googletag.pubads().definePassback('/4143769/channelcity-sfondo', [1, 1]).display();

Autostrade, da domani sciopero benzinai per due giorni

Questa settimana fare benzina sulle autostrade sarà problematico. Debutta, infatti, alle ore 22.00 di domani, martedì 3 marzo, il primo sciopero di 48 ore proclamato dai gestori delle aree di servizio autostradali che si prolungherà fino alle ore 22.00 di giovedì 5 marzo.

Mercato
Questa settimana fare benzina sulle autostrate italiane sarà problematico. Debutta, infatti, alle ore 22.00 di domani, martedì 3 marzo, il primo sciopero di 48 ore proclamato dai gestori delle aree di servizio autostradali che si prolungherà fino alle ore 22.00 di giovedì 5 marzo.
sciopero-benzinai.jpgL’azione di chiusura - si legge in una nota congiunta delle Organizzazioni di categoria, Faib Confesercenti, Fegica Cisl ed Anisa Confcommercio - si rende ormai inevitabile per l’assoluta inerzia dei Ministeri dei Trasporti e dello sviluppo economico che hanno deciso di lasciare cadere nel vuoto ogni sollecitazione al confronto. Un atteggiamento che tenta inutilmente di dissimulare la difesa strenua dei privilegi e delle ingentissime rendite di posizione delle potenti società concessionarie che continuano ad incassare ogni tipo di favore: dagli aumenti sistematici dei pedaggi e delle tariffe; ai prolungamenti ultra decennali dei contratti di concessione; passando per gli atti di indirizzo governativi sulla gestione dei servizi offerti in autostrada utili solo ad aumentare royalty e prezzi dei carburanti ed a comprimere ognilivello di servizio da offrire ai consumatori ed agli automobilisti.
Una situazione intollerabile e gravissima che, al contrario, richiede al Governo un intervento teso a tutelare il “bene pubblico” offerto in concessione e l’interessegenerale.
Che, tra tante competenze istituzionali, debba essere una categoria - composta da 460 imprese e 6000 dipendenti che perderanno il posto di lavoro - a dover portare il carico di una tale istanza, la dice lunga sullo stato di degrado di gran parte della classe dirigente di questo Paese e non solo di quella politica.
E tuttavia - conclude la nota sindacale - in assenza di interventi concreti, i gestori torneranno nuovamente ad assumere ulteriori iniziative, anche attraverso nuove tornate di sciopero.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ChannelCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Mantieniti aggiornato sul mondo del canale ICT

Iscriviti alla newsletter

statistiche