googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Password, in rete 560 milioni di possibili combinazioni

Il Kromtech Security Research Center pubblica una nota dove si afferma che esiste la possibilità di accedere in rete a un mega archivio di infinite combinazioni di password.

Mercato
Attenzione alle password. Un nuovo allarme di inedite proporzioni è stato lanciato dal team del Kromtech Security Research Center e poi confermato dalle verifiche tecniche del ricercatore di sicurezza Troy Hunt: in Rete esiste un database contenente più di 560 milioni di credenziali di account di posta elettronica e parole chiave, raccolti da fonti diverse nel corso di svariati anni, e reso disponibile online (la fonte è un indirizzo IP di ignota proprietà).
Eventuali “clienti” interessati al servizio dovrebbero semplicemente acquistare l'archivio e usare dei software di automazione delle procedure di login. Con questo metodo diventa possibile attaccare siti, piattaforme e servizi Web riproducendo attività apparentemente lecite e “umane” con un software, e dunque accedere a dati riservati di vario tipo.
I 560 milioni di credenziali dal database sono il bottino di precedenti data breach, eseguiti negli anni scorsi ai danni di servizi molto popolari. Almeno una decina,a detta di Kromtech, e includendo nell'elenco LinkedIn, Dropbox, Lastfm, MySpace, Adobe, Neopets. RiverCityMedia, 000webhost, Tumblr,  Badoo e Lifeboat. Ecco perché è essenziale che i titolari di account su queste piattaforme modifichino le proprie password nel caso già non lo avessero fatto alla luce di recenti notifiche di sicurezza. Sul suo sito Have I Been Pwned, Troy Hunt permette agli internauti che fossero in dubbio di verificare se le proprie username e password siano state violate in passato.
Ad aggravare la portata dei danni, in circostanze come questa, c'è la nota e infausta abitudine al riciclo delle password. Il numero uno di Facebook, Mark Zuckerberg, è stato una vittima illustre l'anno scorso: dal suo profilo di LinkedIn, violato nel 2012 in una famigerata operazione di data breach (117 milioni di credenziali rubate), i criminali informatici erano poi risaliti ai login di Pinterest e Twitter. Servizi come Dropbox hanno più volte invitato i propri iscritti a rimettere mano alle credenziali di accesso, proprio alla luce dell'attacco a LinkedIn.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Come costruire un’azienda sicura? La guida definitiva nel cuore della ripartenza

Speciale

Cybersecurity 2020, la sicurezza dei dati si estende allo smart working

Speciale

Security digital tour, come costruire una "nuova" sicurezza a prova di "nuova" normalità

Speciale

World Backup Day 2020

Speciale

Un approccio sostenibile per il benessere del pianeta

Calendario Tutto

Ago 25
Bitdefender TECH Tuesday #4 Quick Summer Session: Integrated Solutions – Q2 2020 Features
Set 09
SSL-VPN - Strumenti di configurazione avanzati
Set 11
Zyxel Discovery: la panoramica su Soluzioni e Programma di Canale
Set 15
Certificazione DCSA di DataCore
Set 15
Webinar Kaspersky - La protezione Endpoint: scoprite l'efficacia e i vantaggi della nostra soluzione dal livello “ Select” al più esteso “Advanced”
Set 16
Certificazione DCSA di DataCore - parte 2
Set 16
La soluzione Fortinet alla gestione degli eventi e delle informazioni sulla sicurezza
Set 16
Come costruire un’azienda sicura? La guida definitiva nel cuore della ripartenza
Set 17
Webinar Kaspersky - Il valore aggiunto dei Managed Service Provider (MSP) in un mercato in continua evoluzion

Magazine Tutti i numeri

ChannelCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche