googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Fastweb, ultra broadband anche in FTTC

Dal 2016, grazie a nuove tecnologie xDSL sviluappate da Alcatel-Lucent, velocità superiore ai 100 MBPS anche per l'infrastruttura di accesso in rame.

Vendor
Lunga vita al doppino. Fastweb ha annunciato che dal 2016, in collaborazione con Alcatel-Lucent, potenzierà ed estenderà la propria rete Fiber To The Cabinet (FTTC) consentendo di utilizzare il rame come infrastruttura di accesso ultra broadband.
Il piano di sviluppo prevede l’utilizzo di un mix di tecnologie (Vectoring, GFast e Vdsl Enhanced) che permetterà di raggiungere velocità superiori ai 100 megabit secondo, fino a un massimo di 500 MBPS. Obiettivo, come affermato da Alberto Calcagno CEO di Fastweb, è estendere la rete FTTC di nuova generazione al 30% della popolazione.
La ragione per cui Fastweb persegue ulteriori obiettivi di diffusione dell’ultra broadband attraverso il potenziamento dell’infrastruttura in rame e tecnologie innovative xDSL è duplice: da una parte i costi, nettamente inferiori all’FTTH, dall’altra la capacità delle nuove tecnologie di accesso su doppino di sostenere velocità superiori ai 100 MBPS.
content-small-p3260448.jpg
"FTTH rappresenta l’infrastruttura di accesso Fastweb in 7 città italiane
 (Milano, Genova, Bologna, Roma, Torino, Bari e Napoli), ma per attenuare il gap digitale attualmente esistente sul territorio italiano si deve puntare sull’FTTC", dice Calcagno. Su questa posizione, aggiunge il CEO: "esiste una convergenza tra i maggiori operatori europei, soprattutto in quei Paesi dove esiste una rete distributiva con un last mile molto ridotto (per l’Italia si parla di una media di 250 metri)". "Impensabile, dice Calcagno, ipotizzare un obiettivo di copertura ultra broadband diffuso perseguendo una logica distributiva FTTH". Quest’ultima è destinata a essere la rete ultra broadband delle grandi aree urbane. Per il 2020 in Europa si prevede che la market share ultra broadband sarà per 58% FTTC mentre la quota FTTH è data al 16%.
fastweb1.jpgFTTC, quindi, come internet ad alta velocità per la gran parte di utenti che finora non è raggiunta dalla fibra. Insomma per Fastweb l’espansione italiana verrà declinata in rame. Resta da capire quanta parte dell’infrastruttura di accesso in rame sia sufficientemente adeguata a supportare le nuove connessioni., ma l’obiettivo di una penetrazione del 30% è del tutto fattibile.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Come costruire un’azienda sicura? La guida definitiva nel cuore della ripartenza

Speciale

Cybersecurity 2020, la sicurezza dei dati si estende allo smart working

Speciale

Security digital tour, come costruire una "nuova" sicurezza a prova di "nuova" normalità

Speciale

World Backup Day 2020

Speciale

Un approccio sostenibile per il benessere del pianeta

Calendario Tutto

Ago 25
Bitdefender TECH Tuesday #4 Quick Summer Session: Integrated Solutions – Q2 2020 Features
Set 09
SSL-VPN - Strumenti di configurazione avanzati
Set 11
Zyxel Discovery: la panoramica su Soluzioni e Programma di Canale
Set 15
Certificazione DCSA di DataCore
Set 15
Webinar Kaspersky - La protezione Endpoint: scoprite l'efficacia e i vantaggi della nostra soluzione dal livello “ Select” al più esteso “Advanced”
Set 16
Certificazione DCSA di DataCore - parte 2
Set 16
La soluzione Fortinet alla gestione degli eventi e delle informazioni sulla sicurezza
Set 16
Come costruire un’azienda sicura? La guida definitiva nel cuore della ripartenza
Set 17
Webinar Kaspersky - Il valore aggiunto dei Managed Service Provider (MSP) in un mercato in continua evoluzion

Magazine Tutti i numeri

ChannelCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche