup giornalieri di tutte le email, visualizza i messaggi presenti nella casella nei 15 giorni precedenti e permette di recupera fino a 10 messaggi per volta erroneamenti cancellati, consentendo un ripristino totale dell’ account per recuperare l’intero contenuto.
iphone panel

Tre piani di servizio
La proposta Qboxmail, pay per use (si pagano solo gli account email e i servizi effettivamente attivi, senza canoni fissi, con fatturazione mensile) è fruibile secondo tre piani di servizio: Basic, per l’azienda che vuole un servizio di qualità al giusto prezzo; Professional, per l'azienda che ha bisogno di coordinarsi e comunicare in modo semplice e intuitivo (mail, contatti, calendario, da 8 a 50 GB) ed Enterprise, per l'organizzazione che vuole strumenti di comunicazione avanzati e le più complete policy di sicurezza (mail, contatti, calendario, Exchange ActiveSync, da 8 a 100 GB). Il servizio prevede altresì un supporto tecnico gratuito di qualità.

Partner protagonisti
Una suite a misura di partner
viene da dire – in particolare gli MSP - a cui Qboxmail mette a disposizione strumenti e servizi in grado di ottimizzare e rendere competitivo il proprio business, mantenendo un’elevata redditività: “Entrando a far parte del Programma rivenditori di Qboxmail, i partner possono usufruire di numerosi vantaggi per rendere la loro offerta commerciale competitiva e accattivante e aumentare la redditività del loro business”, conclude Cecchi: “La gestione delle email passa da qui”.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche