Ngage, da Nfon un partner semplice e profittevole

Il partner program di Nfon, Ngage, assicura ai dealer un ingaggio senza investimenti iniziali né vincoli contrattuali, mettendo a disposizione del canale una formula di business che riconosce guadagni interessanti su licenze attivate e traffico telefonico dei clienti. Recente il lancio dell’esclusivo Fidelity Partner Program, che ai benefici di Ngage aggiunge premi addizionali

Vendor
Presente in quindici Paesi europei, oggi Nfon offre ad oltre 40.000 aziende una soluzione affidabile di telefonia professionale in cloud. “Il merito del raggiungimento di questi traguardi va alla tecnologia all’avanguardia su cui fondiamo un’offerta di qualità, ma anche al nostro modello di business totalmente indiretto” afferma Marco Pasculli, Managing Director di Nfon Italia, sottolineando che la gestione del canale rappresenta per il vendor una priorità assolutamente strategica. Per questo, da sempre Nfon rivolge ai suoi partner estrema attenzione, mettendo a disposizione una soluzione che non impone alcun investimento iniziale, né vincolo contrattuale. L’ingaggio chiede al canale solo di trasferire ai clienti i benefici dei servizi, avvantaggiandosi di canoni, fatturato e commissioni ricorrenti per tutta la durata del contratto stipulato con l’utente.

“Ngage è il programma di canale che definisce tutto questo e il suo valore è quello di fornire un’eccellente opportunità di business a tutte le realtà che scelgono di affrontare il futuro delle telecomunicazioni nel nostro Paese e lo fanno offrendo ai clienti una soluzione davvero in grado di guidarli nella trasformazione e digitalizzazione che il mercato richiede. Il tutto beneficiando di una formula di business economicamente vantaggiosa, che prevede un guadagno sia sulle licenze attivate, che sul traffico telefonico utilizzato dal cliente” chiarisce Pasculli, precisando che il programma aiuta i partner anche a generare nuove opportunità di business nei propri segmenti di riferimento. Questo grazie a una formula capace di promuovere una totale ‘comunione’ di interessi tra Nfon e i suoi partner.

In Italia il partner program è disponibile da circa due anni, ossia da quando il vendor è entrato attivamente nel mercato nazionale, replicando e adattando un modello vincente, già adottato negli altri Paesi d’Europa. Per potersi adattare al meglio alle esigenze dei partner, la sua configurazione è in continua evoluzione, ma fin dall’origine è stata pensata per permettere la semplice integrazione delle regole di ingaggio dei nuovi prodotti e servizi resi disponibili nel tempo. “Basti pensare al recente lancio dell’innovativo servizio Trunk SIP che garantisce maggiori risparmi e sicurezza alle reti telefoniche aziendali e che è stato reso parte integrante di Ngage senza variazione alcuna ai contratti in essere e al programma commerciale” spiega Pasculli.


Un programma di canale aperto a tutti
Il partner program Ngage è potenzialmente aperto a qualunque realtà. “Contrattualmente, le aziende possono entrare a farne parte in qualità di dealer o wholesale: il primo può richiedere a Nfon la fatturazione dei servizi in cloud e ai clienti quella del traffico telefonico su cui poi beneficerà di commissioni ricorrenti, mentre il secondo acquista e rivende questi servizi” chiarisce Pasculli. Dal punto di vista operativo il dealer parte con una fase di training tecnico e commerciale, che viene somministrato tramite la Nfon Academy, online o in aula. Parallelamente vengono forniti ai partner tutti gli strumenti pensati per supportare e promuovere il business, a partire da quelli necessari per sviluppare offerte economiche, comunicarle e promuoverle nel modo più corretto ed efficace ai vari interlocutori dei vari segmenti. Il programma prevede anche la possibilità di attivare demo-account gratuiti di Cloudya, sia per i partner sia per i loro clienti o prospect.

“Il processo di affiliazione si svolge in base a potenzialità e capacità di business. Tre i livelli di accreditamento, riconosciuti in base ai volumi e al numero di risorse tecniche e commerciali che il dealer intende dedicare al nostro business. In base al livello vengono stabiliti precisi margini” puntualizza il Managing Director, ricordando i livelli di accreditamento: Approved, Certified e Premium. Molteplici i vantaggi economici derivanti dalla certificazione. Il programma è, infatti, estremamente redditizio e fornisce la possibilità concreta di capitalizzare sui clienti con una fatturazione mensile per l’intera durata dei contratti. Di recente, poi, Nfon ha lanciato l’esclusivo Fidelity Partner Program, che ai benefici di Ngage aggiunge premi addizionali da sommare alla già eccellente remunerazione del programma.
marco pasculli managing director nfon italiaMarco Pasculli, Managing Director di Nfon Italia
Dalla formazione al supporto marketing
All’interno di Ngage la formazione è essenziale. “I partner rappresentano in prima persona la nostra società e ne condividono i principi e la strategia. Riteniamo, quindi, fondamentale che questi aspetti siano ben radicati nella loro cultura aziendale” evidenzia Pasculli. L’obiettivo è che i partner commerciali siano adeguatamente formati per affrontare con la stessa competenza di Nfon tutte le fasi progettuali: da quella preparatoria a quelle di installazione e assistenza dei servizi in cloud. La durata massima del training, somministrato attraverso l’Academy, è pari a una giornata e la formazione viene erogata a titolo completamente gratuito. Il vendor dispone anche di un portale dedicato, dove i partner possono non solo trovare gli strumenti utili a comunicare e vendere Cloudya, ma anche a connettersi con Nfon per accedere a tutta una serie di risorse in maniera semplice e immediata in un unico luogo virtuale. Per qualsiasi esigenza di comunicazione mirata a sviluppare il business, il vendor garantisce, comunque, anche un supporto diretto da parte del team di marketing interno. “Nel corso dell’anno saranno tante le novità che andranno ad arricchire ulteriormente il programma con i prodotti particolarmente innovativi e nuovi incentivi per i partner. Come si dice in questi casi: stay tuned!” conclude, quindi, Pasculli.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche