googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Trend Micro, continua l’evoluzione verso nuove aree di mercato

Andremo a rafforzare la nostra presenza, puntualizza Gastone Nencini, nuovo country manager dalla filiale italiana, migliorando ed estendendo il rapporto con i partner impegnandoci a fare evolvere l’ecosistema verso nuove modalità di servizio.

Vendor
Gastone Nencini è da gennaio 2015 il nuovo country manager di Trend Micro per l’Italia, azienda nella quale milita dal lontano 1998.
Nencini è un persona che non passa inosservata, è un personaggio nel mondo della security e la sua stessa fisicità è sinonimo di sicurezza. La nomina è una conferma del modo in cui Nencini ha sviluppato in tutti questi anni il business del vendor di software secuirty e rappresenta un segnale di continuità rispetto a quanto sinora intrapreso.
Trend Micro è stata confermata leader nel magic quadrant 2014 di Gartner dedicato all’endpoint protection.
gastone-nencini-trend-micro-italia.jpg“Abbiamo fatto notevoli investimenti e miglioramenti al nostro set di soluzioni per la protezione endpoint, che includono il controllo delle applicazioni, un rilevamento di malware avanzato, nuove sandbox e capacità di risposta agli incidenti", ci dice Nencini. "Allo stesso tempo abbiamo rafforzato le performance, la flessibilità e la semplicità di deployment e gestione consolidando rapporti con importanti palyer del settore, non ultimo quello con HP che permette l’integrazione di Deep Discovery nell’appliance HP dedicata a contrastare le minacce avanzate”.
“Il mercato è caratterizzato da uno scenario in continua evoluzione -  aggiunge Nencini -. Cresce la consapevolezza di riuscire a mettere in essere servizi di sicurezza proattivi a predittivi. In termini di security le soluzioni sono certamente efficaci, ma è comunque sempre importante che i clienti siano tecnologicamente allineati alle ultime versioni, altrimenti ci si espone inutilmente a rischi che potrebbero essere gestiti in modo del tutto positivo”.
Virtualizzazione, cloud, mobile, IoT, il sistema informativo del passato è in continua espansione e deve potere essere gestito in modo coerente dal punto di vista della sicurezza. “Su queste nuove aree di intervento è per noi importante fare crescere il nostro sistema di partner, mettendo in essere programmi di formazione mirata, che possano fare evolvere il business seconda una modalità as a service, facendo leva su un modello di servizio che permette di confrontarsi con la concorrenza non solo e non più unicamente sul prezzo. Cresce l’importanza del nostro canale distributivo e di partner cui abbiamo delegato la gestione integrale di aziende fino a 500 postazioni. L’anno scorso la soglia era di 250”.
Nencini si dice ottimista per il 2015: “Andremo a rafforzare e consolidare la nostra presenza migliorando ed estendendo il rapporto con i partner impegnandoci nel fare evolvere l’ecosistema verso nuove modalità di servizio sulle quali andremo a fare importanti annunci”.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche