Westcon, il valore a servizio del mondo Education

Molti i vendor proposti per indirizzare le esigenze del mercato Education, oggi soprattutto interessato a irrobustire l’infrastruttura di rete e la messa in sicurezza dei servizi erogati. Extreme Networks, Check Point e Palo Alto Networks i principali brand proposti dal distributore, che a questi affianca Zscaler e Sumo Logic. Forte la spinta sulla formazione, erogata dal VAD in qualità di centro autorizzato per moltissimi vendor a portafoglio

Distributori

Il settore Education è in grande fermento. Negli ultimi anni la pandemia ha agito da importante acceleratore d’innovazione per tutto quello che riguarda gli aspetti tecnologici, portando soprattutto in primo piano urgenze legate al rinnovamento delle infrastrutture di rete. “Nel settore Education la nostra visibilità si concentra in particolare in ambito accademico, dove stiamo registrano moltissime richieste di aggiornamento delle reti. Nel periodo più emergenziale queste richieste erano per la maggior parte indirizzare a garantire all’utenza l’accesso ai servizi da remoto. Oggi questo obiettivo è ormai raggiunto e rappresenta una componente strutturale dell’offerta formativa agli studenti. Quello su cui ora ci si concentra è soprattutto la messa in sicurezza di questi servizi per garantire da un lato la massima protezione degli utenti e dei loro dati personali, e dall’altro il pieno controllo su chi accede” afferma Dario Sergi, Services Manager di Westcon Italia, sottolineando come sul mercato in questo momento non si stiano registrando grandi incrementi nel settore pubblico per quanto riguarda i volumi di business. Fondamentale, comunque, sarà farsi trovare pronti in termini di risorse e prodotti non appena la PA avvierà i progetti di rinnovamento. In uno stadio più avanzato è il processo di ammodernamento delle università private e telematiche, che possono vantare una maggiore libertà nella gestione degli investimenti.

“Senza dubbio oggi la modernizzazione del settore Education passa soprattutto dal cloud, che consente di gestire ed erogare servizi in modo più economico rispetto ai data center proprietari, che sono anche meno facilmente scalabili rispetto alle necessità” commenta Sergi, che prosegue: “Ovviamente anche nel cloud non mancano problematiche di sicurezza che, vista la loro specificità, devono essere affrontate con strumenti di protezione ad hoc, diversi da quelli normalmente utilizzati per i data center tradizionali”. Il tema della sicurezza resta, quindi, centrale, spingendo verso nuove soluzioni tecnologiche, da corredare con competenze più specifiche.

Un portfolio di tecnologie evolute

Per quanto riguarda le soluzioni, Westcon mette a disposizione dei rivenditori un ricco portfolio di vendor in grado di indirizzare al meglio le esigenze del settore Education. Extreme Networks, per esempio, vanta un presidio estremamente forte di questo mercato grazie a un’offerta basata su soluzioni di connettività evoluta. Oltre a fornire apparecchiature per infrastrutture di rete cablate e wireless, il vendor sviluppa, infatti, anche software per la gestione delle reti, l’analisi dei dati e il controllo degli accessi. Con Palo Alto Networks e Check Point, Westcon mette, invece, a disposizione una security a 360°, spingendosi oltre la protezione delle reti per garantire massima sicurezza anche agli endpoint, siano essi dispositivi personali o sistemi gestiti. “Nel cloud servono strumenti di IT security specifici ed entrambi questi vendor propongono soluzioni mirate ed efficaci” chiarisce Sergi, ricordando anche l’importante presenza a portfolio di Zscaler e Sumo Logic. Il primo mette a disposizione una soluzione di Secure Access Service Edge particolarmente interessante per chi necessita di una interconnessione sicura tra più sedi e utenti mobili. Il secondo, infine, offre una piattaforma cloud-native per l’analisi e la generazione di insight in tempo reale su tutti i dati in ambienti ibridi e multi-cloud: informazioni che garantiscono una capacità di analisi continua, fondamentale per aiutare i team a prendere decisioni rapide basate sui dati sia per i casi di utilizzo operativo che di sicurezza.

“Sumo Logic è una soluzione particolarmente interessante come componente infrastrutturale di progetti complessi, in grado di offrire diverse funzionalità di security tra cui cloud SIEM, sicurezza cloud e controllo della conformità” specifica il Services Manager, che ricorda che Westcon opera anche come centro formazione autorizzato per buona parte dei vendor a portafoglio, erogando corsi anche in lingua italiana. Accanto a questa attività legata ai brand distribuiti, il VAD organizza anche workshop e percorsi formativi su tematiche di specifico interesse dei dealer. “In base alle esigenze, li aiutiamo a formare tecnici in ambito sicurezza con una formazione ibrida che punta a trasferire competenze non solo sui prodotti, ma anche su argomenti più trasversali, come per esempio la creazione di un SOC” puntualizza Sergi, evidenziando come questo aspetto testimoni il valore che Westcon è in grado di portare al mercato.

Un valore che si esprime nelle competenze tecnologiche messe a disposizione, nel supporto di primo e secondo livello garantito per tanti vendor a portafoglio (supporto in molti casi erogato in lingua italiana) e nella struttura di servizi professionali offerti ai dealer. “Si tratta di un valore riconosciuto dagli stessi vendor che distribuiamo. Palo Alto Networks, ad esempio, ci ha premiati come Global Distributor of the Year nel 2020 e nel 2021, Emea Distributor of the Year nel 2019 e nel 2020, Emea Distributor of the Year for Marketing nel 2021 ed Emea Distributor of the Year for Cortex nel 2021. Ci fregiamo di essere il loro primo distributore al mondo per volume di business, mentre per Check Point ed Extreme Networks siamo uno dei principali distributori. Per Zscaler Westcon è distributore unico in Italia” conclude Sergi con una precisazione importante rivolta a tutti i dealer interessati a operare nel settore pubblico dell’Education: per cogliere le opportunità in questo ambito occorre garantire soluzioni e competenze, ed essere iscritti al MEPA, il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione, lo strumento unico di eProcurement pubblico attraverso cui le PA possono cercare, confrontare e acquisire beni e servizi proposti dalle aziende abilitate a presentare i propri cataloghi sul sistema, nel rispetto di formati standard e secondo le regole e le condizioni definite da Consip per ciascun bando.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter