Utilizzo Droni, cambia tutto. Diventano uguali i requisiti per operazioni commerciali e per hobby

Pubblicato il: 02/03/2019
Redazione ChannelCity

Lo prevedono le nuove norme attuative del regolamento unico europeo approvate dai rappresentanti degli Stati membri, inclusa l'Italia, presso l'Agenzia europea per la sicurezza aerea, Easa.

Cambia il regolamento per l'utilizzo dei droni. Sono previste procedure più snelle per l'addestramento dei piloti e diventano uguali i requisiti per operazioni commerciali e per hobby. Queste, in sintesi, fra le novità previste nelle norme attuative del regolamento unico europeo approvate dai rappresentanti degli Stati membri presso l'Agenzia europea per la sicurezza aerea (Easa), incluso il nostro Paese.
droni regolamento.jpegLe norme avvicinano così il regolamento unico europeo per i droni e la pubblicazione delle norme sulla Gazzetta Ufficiale Europea è prevista entro giugno, con entrata in vigore a distanza di 20 giorni. Le norme diventeranno applicabili in tutti gli Stati membri a un anno esatto dall'entrata in vigore.

Il nuovo regolamento, che sostituisce quelli nazionali, prevedendo regole semplificate, e standard di sicurezza più elevati, riguarderà tutti i mezzi aerei a pilotaggio remoto per uso civile, ma a seconda del livello di rischio di ciascuna operazione potranno essere necessari requisiti diversi, anche se il drone è lo stesso.

Tra l'altro vengono identificate tre categorie di operazioni: quelle a rischio più basso, dette Open (per operazioni di volo sopra, vicino e lontano dalle persone), in cui bisognerà sempre voltare a vista; quelle specifiche, in cui i droni possono volare al di fuori del campo visivo del pilota, senza limiti di massa o quota per il drone, e infine quelle certificate, per i droni che trasportano persone o merci pericolose, e le operazioni con droni che volano sopra assembramenti di persone. In questo caso sono richieste varie certificazioni per l'aeromobile, operatore e il pilota.

Per la categoria Open, nella quale rientra la maggior parte delle operazioni oggi eseguite, saranno snellite le procedure di addestramento dei piloti. Sui droni verranno inoltre installati due nuovi dispositivi di sicurezza: uno per garantire l'identificazione remota del proprietario da parte delle autorità, e l'altro per bloccarne automaticamente l'accesso a determinate zone. Infine, con il nuovo regolamento verrà meno la distinzione tra operazioni commerciali e per hobby, quindi chiunque voglia usare un drone dovrà rispettare gli stessi requisiti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Categorie: Mercato

Area Social