googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

BitDefender, il futuro della cybersecurity è già qui

Nel corso della recente Emea Virtual Partner Conference, BitDefender ha discusso dell’impatto della pandemia sulla cybersecurity, sottolineando la necessità di ricorrere a piattaforme unificate di sicurezza e analisi dei rischi per resistere agli attacchi avanzati e preservare la continuità operativa delle aziende. Esattamente l’approccio adottato da BitDefender GravityZone, in grado di mettere al sicuro endpoint, rete, cloud e vulnerabilità umane anche attraverso servizi gestiti di rilevamento

Vendor
La pandemia in corso ha spinto le aziende di tutto il mondo a un utilizzo esteso del lavoro da remoto, rendendole estremamente vulnerabili a nuovi vettori di attacco. Una ‘nuova normalità’ che sta obbligando a riconsiderare i sistemi di difesa adottati, mettendo a punto nuove strategie di sicurezza di lungo periodo. Questo il punto di partenza della Emea Virtual Partner Conference, recentemente organizzata da BitDefender e intitolata proprio “The future of cybersecurity – go to the next level”.

Ad aprire i lavori è stato Steve Kelley, President & General Manager Business Solutions Group dello specialista rumeno, che nel suo intervento ha sottolineato più volte come l’impatto della pandemia non sarà solo a breve termine, ma avrà un effetto duraturo nel tempo. “Occorre che le organizzazioni adottino piattaforme unificate di sicurezza e analisi dei rischi per resistere agli attacchi avanzati e preservare la propria continuità operativa” afferma, ricordando come BitDefender GravityZone offra esattamente questo approccio integrato e copra non solo gli endpoint e la rete, ma anche cloud e vulnerabilità umane. Oltre a rinforzare la sicurezza degli endpoint con oltre 30 moduli (tra cui Endpoint Detection and Response, analisi dei rischi e rafforzamento dei device), la piattaforma è, infatti, in grado di proteggere server e virtual desktop in qualsiasi cloud con estrema efficacia e consistenza. Non solo. Migliora anche la difesa aziendale con una sicurezza network-based che garantisce una visibilità sui comportamenti sospetti nella rete ed estende le capacità di rilevamento e risposta (Xdr) per proteggere tutti i dispositivi. Infine, la piattaforma è stata sviluppata per espandere la visibilità e la risposta agli attacchi con flussi di informazioni dalle minacce e migliorare i risultati di sicurezza attraverso servizi gestiti di rilevamento e risposta (Mdr).



Sicurezza dall’alta marginalità per i dealer
“Crediamo in un approccio channel-first al mercato e consideriamo i partner un’estensione della nostra organizzazione. Per questo lavoriamo con loro basando la partnership su valori come la collaborazione, l’efficienza e la trasparenza” spiega Kelley, lasciando la parola a Emilio Roman, Vice President Emea Sales Business Solutions Group di BitDefender, che è entrato nel tema più in dettaglio. “Lavoriamo con realtà di tutte le dimensioni e ascoltiamo ogni loro richiesta per riuscire a cogliere insieme tutte le opportunità che il mercato offre” chiarisce il Vice President Emea nel suo intervento. Richieste che in quest’ultimo periodo si sono focalizzate soprattutto sull’accelerazione dei servizi cloud, su un maggiore engagement dei clienti, su un’offerta rafforzata di managed services, sul potenziamento della customer retention e su una maggiore semplicità relazionale tra canale e vendor. “Sulla base di queste spinte abbiamo intrapreso alcune azioni, tra cui la messa a punto di una organizzazione vendite molto più collaborativa, oltre a un programma di canale più immediato e a numerosi tool di customer retention, aumentando parallelamente il nostro focus su managed services e canali digitali” precisa Roman, che ricorda come il vendor lavori da sempre con il canale su tutto il suo portfolio prodotti, servizi Mdr inclusi, attraverso due categorie principali di partner: reseller/system integrator e Mssp.
bitdefender 4Emilio Roman, Vice President Emea Sales Business Solutions Group di BitDefender“Ogni giorno ci impegniamo a proteggere non solo i vostri clienti con tecnologie e servizi avanzati, ma anche il vostro lavoro grazie a trasparenza e strumenti di deal registration, e soprattutto il vostro business con margini decisamente elevati” aggiunge il Vice President Emea Sales Business Solutions Group. Un margine che sugli ordini Mdr vede, tra l’altro aggiungere un ulteriore 10%. Ma a entrare nel merito dei vantaggi economici, e non solo, del partner program è stato Kevin Percy, Emea Distribution Director di BitDefender, che oltre a ricordare l’importante profittabilità dei prodotti ha anche sottolineato come il vendor non chieda alcun investimento ai suoi dealer per i training tecnici e commerciali. L’adesione al Partner Advantage Network mette, poi, a disposizione dei dealer registrati un team dedicato a rinnovi e retention dei clienti, oltre a una struttura di account manager incaricati di aiutarli a identificare nuove opportunità di cross selling e up selling. “Attraverso il partner program mettiamo anche a disposizione strumenti marketing integrati che possono essere utilizzati in modo estremamente immediato dai dealer, mentre risorse dedicate collaborano alla realizzazione di piani marketing personalizzati per generare Roi particolarmente veloci” conclude Percy, chiarendo che l’accessibilità 24/7 alle risorse e ai tool del portale centralizzato aiuta a velocizzare le operazioni commerciali, di billing e di lead generation di tutti dealer BitDefender.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche