Idc, cloud e IT tradizionale a confronto nel 2018

Pubblicato il: 17/01/2019
Redazione ChannelCity

Nel terzo trimestre 2018 a spesa per le infrastrutture cloud ha lievemente sorpassato quella per gli ambienti IT tradizionali, un sorpasso ancora simbolico e legato alla dinamica di un singolo trimestre. Le previsioni per tutto il 2018 indicano invece che la spesa infrastrutturale cloud dovrebbe attestarsi intorno al 47,4% della spesa globale

Nel terzo trimestre 2018 gli investimenti in hardware per le infrastrutture cloud hanno superato di poco la spesa per l'IT tradizionale: lo dice IDC, secondo cui nel trimestre considerato le vendite di server, storage enterprise e switch Ethernet per i datacenter dei cloud provider hanno mosso circa 16,8 miliardi di dollari. La cifra, che comprende sia il fatturato dei vendor sia il markup del canale, rappresenta una crescita anno su anno del 47 per cento e soprattutto un simbolico 50,9% della spesa infrastrutturale complessiva.
Nel 2019 c'è da mettere in conto un rallentamento fisiologico della crescita del cloud. Nei primi nove mesi del 2018 gli investimenti in infrastrutture IT da parte dei provider del cloud pubblico sono cresciuti molto, spinti dall'apertura di nuovi datacenter e dai refresh tecnologici di quelli già esistenti. A questo punto una frenata è quasi inevitabile, spiega Natalya Yezhkova, research director di IDC: "Ci aspettiamo qualche rallentamento, man mano che il mercato in generale si calma e alcuni cloud provider provvedono ad aggiustamenti della loro supply chain".

idc cloud mercato 3q18
Il sorpasso definitivo del cloud ai danni dell'IT tradizionale è comunque inevitabile, data la continua crescita degli investimenti nella "nuvola" e il rallentamento di quelli convenzionali. IDC prevede ad esempio che la spesa infrastrutturale per il cloud ammonterà a 65,2 miliardi di dollari per il 2018 e di 88,6 nel 2022. A quel punto il cloud rappresenterà la sensibile maggioranza (57,6 percento) della spesa IT complessiva.

Esaminando più in dettaglio gli investimenti infrastrutturali per il cloud, si nota che il cloud pubblico mantiene e persino accresce il suo vantaggio sul cloud privato. Nel terzo trimestre il primo ha generato investimenti per 12,1 miliardi di dollari contro i 4,7 del cloud privato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Mercato

Area Social