GfK, il Retail non food perde il 3% in Europa nel 2020

Il nuovo studio dedicato all'andamento del settore Retail in Europa analizza tra le altre cose il potere d'acquisto dei consumatori, il giro d'affari del settore Retail e l'incidenza delle vendite al dettaglio sulla spesa totale della popolazione.IL commercio al dettaglio di prodotti non alimentari ha visto una contrazione delle vendite del -3%, in calo maggiore si è registrato in Italia, Spagna e Cipro

Mercato
L’emergenza COVID-19 ha imposto sfide importanti per il settore Retail nel corso del 2020.
Da una parte, il settore FMCG (Fast-moving consumer goods) ha beneficiato delle restrizioni alla mobilità e delle nuove abitudini dei consumatori, registrando una crescita media delle vendite del +5,5% nei 27 paesi dell'UE. Dall'altra, il commercio al dettaglio di prodotti non alimentari ha visto una contrazione delle vendite del -3% a livello europeo.
Sono le principali evidenze nel nuovo studio GfK dedicato all’andamento del settore Retail in Europa.
Il calo maggiore nelle vendite di prodotti Non Food è stato registrato in Italia (-11,6%), Spagna (-11,0%) e Cipro (-10,8%).
retail turnover growth rate 2020In particolare, in molti Paesi le vendite abbigliamento e calzature sono scese, con trend negativi anche superiori al -20%. Ci sono state anche delle eccezioni: nei Paesi Bassi il settore del commercio al dettaglio non alimentare nel suo complesso è cresciuto in maniera significativa (+6,2%). A differenza di altri paesi, infatti, qui i negozi sono rimasti sempre aperti durante la prima fase della pandemia e il commercio online ha visto una crescita significativa. Anche in Lituania (+7,7%) e Danimarca (+6,2%), le vendite di prodotti Non Food sono state decisamente più alte nel 2020 rispetto all'anno precedente.
Per approfondire questi fenomeni, GfK ha da poco pubblicato uno studio dedicato all’andamento del settore Retail in Europa a cura del team Geomarketing, che ha valutato i principali indicatori di mercato per il 2020 e il loro impatto sul commercio al dettaglio. Lo studio include un'analisi delle tendenze registrate nei diversi Paesi europei analizzati, offrendo indicazioni preziose per retailer e investitori.
Qui di seguito riportiamo alcuni dei risultati principali dello studio:
  • Potere d’acquisto: Tra i 27 paesi europei analizzati, Spagna, Italia e Cipro sono quelli che hanno registrato la maggiore contrazione del reddito medio, da una parte a causa dei lunghi periodi di lockdown legati alla pandemia, dall’altra per la crisi dell’economia dal turismo, particolarmente importante in questi Paesi. Anche l'Ungheria, che negli scorsi anni aveva registrato incrementi significativi del reddito medio, ha visto una brusca frenata nel 2020, anche a causa della debolezza del fiorino ungherese.
  • Andamento del settore Retail: Le vendite al dettaglio di beni di Largo Consumo in Europa sono cresciute del +5,5% nel corso del 2020. Questo incremento è dovuto al maggiore consumo di cibo e bevande in casa, a causa delle chiusure di ristoranti, mense e a fenomeni come il coprifuoco, che hanno ridotto la mobilità dei cittadini. Gli aumenti più forti sono stati registrati in Germania (+12,4%), Irlanda (+10,3%), Austria (+8,4%) e Lussemburgo (+8,0%). Al contrario, le vendite al dettaglio di beni Non Food sono scese del -3% a livello europeo.
  • Incidenza delle vendite al dettaglio sulla spesa totale: In controtendenza rispetto al trend di lungo corso registrato negli anni precedenti, la quota delle vendite al dettaglio sul totale della spesa dei consumatori è aumentata significativamente nel corso del 2020. In media, i cittadini europei hanno destinato il 35,5% delle loro spese annue al commercio al dettaglio. L’incidenza della spesa destinata al Retail è particolarmente elevata in Croazia (50,9%) e Ungheria (53,3%).
  • Inflazione: lo scorso anno, i prezzi al consumo cresciuti solo dello +0,7% in Europa, in parte a causa del forte calo del prezzo del petrolio. Il tasso di inflazione dovrebbe salire all'1,9% nel corso del 2021. L'aumento dell'inflazione dovrebbe essere particolarmente marcato in Germania, dove la riduzione temporanea dell'imposta sul valore aggiunto è terminata all'inizio dell'anno. Qui, i prezzi dovrebbero aumentare del +2,4%, rispetto al +0,4% registrato nel 2020.
  • Retailer specializzati in Tecnologia di consumo: In dodici paesi dell'Europa occidentale, quasi il 40% delle vendite di prodotti Tech sono state effettuate online nel corso del 2020. La crescita maggiore è stata registrata dai Click and Mortar, che hanno incrementato le loro vendite online del +60% - molto più dei Pure Players online (+36%) – arrivando a rappresentare per la prima volta oltre il 50% di tutte le vendite effettuate online a livello europeo.

retail of technical consumer goodsLa pandemia da Coronavirus ha portato all’emergere o all’accelerazione di alcuni fenomeni che modificheranno il format dei negozi nel lungo periodo", commenta il responsabile dello studio Johannes Schamel. "Il commercio online ha consolidato la propria crescita, in particolare per quanto riguarda i Retailer omnichannel, che stanno crescendo più rapidamente dei Pure Players online. Anche i negozi dei centri cittadini dovranno adattarsi ai cambiamenti nelle abitudini e nella frequenza di visita dei consumatori, che abbiamo osservato ad esempio in Germania."
Lo studio GfK European retail in 2020 and 2021 analizza il potere d'acquisto dei consumatori, il giro d’affari del settore Retail e l’incidenza delle vendite al dettaglio sulla spesa totale della popolazione per il 2020 in Europa. Il report approfondisce inoltre le principali tendenze relative ai Retailer specializzati in Tecnologia di consumo, il potenziale del canale online in Austria e nel Regno Unito (con dettagli a livello regionale) e l’andamento delle frequenze di visita nei centri città nel paese focus di quest'anno, la Germania. I dati relativi a fatturato e potere d'acquisto sono stati convertiti in euro sulla base del tasso di cambio medio di maggio 2021.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche