Canalys, i servizi cloud globali raggiungono i 62,3 miliardi di dollari nel 2Q del 2022

Il cloud rappresenta un segmento in forte crescita in ambito tecnologico. Sebbene le opportunità abbondano per i fornitori grandi e piccoli, l'interesse è molto alto sullo scontro diretto AWS e Microsoft

Mercato

Cresce la domanda e l'adozione dei servizi cloud, molto richiesti anche nel secondo trimestre del 2022. La spesa mondiale è aumentata del 33% anno su anno per raggiungere i 62,3 miliardi di dollari, guidata da una serie di fattori, tra cui la domanda di analisi dei dati machine learning, consolidamento dei data center, migrazione delle applicazioni, sviluppo cloud-native e fornitura di servizi.
L'uso crescente di applicazioni cloud specifiche verticali ha contribuito anche alla realizzazione di casi d'uso orizzontali più ampi osservati nei processi di trasformazione dell'IT.
Gli ultimi dati di Canalys mostrano che la spesa è aumentata di oltre 6 miliardi di dollari rispetto al trimestre precedente e di 15 miliardi di dollari in più rispetto al secondo trimestre del 2021.

I primi tre fornitori, i cosiddetti hyperscaler, nel secondo trimestre del 2022, ovvero Amazon Web Services (AWS), Microsoft Azure e Google Cloud, insieme hanno rappresentato il 63% della spesa globale nel secondo trimestre del 2022 e per una crescita complessiva del 42%.

In un'economia globale in piena inflazione, caratterizzata tassi di interesse in aumento e recessione, la domanda di servizi cloud rimane forte.

Nel secondo trimestre AWS ha rappresentato il 31% della spesa totale di servizi infrastruttuali cloud, diventando così il principale fornitore di servizi cloud, crescendo del 33% su base annua. In seconda posizione Microsoft Azure, con una quota di mercato del 24%, dopo una crescita annuale del 40%. Google Cloud è cresciuto del 45%, con una quota di mercato dell'8%.

La battaglia tra i rivali AWS e Microsoft Azure continua a intensificarsi, con Azure che sta colmando il divario sul suo rivale. Microsoft ha siglato un numero record di accordi pluriennali nei segmenti da 100 milioni a oltre 1 miliardo di dollari. Un ecosistema di go-to-market diversificato, combinato con un ampio portafoglio e un'ampia gamma di partnership software, che consente a Microsoft di rimanere al passo con AWS.

"Il cloud rappresenta un segmento in forte crescita in ambito tecnologico", ha affermato Alex Smith, vicepresidente di Canalys. "Sebbene le opportunità abbondano per i fornitori grandi e piccoli, l'interesse è molto alto sullo scontro diretto AWS e Microsoft. La corsa per investire in infrastrutture per stare al passo con la domanda sarà intensa e metterà alla prova i nervi dei CFO delle società in quanto sia ​​l'inflazione che l'aumento dei tassi di interesse creaano situazioni avverse ai costi".Sia AWS che Microsoft stanno continuando a implementare la componente infrastrutturale. AWS ha in programma di lanciare 24 zone di disponibilità in otto region, mentre Microsoft prevede di lanciare 10 nuove region nel prossimo anno. In entrambi i casi, i fornitori stanno aumentando gli investimenti al di fuori degli Stati Uniti mentre cercano di catturare la domanda globale e assicurarsi di poter fornire soluzioni a bassa latenza e alta sovranità dei dati.

"Microsoft ha annunciato che estenderà la durata dei suoi server e dei dispositivi di rete da quattro a sei anni, migliorando l'efficienza di utilizzo della tecnologia", ha affermato Smith. “Ciò dovrebbe miglorare l'operating incame con Microsoft che sfrutterà maggiormente le sue risorse. Bisogna vedere se i clienti subiranno un impatto negativo in termini di esperienza utente, poiché alcuni servizisaranno inevitabilmente eseguiti su apparecchiature legacy".

Oltre a questi investimenti, le capacità software e le partnership saranno fondamentali per soddisfare le richieste di cloud dei clienti, soprattutto se si considerano le esigenze di elaborazione di servizi altamente specializzati in diversi segmenti verticali.

"La maggior parte delle aziende è andata oltre la fase iniziale di migrazione di una parte dei propri carichi di lavoro nel cloud e sta valutando la migrazione dei servizi chiave", ha affermato Yi Zhang, anlista di Canalys. “I principali fornitori di cloud stanno accelerando le loro partnership con una varietà di aziende software per proporre un'offerta di valore differenziata. Di recente, Microsoft ha esteso i servizi con l'obiettivo di migrare più carichi di lavoro Oracle su Azure, a loro volta collegati ai database in esecuzione su Oracle Cloud".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter