AIOps cos’è e perché tutti ne parlano

AIOps, l’applicazione di intelligenza artificiale in grado di prevenire, identificare e risolvere rapidamente interruzioni di grave entità e altri problemi relativi alle operations IT. A voi una guida con tutti i dettagli su cos’è nello specifico l’AIOps e le soluzioni di Broadcom. Una bussola preziosa in collaborazione con Computer Gross

Tecnologie & Trend
L’AIOps viene sempre più spesso indicata da analisti ed esperti come una delle soluzioni chiave per migliorare il funzionamento del settore IT a livello aziendale.

Ma, a parte il dibattito tra gli addetti ai lavori, in pochi saprebbero immediatamente dire di che cosa stiamo esattamente parlando.
Prima di dare una definizione, partiamo dal perché, molto spesso, le aziende possono avere bisogno di adottare una strategia AIOps: i dipendenti hanno necessità di avere a disposizione servizi digitali estremamente efficienti, in modo tale da compiere al meglio le proprie attività.

Il problema è che – complici anche il cloud e la virtualizzazione - sempre più di frequente i team IT hanno a che fare con quantità crescenti di dati e di una ampia varietà di strumenti per monitorarli. Questo stato di cose può provocare ritardi significativi nell'identificazione e risoluzione dei problemi IT che possono presentarsi in azienda.
Tutto questo, inoltre, è ulteriormente amplificato dalla compartimentazione a silos tipica delle architetture tradizionali, che aumenta non poco le complicazioni per i team IT, che possono dunque accumulare ritardi significativi nell'identificazione e risoluzione dei problemi. Con conseguenze non da poco anche per il business aziendale.


1280px broadcom ltd logo svg




schermata 2021 05 13 alle 16 04 25




AIOps: una definizione

Proprio con lo scopo di prevenire, identificare e risolvere più rapidamente interruzioni di grave entità e altri problemi relativi alle operations IT, sempre più aziende decidono di optare per l’AIOps, ovvero l’applicazione dell’intelligenza artificiale (AI).
In particolare, l’AIOps si caratterizza per l’utilizzo di algoritmi di Machine Learning (ML) e Big Data, con l’obiettivo di supportare tutte le funzioni operative IT primarie, inclusi il monitoraggio della disponibilità e delle prestazioni, la correlazione e l'analisi degli eventi, la gestione e l'automazione dei servizi IT.  In estrema sintesi, le piattaforme AIOps sfruttano i big data e l'analisi avanzata dei dati per avviare in autonomia azioni di intervento e riparazione. 

Abilitando così la la cosiddetta data driven decision: in buona sostanza la AIOps porta i benefici delle principali tecniche di machine learning alle operation IT, aiutandole nel processo decisionale. Ciò è reso possibile dall’acquisizione e l'analisi di dati provenienti simultaneamente da più fonti, che permettono anche di organizzare capacità di riparazione automatizzate e proattive. Tali risposte automatizzate eliminano gli errori umani e i possibili errori nei dati, consentendo alle organizzazioni di concentrarsi maggiormente sulla risoluzione che sul rilevamento dei problemi.  

Dunque, il regolare funzionamento delle operations IT non grava più interamente sul Team IT, che può così concentrare la propria attenzione su altre attività a maggiore valore aggiunto, favorendo tra l’altro l'adozione di tecnologie complesse di nuova generazione.
  Non a caso, nel prossimo futuro l’adozione dell’AIOps è prevista in netto aumento: Gartner prevede che l'uso esclusivo da parte delle grandi aziende di AIOps e altri strumenti di monitoraggio dell'esperienza digitale per monitorare le applicazioni e l'infrastruttura passerà dal 5% nel 2018 al 30% nel 2023.

La AIOps secondo Broadcom

Un operatore che da tempo scommette sul’AIOps è sicuramente Broadcom: basata su Automation.ai, la soluzione Broadcom AIOps è in grado di correlare i dati di utenti, applicazioni, architettura cloud-native, infrastrutture ibride e servizi di rete e applicare machine learning, analisi avanzate e automazione per fornire un nuovo livello di visibilità e insight basati sui dati. In particolare, diventa possibile trasformare i dati in azioni, fornendo insight completi lungo la catena di distribuzione digitale e promuovendo il miglioramento continuo, così da accelerare la fornitura di servizi, aumentare l'efficienza IT e accelerare l'innovazione in azienda.

L’AIOps targata Broadcom offre anche una osservabilità full-stack nell'esperienza digitale (mobile, web, crash, journeys, funnel), il monitoraggio da app a rete e il supporto per architetture cloud native (lambda, open tracing). Sono anche previsti KPI misurabili per aiutare le aziende a stabilire le priorità dei problemi e correlare le prestazioni ad obiettivi di business concreti. Il risultato finale, oltre a una più rapida risoluzione dei problemi delle operations, è il miglioramento delle prestazioni delle app e della stessa esperienza utente.

Il migliore monitoraggio assicura alle aziende anche la possibilità di gestire in modo proattivo ed efficiente il proprio cloud privato e pubblico, nonché le proprie reti.
I partner possono inoltre fare affidamento su un portale "one-stop-shop" (disponibile al seguente link: https://academy.broadcom.com/), in cui è disponibile tutto il materiale necessario per comprendere appieno la strategia sui temi come ValueOps, AIOPs e DevOps ed aumentare il proprio livello di competenze su soluzioni come ad esempio DX NetOps, BlazeMeter, Clarity, Rally e molti altri.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche